Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24754 del 08/10/2018

Cassazione civile sez. lav., 08/10/2018, (ud. 06/04/2018, dep. 08/10/2018), n.24754

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. CURCIO Laura – rel. Consigliere –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 13181/2013 proposto da:

HILTON ITALIANA S.R.L., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE

DELLE MILIZIE 114, presso lo studio dell’avvocato ANTONIO VALLEBONA,

che la rappresenta e difende giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

N.E., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GERMANICO 172,

presso lo studio dell’avvocato PIER LUIGI PANICI, che lo rappresenta

e difende giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 6791/2012 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 10/12/2012 R.G.N. 3480/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/04/2018 dal Consigliere Dott. LAURA CURCIO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per il rigetto del primo motivo del

ricorso e accoglimento del secondo motivo;

udito l’Avvocato VALLEBONA ANTONIO;

udito l’Avvocato FASANO EMILIANO per delega verbale Avvocato PANICI

PIERLUIGI.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1) La corte d’Appello di Roma con la sentenza n. 6791/2012 ha respinto l’appello promosso dalla società Hilton Italiana srl avverso la sentenza del tribunale di Roma che, respingendo l’eccezione di risoluzione del rapporto per muto consenso, aveva accolto parzialmente la domanda di N.E., accertando l’esistenza di un rapporto a tempo indeterminato tra le parti, in ragione del mancato assolvimento dell’onere di prova, da parte della società, circa l’esistenza di un valido contratto di somministrazione, non prodotto da Hilton. Il primo giudice aveva infatti respinto l’istanza della società svolta ai sensi dell’art. 210 c.c., di esibizione di tale contratto da disporre nei confronti della società Obiettivo lavoro, società fornitrice con cui era stato stipulato il rapporto di lavoro del N..

2) La sentenza impugnata ha ritenuto infondati i motivi di gravame ed ha confermato la decisione del primo giudice rilevando che la società non aveva dedotto alcuna circostanza atta a comprovare le ragioni in base alle quali non aveva la disponibilità dei contratti di fornitura, senza dedurre di aver richiesto copia degli stessi alla Direzione del Lavoro e comunque rilevando che i documenti di cui si richiedeva l’esibizione non erano indicati in rilevato che non era dimostrata l’indispensabilità del mezzo di prova nè potendo l’appellante fondatamente invocare esercizio dei poteri officiosi di cui all’art. 437 c.c., che presuppone comunque l’insussistenza di una colpevole inerzia della parte interessata.

3) La corte distrettuale ha anche confermato l’inesistenza di elementi che consentissero di ritenere la risoluzione del rapporto per mutuo consenso, in particolare evidenziando il limitato lasso di tempo di pochi mesi tra l’ultimo rapporto a termine e la data di messa in mora, oltre all’assenza di altri atti significativi.

4) Ha respinto poi la corte l’eccezione sollevata dalla appellante circa la detrazione dell’aliunde perceptum.

5) Avverso la sentenza ha proposto opposizione Hilton Italiana spa affidato a due motivi, poi illustrati da memoria ai sensi dell’art. 378 c.p.c., cui ha resistito il N. con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

6) Con il primo motivo di ricorso la società deduce la violazione degli artt. 115 e 210 c.p.c., art. 2967 c.c., D.Lgs. n. 276 del 2003, artt. 20,21 e 27, in relazione all’art. 360, n. 2 e 4. Secondo la società ricorrente avrebbe errato la corte nel non ammettere la prova richiesta mediante l’ordine di esibizione, sia perchè i documenti oggetto di tale esibizione erano stati precisati nello stesso ricorso di primo grado dal lavoratore, e dunque vi era specificità della richiesta, sia perchè non emergerebbe dalla norma di cui all’art. 210 che la parte istante debba provare l’impossibilità di reperire comunque il documento.

7) Il motivo è infondato. Sebbene sia indispensabile l’istanza di parte ai fini dell’esibizione di un documento, il relativo ordine è rimesso alla discrezionalità del giudice, il quale deve valutare la rilevanza del documento ai fini probatori e l’impossibilità di provare la medesima circostanza con altri mezzi istruttori. L’ordine di esibizione, non può infatti, sopperire all’inerzia della parte di dedurre mezzi di prova.

8) La decisione del giudice di ordinare o meno l’esibizione di un documento non è censurabile in sede di legittimità, se non per vizio di motivazione. Non è infatti sindacabile in cassazione il rigetto del giudice di merito dell’ istanza di disporre l’ordine di esibizione al fine di acquisire al giudizio documenti ritenuti indispensabili dalla parte, dell’ istanza di disporre l’ordine di esibizione al fine di acquisire al giudizio documenti ritenuti indispensabili dalla parte, perchè, trattandosi di strumento istruttorio residuale utilizzabile soltanto quando la prova del fatto non sia acquisibile “aliunde”, la valutazione della relativa indispensabilità è rimessa al potere discrezionale del giudice di merito e non necessita neppure di essere esplicitata nella motivazione il mancato esercizio di tale potere non essendo sindacabile neppure sotto il profilo del difetto di motivazione (così Cass. n. 23120/2010, Cass. n. 24188/2013).

9) con il secondo motivo di gravame si deduce la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c. e della L. n. 132 del 2010, art. 32, comma 5, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4, per avere la corte omesso di pronunciarsi in relazione alla richiesta di applicazione dell’ius superveniens con riferimento alla determinazione dell’indennità risarcitoria.

10) Il motivo è fondato. Questa Corte, con orientamento oramai consolidato (Cass. n. 1148/13, Cass. 13404/2013, Cass. 8286/2015, Cass. 24887/2017) a cui deve darsi continuità, ha ritenuto applicabile l’indennità prevista dalla L. n. 183 del 2010 art. 32, comma 5 a qualsiasi ipotesi di ricostituzione del rapporto di lavoro avente in origine un termine illegittimo e, dunque, anche nel caso di condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore a causa della nullità di un contratto per prestazioni di lavoro temporaneo a tempo determinato, contratto convertito in uno a tempo indeterminato tra lavoratore e utilizzatore della prestazione.

11) In particolare Cass. 24887/2017 ha precisato che l’indennità L. n. 183 del 2010, ex art. 32, si applica ogniqualvolta ricorra la conversione in contratto a tempo indeterminato, e, quindi, anche nel caso di condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore a causa dell’illegittimità di un contratto per prestazioni di lavoro temporaneo a tempo determinato, osservando altresì che tale conclusione non si pone in contrasto con la sentenza della CGUE dell’11 aprile 2013 in Causa C-290/2012, che ha escluso che la Direttiva 1999/70/CE, di recepimento dell’accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato, si applichi anche al contratto a tempo determinato che si accompagni ad uno interinale, poichè tale inapplicabilità, secondo la sentenza cit., deriva solo dal tenore del preambolo dell’accordo e dall’esistenza di altra più specifica regolamentazione di quella fattispecie contrattuale, e non già da una sua ritenuta incompatibilità ontologica con un puro e semplice contratto a tempo determinato.

12) E peraltro Cass. n. 8286/2015 prima ricordata, ha posto in evidenza l’evidente analogia tra il lavoro temporaneo di cui alla L. n. 196 del 19977 e la somministrazione di lavoro del D.Lgs. n. 276 del 2003, ex art. 20 e segg., osservando altresì che, trattandosi di negozi collegati, la nullità del contratto fra somministratore ed utilizzatore travolge anche quello fra lavoratore e somministratore, con l’effetto finale di produrre una duplice conversione, sul piano soggettivo (ai sensi del D.Lgs. n. 276, art. 21, u.c., il lavoratore è considerato a tutti gli effetti alle dipendenze dell’utilizzatore e non più del somministratore) e su quello oggettivo (atteso che quello che con il somministratore era sorto come contratto di lavoro a tempo determinato diventa un contratto di lavoro a tempo indeterminato con l’utilizzatore).

13) Va pertanto accolto il secondo motivo relativamente all’applicazione dell’art. 32 citato con riguardo alle conseguenze economiche dell’ illegittimità del termine apposto al contratto, comunque accertata, e la sentenza deve essere su tale punto cassata con rinvio alla Corte di appello di Roma, in diversa composizione, che dovrà limitarsi a quantificare l’indennità spettante all’odierna parte contro ricorrente per il periodo compreso fra la scadenza del termine e la pronuncia con cui è stata disposta la riammissione in servizio (cfr. per tutte Cass. n. 14461/2015), con interessi e rivalutazione da calcolarsi a far tempo dalla sentenza dichiarativa della nullità del termine (cfr. Cass. n. 3062/2016). Al giudice di rinvio è demandata altresì la liquidazione delle spese del presente giudizio.

PQM

La corte accoglie il secondo motivo, rigettato il primo, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla corte d’Appello di Roma in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 6 aprile 2018.

Depositato in Cancelleria il 8 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA