Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24941 del 23/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 23/10/2017, (ud. 12/06/2017, dep.23/10/2017),  n. 24941

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11961/2015 proposto da:

F.M. (parte ricorrente);

– ricorrente –

contro

PROCURATORE REPUBBLICA PRESSO TRIBUNALE TORINO, PROCURATORE GENERALE

PRESSO LA CORTE D’APPELLO TORINO, G.A.;

– intimati –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di TORINO, depositato il

24/12/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 12/06/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO PIETRO

LAMORGESE.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Premesso che F.M. ha presentato ricorso per cassazione avverso il decreto del Tribunale di Torino, in data 30 dicembre 2014, che aveva rigettato il suo reclamo avverso il provvedimento del giudice tutelare che aveva autorizzato il proprio amministratore di sostegno, avv. G.A., ad effettuare pagamenti vari;

ritenuto che il ricorso non è stato notificato all’avv. G., il quale non si è costituito e che, inoltre, è stato proposto dalla F. personalmente, senza essere sottoscritto da avvocato iscritto nell’apposito albo e munito di procura speciale (art. 365 c.p.c.).

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 12 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 23 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA