Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24966 del 25/11/2011

Cassazione civile sez. I, 25/11/2011, (ud. 25/10/2011, dep. 25/11/2011), n.24966

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARNEVALE Corrado – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 29634-2008 proposto da:

P.G. (C.F. (OMISSIS)), elettivamente domiciliata

in ROMA, VIA VAL PELLICE 53, presso l’avvocato CRUCITTI DOMENICO,

rappresentata e difesa dall’avvocato CRUCITTI NICOLA PAOLO, giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di CATANZARO, depositato il

07/12/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

25/10/2011 dal Consigliere Dott. MAGDA CRISTIANO;

udito, per la ricorrente, l’Avvocato CRUCITTI NICOLA che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE IGNAZIO che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte d’Appello di Catanzaro, con decreto del 7.12.07, ha accolto la domanda proposta da D.G. nei confronti del Ministero della Giustizia per ottenere il ristoro del danno non patrimoniale subito per l’eccessiva durata di un processo civile, definito dal Tribunale di Reggio Calabria con sentenza del 17.2.06, nel quale egli era stato convenuto con citazione del 4.5.91. Contro il provvedimento ha proposto ricorso per cassazione, affidato ad un unico motivo, P.G..

Il Ministero della Giustizia ha resistito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1) Con l’unico motivo di ricorso P.G., denunciando violazione e/o falsa applicazione della L. n. 89 del 2001 e dell’art. 6 CEDU in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, deduce di aver proposto domanda di equo indennizzo unitamente al D., che era stato con lei convenuto nel medesimo giudizio di merito la cui durata eccessiva è stata invocata a fondamento della pretesa risarcitoria.

Lamenta che la Corte di merito non l’abbia neppure menzionata nel provvedimento e non abbia liquidato alcuna somma in suo favore. Il motivo va dichiarato inammissibile. La Corte territoriale non ha respinto nel merito la domanda asseritamene proposta dalla P., nè l’ha ritenuta improponibile per il solo fatto che identica domanda era stata proposta dal D..

La statuizione di cui la ricorrente lamenta la mancanza non può dunque integrare vizio di violazione di legge. Ricorrerebbe, se mai, nella specie, un vizio di omessa pronuncia, che, secondo la giurisprudenza costante e consolidata di questa Corte (cfr. da ultimo, fra le tante, Cass. nn. 12992/010, 5203/010, 2234/010, 26598/09) avrebbe potuto essere fatto valere esclusivamente ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4, ovvero quale error in procedendo, che la P. non ha denunciato. Le spese processuali seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna P. G. a pagare al Ministero della Giustizia le spese processuali, che liquida in Euro 1.000 per onorari, oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 25 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 25 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA