Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24965 del 25/11/2011

Cassazione civile sez. I, 25/11/2011, (ud. 25/10/2011, dep. 25/11/2011), n.24965

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARNEVALE Corrado – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 5368-2008 proposto da:

A.A.N. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliata in ROMA, V. PAOLO EMILIO 57, presso l’avvocato BILOTTA

ROBERTO (C/O STUDIO LAGALE MARCELLO GRECO), rappresentata e difesa

dall’avvocato VETERE SALVATORE, giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA;

– intimato –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di SALERNO, depositato il

14/06/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

25/10/2011 dal Consigliere Dott. MAGDA CRISTIANO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE IGNAZIO che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte d’Appello di Salerno, con decreto del 14.6.07, ha dichiarato improponibile la domanda di risarcimento del danno da eccessiva durata del processo proposta, ai sensi della L. n. 89 del 2001, da A.N.A. nei confronti del Ministero della Giustizia.

A sostegno della decisione la Corte ha rilevato che la ricorrente non ha fornito prova che alla data di deposito del ricorso (20.9.06) il procedimento presupposto fosse ancora pendente e che, pertanto, non fosse decorso il termine decadenziale di sei mesi dal passaggio in giudicato della sentenza.

La A. ha chiesto la cassazione del provvedimento, con ricorso affidato ad unico motivo. Il Ministero della Giustizia non ha svolto difese.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di ricorso la A. lamenta che la Corte territoriale abbia dichiarato improponibile il ricorso senza richiedere l’acquisizione degli atti del procedimento presupposto, secondo quanto previsto dalla L. n. 89 del 2001, art. 3.

Il motivo deve essere respinto.

Ai sensi dell’art. 4, della L. citata, la domanda di equa riparazione può essere proposta durante la pendenza del procedimento nel cui ambito la violazione si assume verificata, ovvero, a pena di decadenza, entro sei mesi dal momento in cui la decisione, che conclude il medesimo procedimento, è divenuta definitiva.

La prova della ricorrenza della condizione di proponibilità della domanda deve essere data dalla parte istante, ed il giudice, anche in sede di legittimità, deve porsi d’ufficio la relativa questione, verificando che detta prova sia stata fornita, pur in mancanza di eccezioni di controparte al riguardo (Cass. n. 11231/03). La Corte territoriale ha dunque correttamente rilevato che la A. non aveva assolto al proprio onere, posto che la dedotta pendenza del procedimento dinanzi al giudice di legittimità non poteva desumersi dalla copia uso studio del ricorso per cassazione da lei depositata,che era priva della relata di notifica. L’assunto della ricorrente, secondo cui la prova in questione avrebbe potuto essere tratta dagli atti del processo presupposto, di cui la Corte di merito non ha disposto l’acquisizione, è privo di fondamento. Infatti, ai sensi dell’art. 123 disp. att. c.p.c., il cancelliere deve fare annotazione dell’avvenuta impugnazione della sentenza solo sull’originale della stessa e non anche all’interno del fascicolo d’ufficio. La A. non può, infine, dolersi, nella presente sede di legittimità, del fatto che la Corte di merito non abbia assunto, d’ufficio, informazioni in ordine all’effettiva pendenza del procedimento: siffatto potere, riconosciuto al giudice dall’art. 738 c.p.c., comma 2, è infatti oggetto di una mera facoltà e non di un obbligo, sicchè il suo mancato esercizio non determina l’inosservanza delle norme che disciplinano il procedimento camerale e risulta incensurabile in cassazione. (Cass. n. 1947/99).

Non v’è luogo alla liquidazione delle spese processuali in favore del Ministero intimato, che non ha svolto difese.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 25 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 25 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA