Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24730 del 23/11/2011

Cassazione civile sez. II, 23/11/2011, (ud. 18/10/2011, dep. 23/11/2011), n.24730

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. MAZZACANE Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

B.L. (OMISSIS) elettivamente domiciliata in

ROMA, VIALE G. MAZZINI 55, presso lo studio dell’avvocato GRILLO

CORRADO, rappresentata e difesa dall’avvocato BURCHI GIOVANNANGELO;

– ricorrente –

contro

BNL SPA in persona del legale rappresentante pro tempore, CURATELA

FALL. M.S. in persona dei Curatore pro tempore;

– intimati –

sul ricorso 18510-2006 proposto da:

CURATELA FALL M.S. in persona del Curatore pro tempore

Rag. S.L., P.I. (OMISSIS) elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DELLE FORNACI 38, presso lo studio dell’avvocato ALBERICI

RAFFAELE, rappresentato e difeso dall’avvocato SEBASTIANI SEBASTIANO;

– controricorrente ricorrente incidentale –

e contro

B.L., BNL SPA in persona del legale rappresentante pro

tempore;

– intimati –

sul ricorso 18999-2006 proposto da:

BNL SPA in persona del Presidente pro tempore e per essa la S.G.C.

srl (OMISSIS) elettivamente domiciliato, in ROMA, VIA GIOVANNI

ANTONELLI 50, presso lo studio dell’avvocato COSENZA FRANCO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato FAGIOLINI PAOLA;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

e contro

CURATELA FALL. M.S. in persona del Curatore pro tempore,

B.L.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1516/2005 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 02/11/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/10/2011 dal Consigliere Dott. VINCENZO MAZZACANE;

udito l’Avvocato GRILLO Camillo, con delega depositata in udienza

dell’Avvocato BURCHI Giovannangelo, difensore della ricorrente che si

riporta agli atti;

udito l’Avvocato COSENZA Franco, difensore della BNL SpA, che si

riporta agli atti;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

DESTRO Carlo che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso

principale, assorbiti i ricorsi incidentali.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Nel corso di un processo di espropriazione forzata promosso dalla Banca Nazionale del Lavoro nei confronti di M.S. avente ad oggetto un immobile sito in (OMISSIS), per un credito assistito da ipoteca sul bene sottoposto a pignoramento, B.L. proponeva opposizione di terzo davanti al Tribunale di Firenze sostenendo che l’immobile predetto, compreso nella eredità lasciata da suo marito M.B. e pervenuto al figlio M.S., era gravato in suo favore dal diritto di abitazione previsto dall’art. 540 c.c., comma 2, diritto acquisito per effetto della successione in quanto oggetto di legato disposto dalla legge.

La B. assumeva che tale diritto era opponibile alla suddetta banca in base all’art. 534 c.c., commi 1 e 2, perchè quest’ultima aveva acquistato il diritto di iscrivere ipoteca dall’erede apparente pur essendo a conoscenza della successione e dell’esistenza della vedova e pur non potendo ignorare l’esistenza del legato.

L’opponente chiedeva quindi che, accertata l’esistenza del suo diritto di abitazione, fosse dichiarato che la BNL poteva assoggettare ad espropriazione forzata soltanto la nuda proprietà dell’immobile.

Il Tribunale adito rigettava l’opposizione.

La Corte di Appello di Firenze con sentenza del 10-11-1999 respingeva il gravame della B..

Proposta impugnazione da parte di quest’ultima cui resisteva soltanto la BNL questa Corte con sentenza del 24-6-2003 ha accolto il ricorso, ha cassato la sentenza impugnata ed ha rinviato la causa anche per le spese ad altra sezione della Corte di Appello di Firenze che si sarebbe dovuta uniformare al seguente principio di diritto: “Rispetto ad un immobile, destinato ad abitazione familiare e su cui il coniuge del defunto abbia acquistato perciò il diritto di abitazione sulla base dell’art. 540 c.c., comma 2, l’ipoteca iscritta dal creditore sulla piena proprietà dello stesso bene, in forza del diritto concessogli dall’erede, è opponibile al legatario alle condizioni stabilite dall’art. 534 c.c., commi 2 e 3; non è invece applicabile come regola di risoluzione del conflitto quella dell’anteriorità della trascrizione dell’acquisto dell’erede rispetto alla trascrizione dell’acquisto del legatario, perchè la norma sugli effetti della trascrizione, dettata dall’art. 2644 c.c., non riguarda il rapporto del legatario con l’erede e con gli aventi causa da questo: infatti, il legatario acquista il diritto di abitazione direttamente dall’ereditando e perciò non si verifica nè in rapporto all’acquisto dell’erede dall’ereditando nè in rapporto all’acquisto del creditore ipotecario dall’erede la situazione del duplice acquisto, dal medesimo autore, di diritti tra loro configgenti”.

Riassunta la causa da parte della B. resistevano sia il Fallimento di M.S. sia la BNL. La Corte di Appello di Firenze con sentenza del 2-11-2005 ha rigettato l’impugnazione osservando che, in applicazione del principio di diritto della menzionata sentenza di questa Corte secondo il quale, trattandosi di beni immobili, ai sensi dell’art. 534 c.c., comma 3 la regola di risoluzione del conflitto è quella dell’anteriorità della trascrizione, essendo pacifico che la BNL aveva iscritto l’ipoteca prima che la B. trascrivesse l’acquisto del suo diritto di abitazione (in effetti mai trascritto) o la sua domanda giudiziale, la sua domanda proposta in opposizione all’esecuzione promossa sull’immobile sul quale vantava il diritto d’abitazione, consistente nella richiesta dichiarazione di inopponibilità dell’ipoteca suddetta nei suoi confronti, doveva essere rigettata; ha quindi condannato l’appellante al pagamento in favore delle controparti delle spese del giudizio di rinvio e di quelle de giudizio di legittimità.

Per la cassazione di tale sentenza la B. ha proposto un ricorso affidato a tre motivi cui la BNL e per essa la mandatala S.G.C. s.r.l. Società Gestione Crediti ed il Fallimento di S. M. hanno resistito con separati controricorsi formulando altresì entrambi due ricorsi incidentali articolati in un unico motivo; la ricorrente e la BNL hanno successivamente depositato delle memorie.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente deve procedersi alla riunione dei ricorsi in quanto promossi contro la medesima sentenza.

Deve a tal punto essere esaminata l’eccezione di entrambi i controricorrenti di inammissibilità del ricorso principale in quanto, a fronte di una notifica della sentenza impugnata da parte della BNL in data 28-12-2005 alla B. nel domicilio eletto presso lo studio in Firenze, via Tornabuoni 1, del suo procuratore avv. Giovannangelo Burchi, il ricorso stesso è stato notificato il 9- 5-2006, quindi oltre il termine breve di giorni sessanta decorrente dalla notifica della sentenza impugnata di cui agli artt. 325-326 c.p.c..

L’eccezione è fondata.

Premesso che dall’esame degli atti risulta che effettivamente la sentenza impugnata è stata notificata a cura della BNL in data 28-12- 2005 alla B. nel sopra indicato domicilio eletto presso il proprio procuratore costituito, ed il ricorso principale è stato notificato il 9-5-2006, è evidente che l’impugnazione è tardiva per la mancata osservanza del termine breve di cui all’art. 325 c.p.c. decorrente dalla impugnazione della sentenza.

In proposito si rileva che in effetti secondo la giurisprudenza consolidata di questa Corte la notificazione della sentenza alla parte presso il procuratore costituito è equivalente alla notificazione al procuratore stesso, ed è pertanto idonea a far decorrere il termine breve per l’impugnazione (Cass. 21-11-2001 n. 14642; Cass. 8-5-2008 n. 11216; Cass. 11-6-2009 n. 13546; Cass. Ord. 31-5-2011 n. 11971); è poi appena il caso di osservare che nessuna incidenza in senso contrario può essere riconosciuta alla pronuncia di questa Corte a Sezioni Unite 13-6-011 n. 12898 richiamata dalla ricorrente nella memoria difensiva in quanto essa, nell’affermare la inidoneità della sentenza in forma esecutiva, eseguita alla controparte personalmente anzichè al procuratore costituito, a far decorrere il termine breve di impugnazione, si riferisce appunto alla impugnazione della sentenza effettuata alla parte personalmente, e non già alla parte presso il procuratore costituito, come nella fattispecie.

Il ricorso principale deve quindi essere dichiarato inammissibile.

Conseguentemente entrambi i ricorsi incidentali devono essere dichiarati inefficaci.

La ricorrente principale in base al principio della soccombenza deve essere condannata alle spese di giudizio in favore di ciascuno dei controricorrenti.

P.Q.M.

LA CORTE Riunisce i ricorsi, dichiara inammissibile il ricorso principale, dichiara inefficaci i ricorsi incidentali e condanna la ricorrente principale al pagamento in favore di ciascuno dei due controricorrenti di Euro 200,00 per spese e di Euro 2000,00 per onorari di avvocato.

Così deciso in Roma, il 18 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 23 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA