Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24945 del 07/10/2019

Cassazione civile sez. I, 07/10/2019, (ud. 11/09/2019, dep. 07/10/2019), n.24945

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DIDONE Antonio – Presidente –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. DE MARZO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. FIDANZIA Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9815/2017 proposto da:

F.V., G.M., elettivamente domiciliati in Roma,

Via Della Giuliana n. 101, presso lo studio dell’avvocato Piselli

Mario che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato Boldrini

Giovanni, giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

Fallimento (OMISSIS) S.r.l., in liquidazione, in persona del curatore

Dott. Fa.Co., elettivamente domiciliato in Roma, Via G.G.

Belli, n. 60, presso lo studio dell’avvocato Colantoni Luciana,

rappresentato e difeso dall’avvocato Morosini Giancarlo, giusta

procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 357/2017 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 10/02/2017;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

11/09/2019 dal Cons. Dott. TERRUSI FRANCESCO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE

RENZIS Luisa, che ha concluso per l’estinzione per rinuncia;

udito per il ricorrente l’Avvocato Piselli Mario, che ha confermato

la rinuncia.

Fatto

RILEVATO

che:

la corte d’appello di Bologna, con sentenza in data 10-2-2017, ha respinto il gravame proposto da G.M. e F.M., ex sindaci della (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione, successivamente dichiarata fallita, avverso la sentenza con la quale il tribunale di Rimini aveva accolto l’azione di responsabilità L. Fall., ex art. 146, promossa dal curatore del fallimento, e condannato, in particolare, i sindaci al risarcimento dei danni cagionati alla società per non aver impedito l’ulteriore dilatazione dell’esposizione debitoria verso la controllante Belli Immobiliare s.p.a., attraverso finanziamenti;

G. e F. hanno proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi;

la curatela ha nel controricorso prioritariamente eccepito la tardività dell’impugnazione;

la causa è stata rimessa in pubblica udienza con ordinanza n. 9536 del 2019 della Sesta sezione;

i ricorrenti, in prossimità dell’udienza, hanno depositato un atto di rinuncia al ricorso, con in calce il visto di adesione della parte controricorrente e del suo difensore;

consegue che il giudizio è estinto per rinuncia;

non devesi far luogo a pronuncia sulle spese (art. 391 c.p.c., u.c.).

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 11 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 7 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA