Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24770 del 05/11/2020

Cassazione civile sez. lav., 05/11/2020, (ud. 12/02/2020, dep. 05/11/2020), n.24770

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – rel. Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 17350-2016 proposto da:

D. & C OFFICINE MECCANICHE S.P.A, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZA MAZZINI 27, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO

MAINETTI, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati

VANNI MARCO RIBECHI, STEFANIA PATTARINI;

– ricorrente –

contro

DI.AN., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA ISTRIA,

2, presso lo studio dell’avvocato EMANUELE BRINATI, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato FLAVIANO DE TINA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 24/2016 della CORTE D’APPELLO di TRIESTE,

depositata il 18/04/2016 r.g.n. 231/20105;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/02/2020 dal Consigliere Dott. FEDERICO BALESTRIERI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELENTANO Carmelo, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato RIBECHI VANNI MARCO.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso depositato il 4.5.2010 DI.An. si rivolgeva al Tribunale di Udine, esponendo di aver lavorato alle dipendenze della società D. & C. officine Meccaniche s.p.a. dal mese di agosto 2005 come dirigente e direttore di produzione, di essere poi stato incaricato, nel giugno 2008, di attendere pure al nuovo stabilimento sito in (OMISSIS); di avere sempre operato con dedizione e scrupolo sino a che, nell’aprile 2009, era stato licenziato con esonero dal preavviso; di ritenere illegittimo detto licenziamento cui si era opposto senza esito. Delineava poi il ricorrente le ragioni che giustificavano la sua iniziativa giudiziale, definiva le proprie pretese per chiedere infine dichiararsi la nullità e/o illegittimità del licenziamento ed ordinarsi alla società la sua reintegra nel posto di lavoro col risarcimento del danno previsto dalla L. n. 300 del 1970, art. 18.

Resisteva la società.

Istruita la causa mediante escussione di testi, la causa veniva decisa con sentenza non definitiva n. 296/13 con cui, rigettata ogni altra domanda, si accertava l’ingiustificatezza del licenziamento con condanna della società al pagamento dell’indennità supplementare ai sensi dell’art. 19 c.c.n.l. dirigenti industria, e declaratoria del diritto del Di. all’incidenza dei benefits in godimento sul t.f.r. e sull’indennità sostitutiva del preavviso, disponendo con separata ordinanza rinvio per la quantificazione del credito mediante c.t.u. contabile all’esito della quale il Tribunale, con sentenza definitiva n. 126/16, condannava la società resistente a corrispondere al Di. Euro 210.096,81 a titolo di indennità supplementare, Euro 41.098,26 a titolo di indennità sostitutiva del preavviso ed Euro 13.369,76 a titolo di TFR, oltre interessi e rivalutazione come per legge; compensava per un quarto le spese, ponendo il residuo a carico della società.

Contro entrambe le decisioni sopra citate hanno proposto appello principale ed incidentale, rispettivamente, la società ed il dirigente.

Con sentenza depositata il 18 aprile 2016, la Corte d’appello di Trieste respingeva sia l’appello principale proposto dalla società D. & C, sia quello incidentale proposto dal dirigente.

Per la cassazione di tale sentenza propone ricorso la società, affidato a due motivi, poi illustrati con memoria, cui resiste il Di. con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.-Con il primo motivo la ricorrente denuncia la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 2118 c.c. e art. 19 c.c.n.l. per i dirigenti settore industria, avendo a suo dire i giudici di merito dichiarato la ingiustificatezza del licenziamento applicando sostanzialmente l’obbligo di repechage al rapporto di lavoro dirigenziale.

Osserva il Collegio che tale doglianza, seppure generata da alcune ambigue affermazioni della sentenza impugnata (che rilevava che il Di. lavorò a lungo sia in Italia che in (OMISSIS), sicchè non poteva affermarsi che non vi era altra possibilità di lavoro in Italia, come dedotto dall’azienda), e pur teoricamente – fondata (cfr. Cass. n. 3175/13, secondo cui in caso di licenziamento del dirigente d’azienda per esigenze oggettive è esclusa la possibilità del “repechage”), non tiene conto dell’effettivo accertamento compiuto dal collegio d’appello in base alla lettera di licenziamento del dirigente, basata sulla impossibilità, dopo la decisione dell’azienda della conclusione del lavoro in (OMISSIS), di adibire il Di. ad altre mansioni.

La Corte triestina ha accertato che il dirigente era dal febbraio 2008 addetto sia allo sviluppo dello stabilimento italiano di (OMISSIS) che delle nuove attività all’estero ((OMISSIS)) e che, inoltre, al momento del distacco in (OMISSIS), si asseriva che al termine il dirigente sarebbe stato inserito nei ruoli italiani societari; che durante il biennio di lavoro in (OMISSIS) (2008-2009) il Di. lavorò per vari periodi, anche di un anno ed inframezzati periodi più brevi, in Italia, sicchè non poteva ritenersi che nel nostro Paese egli non fosse occupabile.

In sostanza la Corte di merito ha accertato, sulla base della lettera di licenziamento, che non sussistesse una ragione obiettiva per il licenziamento del Di..

Il motivo è dunque infondato.

2.-Con il secondo motivo la ricorrente denuncia la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 2120 c.c., comma 2, e art. 2121 c.c., nonchè dell’art. 19 del c.c.n.l. citato, avendo i giudici merito incluso nel computo dell’indennità supplementare l’indennità estero percepita dal dirigente.

Il motivo è infondato, risultando dagli atti e comunque avendo i giudici di merito accertato, che il Di. percepì l’indennità estero per tutto il periodo in cui lavorò in (OMISSIS) (v pag 18 ricorso), ed anche nei frequenti intervalli lavorativi in Italia (di durata di qualche settimana e talvolta di qualche mese o addirittura annuale), sicchè era a tutti gli effetti un compenso della prestazione lavorativa non connesso al disagio della prestazione in (OMISSIS), bensì stabile e continuativo (v. art. 24 c.c.n.l. che richiama quanto previsto dal novellato art. 2120 c.c.).

Anche tale motivo è dunque infondato.

3.- Il ricorso deve essere pertanto rigettato.

Le spese di lite seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

PQM

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la società al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 200,00 per esborsi, Euro 8.000,00 per compensi professionali, oltre spese generali nella misura del 15%, i.v.a. e c.p.a.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, nel testo risultante dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, la Corte dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 11 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA