Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24912 del 20/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 20/10/2017, (ud. 05/10/2017, dep.20/10/2017),  n. 24912

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – rel. Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21546/2015 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., P.I. e C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PO 25/B, presso lo studio dell’avvocato ROBERTO PESSI, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

F.M.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 16/2015 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 18/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 05/10/2017 dal Presidente Relatore Dott. PIETRO

CURZIO.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Poste Italiane spa ha proposto ricorso per cassazione nei confronti della sentenza emessa dalla Corte d’appello di Perugia nella controversia promossa da F.M..

Parte intimata non ha svolto attività difensiva.

Nel corso del giudizio di cassazione le parti hanno conciliato la controversia (il verbale di conciliazione è stato prodotto in giudizio).

Per tale motivo deve dichiarasi la cessazione della materia del contendere. Nulla sulle spese poichè la parte intimata non ha svolto attività difensiva. La decisione adottata (cessazione della materia del contendere) comporta l’esclusione del raddoppio del contributo unificato.

PQM

La Corte dichiara la cessazione della materia del contendere.

Nulla sulle spese.

Così deciso in Roma, il 5 ottobre 2017.

Depositato in Cancelleria il 20 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA