Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24863 del 06/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 24863 Anno 2013
Presidente: FINOCCHIARO MARIO
Relatore: AMENDOLA ADELAIDE

ORDINANZA
sul ricorso 28085-2012 proposto da:
G.C. DI CARLA GIOVANNINI & C. SAS 01958140400 in persona
del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in
ROMA, VIA

Lucityu

CARO 50, presso lo studio dell’avvocato

CIRULLI DANIELE, rappresentato( e difeel3all’avvocato MARZOT
SILVIA, giusta mandato in calce al ricorso per revocazione;
– ricorrente contro
PRENATAL SPA;
– intimata avverso l’ordinanza n. 8191/2012 della CORTE SUPREMA DI
CASSAZIONE del 19.4.2012, depositata il 23/05/2012;

Data pubblicazione: 06/11/2013

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
09/10/2013 dal Consigliere Relatore Dott. ADELAIDE
AMENDOLA.
E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. MARIO
FRESA.

DECISIONE
Esaminati gli atti del ricorso per correzione di errore materiale
proposto, ex art. 391 bis cod. proc. civ., da G.C. DI CARLA
GIOVANNINI & C. s.a.s., ricorso regolarmente notificato alle
controparti, il collegio osserva quanto segue.
L’istante denuncia che nella ordinanza in data 23 maggio 2012, n. 8191,
la Corte, pur avendo inequivocabilmente ritenuto fondato il ricorso per
regolamento di competenza da essa proposto, l’ha poi in dispositivo
dichiarato inammissibile.
L’istanza appare fondata, in quanto risulta palese che l’espressione: “La
Corte dichiara inammissibile l’istanza di regolamento di competenza”,
e la conseguente condanna della ricorrente “alla rifusione alla resistente
delle spese del giudizio di regolamento”, contenuta nel dispositivo
della pronuncia oggetto dell’istanza di correzione, è frutto di un mero
errore materiale. Valga al riguardo considerare che in motivazione la
Corte ha compiutamente esposto le ragioni della ritenuta fondatezza
dell’istanza proposta avverso l’ordinanza con la quale il Tribunale di
Monza aveva sospeso il giudizio di opposizione all’esecuzione
intrapreso da G.C. DI CARLA GIOVANNINI & C. s.a.s.,
disponendone la prosecuzione e assegnando termine per la
riassunzione di mesi tre dalla comunicazione del dispositivo
dell’ordinanza medesima.

Ric. 2012 n. 28085 sez. M3 – ud. 09-10-2013
-2-

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA

Significativo è, del resto, che la fissazione del termine di riassunzione è
stata riportata anche in dispositivo, pur dopo la declaratoria di
inammissibilità del ricorso.
Ne deriva che l’istanza appare meritevole di accoglimento.

P.Q.M.

nella ordinanza n. 8191 del 2012, conseguentemente ordinando che nel
dispositivo della stessa, in luogo delle parole “dichiara inammissibile
l’istanza di regolamento di competenza”…. “Condanna la ricorrente
alla rifusione alla resistente delle spese del giudizio di regolamento”,
debbano intendersi inserite le seguenti: “accoglie l’istanza di
regolamento di competenza”…. “Condanna l’intimata alla rifusione
alla ricorrente delle spese del giudizio di regolamento”.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del giorno 9 ottobre
2013.

La Corte accoglie l’istanza di correzione dell’errore materiale rilevato

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA