Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24874 del 20/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 20/10/2017, (ud. 05/10/2017, dep.20/10/2017),  n. 24874

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – rel. Consigliere –

Dott. FASANO Annamaria – Consigliere –

Dott. GIORDANO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 1499/2011 R.G. proposto da:

Fratelli C. s.a.s. di C.P. & C.,

C.P., M.A., S.R. e C.A.,

rappresentati e difesi dagli Avv.ti Michele Tumminelli e Domenico

Angelini, elettivamente domiciliati presso lo studio di quest’ultimo

in Roma alla via Gavinana n. 4, per procura a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

generale dello Stato, presso i cui uffici in Roma alla Via dei

Portoghesi n. 12 è domiciliata;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Lombardia n. 114/18/09 depositata il 25 novembre 2009.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 5 ottobre

2017 dal Consigliere Dott. Enrico Carbone.

Letta la memoria depositata dai ricorrenti, che chiedono dichiararsi

estinto il giudizio per i soci e accogliersi il ricorso per la

società.

Fatto

FATTO E DIRITTO

atteso che:

Circa gli avvisi per maggior reddito d’impresa e partecipazione loro notificati in rettifica del valore di avviamento di un ramo d’azienda ceduto alla C. s.r.l., la Fratelli Cattaneo s.a.s. e i quattro soci ricorrono per cassazione avverso la conferma in appello del rigetto dell’impugnazione in primo grado.

Con la memoria ex art. 380 bis c.p.c., comma 1, i soci hanno depositato documentazione che vorrebbe attestare la definizione della lite a norma del D.L. n. 98 del 2011, art. 39, comma 12, conv. L. n. 111 del 2011; tale documentazione non è stata tuttavia notificata alle altre parti, com’è invece onere della parte che chiede l’estinzione del giudizio, ai sensi dell’art. 372 c.p.c., comma 2 (Cass., sez. un., 23 settembre 2014, n. 19980, Rv. 632161).

PQM

Rinvia la causa a nuovo ruolo, disponendo che entro sessanta giorni dalla comunicazione di questa ordinanza i ricorrenti notifichino mediante elenco alle altre parti il deposito dei documenti relativi al condono.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 5 ottobre 2017.

Depositato in Cancelleria il 20 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA