Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24900 del 20/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 20/10/2017, (ud. 08/06/2017, dep.20/10/2017),  n. 24900

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – rel. Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20375-2015 proposto da:

FARMALABOR S.R.L., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 1, pressa lo

studio dell’avvocato FRANCESCO GHERA, rappresentata e difesa

dall’avvocato DOMENICO GAROFALO, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

R.S.;

– intimato –

Nonchè da:

R.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA E. PISTELLI,

4, presso lo studio dell’avvocato MARIO GERUNDO, rappresentato e

difeso dagli avvocati GIACOMO QUAGLIARELLA, NICOLA LIBERO ZINGRILLO,

giusta delega in atti;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

FARMALABOR S.R.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1184/2015 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 23/06/2015 R.G.N. 3403/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

08/06/2017 dal Consigliere Dott. FABRIZIA GARRI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per cessazione della materia del

contendere.

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

1. La Corte di appello di Bari, in parziale riforma della sentenza del Tribunale Trani, ha accolto la domanda proposta da R.S. nei confronti della Farmalabor s.r.l. ed ha dichiarato l’inefficacia del licenziamento intimatogli oralmente in data 29 febbraio 2008 ordinando la riassunzione e condannando la società a corrispondergli le retribuzioni maturate dal recesso al ripristino del rapporto ed alla regolarizzazione contributiva, confermando la sentenza per la parte non impugnata e condannando la società alla rifusione delle spese del doppio grado di giudizio.

2. Per la cassazione della sentenza ricorre la Farmalabor s.r.l. che articola tre motivi. Resiste con controricorso R.S. e propone ricorso incidentale con il quale si duole del mancato riconoscimento, sulle somme dovute, degli accessori ai sensi dell’art. 429 c.p.c..

3. In prossimità dell’udienza fissata per la discussione il ricorrente ha depositato il verbale di conciliazione sottoscritto dalle parti davanti al giudice della sezione lavoro del Tribunale di Trani in data 6 giugno 2017 con il quale sono state definite tra le parti le controversie tra loro pendenti e definita ogni questione inerente il rapporto di lavoro tra le stesse intercorso. Le parti poi hanno convenuto di compensare le spese legali.

5. Ne consegue che, in conformità a quanto dalle parti convenuto, il presente procedimento va definito con una declaratoria di cessazione della materia del contendere con compensazione delle spese del giudizio di legittimità.

PQM

La Corte, dichiara cessata la materia del contendere e compensa tra le parti le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 8 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 20 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA