Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24752 del 03/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 03/10/2019, (ud. 10/01/2019, dep. 03/10/2019), n.24752

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – rel. Consigliere –

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 29458-2018 proposto da:

C.A., C.N., C.G.,

elettivamente domiciliate in ROMA, VIA DEGLI SCIPIONI 288, presso lo

studio dell’avvocato MICHELA REGGIO D’ACI, che le rappresenta e

difende unitamente all’avvocato DONATELLA ROVERSI;

– ricorrenti –

contro

V.M.;

– intimata –

avverso l’ordinanza n. 24995/2017 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 23/10/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/01/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONELLO

COSENTINO.

Fatto

RILEVATO

Che:

con ricorso per correzione per errore materiale ex art. 391 bis c.p.c., le sig.re C.A., C.N. e C.G. hanno chiesto la correzione dell’errore materiale della ordinanza della Corte di cassazione n. 24995/17, depositata il 23 ottobre 2017, con cui era stato rigettato il ricorso presentato nei loro confronti dalla sig.ra V.M. per la cassazione della sentenza della corte d’appello di Venezia n. 1069/13, depositata il 7 maggio 2013;

che, in particolare, le ricorrenti lamentano l’errore in cui la Corte di cassazione sarebbe incorsa nel rigo 9 di pag. 1, là dove, esponendo lo svolgimento dei fatti di causa, riferiva che nella sentenza del tribunale di Padova n. 88/07, parzialmente riformata con la suddetta sentenza della corte d’appello di Venezia n. 1069/13 (che aveva rigettato l’appello principale della sig.ra V. e accolto quello incidentale delle sig.re C.), si sarebbe affermato che la sig.ra V. avrebbe ricevuto in donazione dal padre C.S. la complessiva somma di Euro 188.353,31, invece che la complessiva somma di Euro 388.583,31, risultante dalla sentenza n. 88/07 del tribunale di Padova, dalla sentenza n. 1069/13 della corte d’appello di Venezia, dal ricorso per cassazione la sig.ra V. (pag. 7) e dal controricorso delle sig.re C.;

che l’istanza di correzione è stata ritualmente notificata alla sig.ra V., che non ha spiegato difese in questo procedimento ex art. 391 bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

Che:

l’errore materiale denunciato dalle ricorrenti è reso manifesto dall’esame degli atti richiamati nell’istanza, e, in particolare, dall’esame della sentenza del tribunale di Padova n. 88/07 e del ricorso per cassazione della sig. V. rigettato con la sentenza di cui si chiede la correzione;

che quindi l’istanza di correzione va accolta;

che non vi è luogo a regolazione di spese, giacchè nel procedimento di correzione degli errori materiali di cui agli artt. 287 e 391-bis c.p.c., non è possibile individuare una parte vittoriosa e una parte soccombente (Cass. SSUU 9438/02, Cass. VI n. 14/16).

PQM

La Corte dispone la correzione della sentenza della Corte Suprema di Cassazione, Sezione Seconda Civile, n. 24995/17, depositata il 23 ottobre 2010 (udienza 21.6.17) nei termini che seguono:

– a pagina 1, righi 8 e 9, dove si legge “il de cuius aveva donato, in vita, a V.M. la complessiva somma di Euro 188.353,31” la cifra “188.353,31” va sostituita con la cifra “388.583,31”;

Si dispone l’annotazione della presente ordinanza sull’originale della sentenza oggetto di correzione.

Così deciso in Roma, il 10 gennaio 2019.

Depositato in Cancelleria il 3 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA