Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24829 del 19/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 19/10/2017, (ud. 11/07/2017, dep.19/10/2017),  n. 24829

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – rel. Consigliere –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 13950-2016 proposto da:

G.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MONTE

ZOBIO, n. 40, presso lo studio dell’avvocato ANTONIO VITTUCCI, che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

e contro

EQUITALIA SUD SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 6220/1/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di ROMA, depositata i125/11/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 11/07/2017 dal Consigliere Dott. ETTORE CIRILLO.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. G.G., promotore finanziario, ricorre per la cassazione della sentenza della CTR-Lazio che il 22 novembre 2015, riformando la decisione della CTP-Roma, ha rigettato la domanda di annullamento della cartella di pagamento dell’IRAP per l’anno d’imposta 2008. L’Agenzia delle entrate resiste con controricorso. Equitalia non spiega difese.

2. Risulta costituito il contraddittorio ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. (come modificato dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, convertito con modificazioni dalla L. 25 ottobre 2016, n. 197).

3. Con istanza del 09/10/2017, depositata il 10/10/2017, il ricorrente invoca la sospensione D.L. n. 50 del 2017, ex art. 11, comma 8.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

4. La controversia è astrattamente definibile ai sensi del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, art. 11 (convertito con modifiche dalla L. 21 giugno 2017, n. 96), in quanto: a) essa è attribuita alla giurisdizione tributaria e ne è parte l’agenzia delle entrate (art. 11, comma 1); b) il ricorso è stato notificato entro la data di entrata in vigore del D.L. citato e alla data di presentazione dell’istanza di sospensione la controversia non era stata ancora definita con pronuncia definitiva (art. 11, comma 3); c) non concerne le risorse e le somme indicate nell’art. 11 citato, comma 4, LETT. lett. a) e b); d) la procedura di definizione risulta attivata entro la scadenza del 02/10/2017 (il D.L. n. 50 del 2017 fissa la data del 30/09/2017, che, cadendo di sabato, comporta che il rinvio a lunedì 02/10/2017, D.L. n. 70 del 2011, ex art. 7, comma 1, lett. h).

PQM

Sospende il giudizio ai sensi del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, art. 11, comma 8 (convertito dalla L. 21 giugno 2017, n. 96) e dispone il rinvio della causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, a seguito di riconvocazione, il 18 ottobre 2017.

Depositato in Cancelleria il 19 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA