Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25014 del 06/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 2 Num. 25014 Anno 2013
Presidente: ODDO MASSIMO
Relatore: BIANCHINI BRUNO

ORDINANZA
Sul ricorso iscritto al n. R.g. 17875/11 proposto da:

Paolo MANFREDI (c.f.: MNF PLA 61T21 A944Z):,

Michele MANFREDI ( c.f. MNF MHL 63B23 A944D);
Anna Maria BORRI ved. MANFREDI ( BRR NMR 24E60 A944C)
Parti tutte rappresentate e difese dagli avv.ti Paolo Faldella ed Alessandro Bozza ;
elettivamente domiciliate presso lo studio del secondo in Roma, via Nazionale n. 204,
giusta procura in calce al ricorso
– Ricorrenti—

Contro
Bruno ARCANGIOLINI (c.f.: RCN BRN 47M30 A944U);
Daniela SANTI (

SNT DNL 55M59 G566T)

parti rappresentate e difese , in forza di procura speciale a margine del controricorso, dagli
avv.ti Pietro Torricelli e Franco Sabatini ed elettivamente domiciliate presso lo studio del
secondo in Roma, viale Gorizia n.14
– Controricoricorrenti —

contro la sentenza n. 273/2011 della Corte di Appello di Bologna, depositata il 21
febbraio 2011 e notificata il 27 aprile 2011.
//40~144.4

Data pubblicazione: 06/11/2013

Udito l’avv. per le parti ricorrenti, l’avv. Alessandro Bozza Venturi, che ha
concluso perché venga dichiarata la cessazione della materia del contendere o
l’estinzione del procedimento a seguito di rinunzia del ricorso;

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RILEVATO
che H Tribunale di Bologna, con sentenza del marzo 2006, respinse la domanda
proposta da Michele Manfredi; Anna Maria Borri ved. Manfredi e da Paolo Manfredi,
diretta ad ottenere la demolizione di porzioni di edificio erette dai confinanti Bruno
Arcangiolini e Daniela Santi a distanza riferita non legale dal confine , avendo
identificato la linea confinaria — in accoglimento della domanda di regolamento di
confini proposta in via riconvenzionale da questi ultimi- in quella corrente
parallelamente al confine catastale, alla distanza di cinque metri dalla facciata di
entrambi gli edifici innalzati sui fondi di rispettive proprietà;
che i Manfredi/Borri proposero appello lamentando l’erronea valutazione degli atti di

frazionamento allegati ai rispettivi rogiti di acquisto e la non condivisibile
interpretazione delle emergenze di causa;
che La Corte di Appello di Bologna , pronunziando sentenza n. 273/2011, respinse il
gravame;
che per la cassazione di tale decisione hanno proposto ricorso i Manfredi/Borri, sulla
base di sette motivi di annullamento, cui hanno risposto con controricorso gli
Arcangiolini/ Santi;
che con nota di deposito del 24 settembre 2013 è stato prodotto atto di rinunzia al
ricorso intestato ai ricorrenti e sottoscritto, oltre che dai predetti, per accettazione della
rinunzia, dai contro ricorrenti, e dai rispettivi procuratori;
che il procuratore delle parti ricorrenti , alla pubblica udienza del 26 settembre 2013, ha
insistito per la estinzione del giudizio;

_

2

_

Aurelio Golia che ha concluso per la declaratoria di estinzione del giudizio.

RITENUTO
Che si sono realizzati i presupposti previsti dagli artt. 390 e 391 cpc per la declaratoria
di estinzione del giudizio;
che le spese vanno compensate tra le parti, giusta la indicazione contenuta nell’atto di

“parziale” delle medesime, senza specificazione della percentuale a carico di ciascuna
parte-

P.Q.M.
La Corte
Dichiara estinto il giudizio di legittimità e compensate le spese.
Così deciso in Roma il 26 settembre 2013 , nella camera di consiglio della 2^ Sezione
Civile della Corte di Cassazione.

rinunzia — così dovendosi interpretare la congiunta volontà di compensazione

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA