Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25111 del 08/10/2019

Cassazione civile sez. I, 08/10/2019, (ud. 19/06/2019, dep. 08/10/2019), n.25111

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. AMATORE Roberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 20528 – 2018 r.g. proposto da:

A.S. (cod. fisc. (OMISSIS)), rappresentato e difeso, giusta

procura speciale apposta in calce al ricorso, dall’Avvocato Carmine

Verde, presso il cui studio è elettivamente domiciliato in

Campobasso, Via Principe di Piemonte n. 86.

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro legale rappresentante

pro tempore;

– intimato –

avverso la sentenza della Corte di appello di Firenze, depositata in

data 20.12.2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

19/6/2019 dal Consigliere Dott. Roberto Amatore.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1.Con la sentenza impugnata la Corte di Appello di Firenze – decidendo sull’appello proposto da A.S., cittadino del Pakistan, avverso la ordinanza emessa dal Tribunale di Firenze (con la quale erano state respinte le domande volte ad ottenere la reclamata protezione internazionale e quella umanitaria) – ha confermato il provvedimento emesso in primo grado, rigettando, pertanto, l’appello.

La corte del merito ha ritenuto non credibile il racconto della vicenda personale del richiedente perchè intrinsecamente contraddittorio: il ricorrente ha, infatti, raccontato di essere stato costretto a lasciare il Pakistan perchè minacciato da un gruppo di fiancheggiatori dei talebani, tra le cui file si annidava anche il soggetto responsabile della morte di alcuni suoi familiari collegata alla vicenda del matrimonio di una sua cugina, persona quest’ultima di cui l’assassino si era invaghito e con la quale voleva dunque contrarre matrimonio. La corte territoriale ha inoltre ritenuto in ammissibilmente generiche le critiche rivolte dall’appellante all’accertamento della insussistenza, nel Punjab, regione di provenienza del richiedente, di una situazione di violenza indiscriminata e generalizzata tale da giustificare la richiesta di protezione sussidiaria; ha inoltre osservato che la sola circostanza dell’inserimento lavorativo non giustificava di per sè il riconoscimento della reclamata protezione umanitaria, anche in ragione degli strettissimi legali familiari ancora in essere con i familiari in Pakistan.

2. La sentenza, pubblicata il 20.12.2017, è stata impugnata da A.S. con ricorso per cassazione, affidato ad un unico motivo.

L’amministrazione intimata non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1.Con il primo ed unico motivo la parte ricorrente – lamentando, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione e falsa applicazione del D.Lgs. 28 gennaio 2008, n. 25, art. 8 – ha evidenziato che la valutazione di mancanza di pericolosità interna del Pujab espressa dalla corte di merito si era sviluppata senza l’indicazione delle fonti di conoscenza utilizzate e comunque senza dare accesso sul punto alle fonti qualificate. Si denuncia anche l’illegittimità della decisione laddove le informazioni utilizzate dai giudici del merito non erano state assunte con le modalità indicate dal D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8 e cioè tramite il vaglio di dati informativi aggiornati ed ufficiali. Osserva ancora il ricorrente che la regione di provenienza del richiedente, il Punjab, è attraversata da aspri e violenti conflitti di carattere etnico-religioso con conseguente pericolo per la incolumità dei cittadini.

2. Il ricorso è inammissibile nella sua unica ragione di doglianza.

2.1 Va subito evidenziato come la doglianza, per come formulata, non intercetti in alcun modo la ratio decidendi della motivazione impugnata che riposa sul rilievo di genericità delle censure proposte, in sede di gravame, da parte dell’odierno ricorrente, mentre quest’ultimo censura la sentenza sopra indicata sotto il solo profilo del mancato accertamento della situazione di pericolosità del Punjab, sub specie di violenza indiscriminata, sulla base di qualificate fonti informative.

Nessuna statuizione è dovuta per le spese del giudizio di legittimità per la mancata difesa dell’amministrazione intimata.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17 dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 19 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 8 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA