Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25052 del 07/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. un., 07/12/2016, (ud. 08/11/2016, dep. 07/12/2016), n.25052

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RORDORF Renato – Primo Presidente aggiunto –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Presidente di sez. –

Dott. AMOROSO Giovanni – Presidente di sez. –

Dott. PETITTI Stefano – Presidente di sez. –

Dott. NAPPI Aniello – Consigliere –

Dott. CHINDEMI Domenico – rel. Consigliere –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20797-2013 proposto da:

G.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA AJACCIO 14,

presso lo studio dell’avvocato CORRADO PICCIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato GRAZIA PAPPALARDO, per delega a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI FLORIDIA, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLA PIRAMIDE CESTIA 1/B, presso lo studio

dell’avvocato GIOVANNI ZAPPULLA, rappresentato e difeso

dall’avvocato MICHELANGELO PAPPALARDO, per delega a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 180/2013 del TRIBUNALE di SIRACUSA, depositata

l’1/02/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza

dell’8/11/2016 dal Consigliere dott. DOMENICO CHINDEMI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

SALVATO Luigi, che ha concluso per l’accoglimento del primo motivo

del ricorso.

Fatto

Il giudice di pace di Floridia dichiarava il difetto di giurisdizione del giudice ordinario in favore del giudice amministrativo relativamente al giudizio civile instaurato dal sig. G.G. nei confronti del comune di Floridia “al fine di ottenere il risarcimento dei danni materiali subiti dalla propria autovettura Volkswagen Passat, tamponata da ignoti all’interno degli stalli di sosta in corso (OMISSIS), dimensionati eccessivamente in violazione delle norme di settore.

Il tribunale di Siracusa confermava la sentenza del giudice di pace, ritenendo trattarsi di un giudizio sulla legittimità di un atto amministrativo, quale il dimensionamento degli stalli di sosta eseguito in vic;dazione di legge in relazione all’ampiezza della corsia di marcia, devoluto a specifici organi di giustizia amministrativa, con conseguente competenza del giudice amministrativo.

G.G. proponeva ricorso per cassazione deducendo due motivi.

Il comune di Floridia si è costituito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Col primo motivo il ricorrente deduce il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo in favore del giudice ordinario, rilevando come il giudizio non abbia ad oggetto la legittimità o meno dell’atto amministrativo ma l’accertamento di un comportamento colposo della P.A., chiedendo, con il secondo motivo, la decisione della causa nel merito ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 2.

Va, al riguardo, rilevato che la sentenza della Corte Costituzionale 6 luglio 2004 n. 204 (dichiarativa della incostituzionalità del D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 80, art. 34, comma 1 (come sostituito dalla L. 21 luglio 2000” n. 205, art. 7, lett. b), nella parte in cui prevede che sono devolute alla giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo le controversie aventi ad oggetto “gli atti, i provvedimenti e i comportamenti” anzichè “gli atti e i provvedimenti” delle pubbliche amministrazioni e dei soggetti alle stesse equiparati, in materia urbanistica ed edilizia) ha escluso che la mera partecipazione del soggetto pubblico al giudizio sia sufficiente perchè si radichi la giurisdizione del Giudice amministrativo e, dall’altro lato, ha evidenziato come non “sia sufficiente il generico coinvolgimento di un pubblico interesse nella controversia perchè questa possa essere devoluta ai giudice amministrativo” (cfr. sub 3.2 in motivazione).

La giurisdizione del Giudice amministrativo resta, in ogni caso, delimitata dal collegamento dell’esercizio in concreto dei potere amministrativo secondo le forme tipiche previste dall’ordinamento, pertanto l’Amministrazione deve essere convenuta davanti al Giudice ordinario in tutte le ipotesi in cui l’azione risarcitoria costituisca lesione di diritti incomprimibili” come la salute o l’integrità personale o quante volte l’azione della pubblica amministrazione non trovi rispondenza in un precedente esercizio del potere, che sia riconoscibile come tale, perchè a sua volta delilderato nei modi ed in presenza dei requisiti richiesti per valere come atto o provvedimento e non come mera via dì fatto (cfr Cass. 20.10.2006 n. 22521)

Questa Corte, al riguardo ha già affermato che “nell’attuale assetto costituzionale, successivamente alla sentenza n. 204 del 2004 della Corte costituzionale, la giurisdizione esclusiva non è estensibile alle controversie nelle quali la P.A. non esercita alcun potere pubblico, in particolare va riconosciuta la giustiziabilità davanti al giudice ordinario in tutte le controversie in cui si denunzino comportamenti configurati come illeciti ex art. 2043 c.c., e a fronte dei quali, per non avere la P.A. osservato condotte doverose, la posizione soggettiva del privato non può che definirsi di diritto soggettivo, restando escluso il riferimento ad atti e provvedimenti, di cui la condotta dell’amministrazione sia esecuzione, quando essi non costituiscano oggetto del giudizio, per essersi fatta valere in causa unicamente l’illiceità della condotta dell’ente pubblico, suscettibile di incidere sulla incolumità e i diritti patrimoniali del terzo, potendo in tali casi il giudice ordinario non solo condannare l’amministrazione al risarcimento, ma anche ad un “facere” specifico senza violazione del limite interno delle sue attribuzioni” (Cass. Sez. U, Sentenza n. 20117 del 18/10/2005).

2. Il primo motivo è inammissibile in quanto non sono stati evidenziati gli elementi da cui desumere se oggetto del giudizio, con riguardo al “petitum sostanziale”, sia la violazione delle norme di settore poste a presidio della integrità fisica dei cittadini fruitori della strada di proprietà del Comune per l’eccessivo dimensionamento degli stalli di sosta, eseguito in violazione delle norme di legge, in relazione all’ampiezza della corsia di marcia, oppure la richiesta di risarcimento danni conseguenti al comportamento colposo ed illegittimo del Comune.

Non risulta adeguatamente censurata la valutazione del Tribunale che ha ritenuto, sostanzialmente, trattarsi di materie e rapporto assegnati alla giurisdizione amministrativa.

Nel caso di specie non risulta adeguatamente censurato il dictum del Tribunale che ha rilevato come la controversia risulti incentrata unicamente sul dimensionamento degli stati di sosta, asseritamente eseguito in violazione delle norme di legge mentre il danno al patrimonio dell’attore, cioè alla sua autovettura, si assume come conseguenza del comportamento illegittimo del Comune e potrebbe trovare tutela risarcitoria anche davanti al giudice amministrativo, quale conseguenza della eventuale accertata violazione del dimensionamento degli stalli di sosta alla cui osservanza il Comune era tenuto sulla base della normativa esistente.

Il motivo, così come formulato, non consente di verificare se la richiamata violazione rilevi come richiamo alla causa del lamentato danno, e cioè agli atti illegittimi in sè, da cui sarebbe derivato il danno lamentato oppure come attività comportamentale colposa del Comune ” in violazione del principio del neminem laedere, con la conseguenza che se dall’osservanza dell’art. 2043 c.c. derivi un danno al terzo, deve a questi riconoscersi azione risarcitoria, anche in forma specifica, davanti ai giudice ordinario, vertendosi in terna di fatto illecito lesivo di posizioni di diritto soggettivo (cfr. Cass. Sez. U, Ordinanza 14/03/2011 n. 5926; Cass., Sez. Un., 6 dicembre 1988 n. 6635).

Il secondo motivo, con cui il ricorrente chiede la decisione nel merito della controversia, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 2, rimane assorbito. Va, conseguentemente, dichiarata l’inammissibilità del ricorso, con condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in Euro: 3.000 per compensi professionali, Euro 200 per esborsi oltre spese forfettarie e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 8 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 7 dicembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA