Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24729 del 04/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 24729 Anno 2013
Presidente: SEGRETO ANTONIO
Relatore: AMBROSIO ANNAMARIA

ORDINANZA
sul regolamento di competenza d’ufficio proposto dal Tribunale di
Napoli, Sezione Distaccata di Marano con ordinanza n. RG. 586/12
depositata il 17/09/2012, nel procedimento pendente tra:
PIROZZI ANTONIO;
EQUITALIA POLIS;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
10/10/2013 dal Consigliere Relatore Dott. ANNAMARIA
AMBROSIO;
è presente il P.G. in persona Dott. PIERFELICE PRATIS.

Data pubblicazione: 04/11/2013

Svolgimento del processo
Il Tribunale di Napoli, sez. distaccata di NIarano di Napoli – adito in sede di
riassunzione da Antonio Pirozzi il quale impugnava nei confronti di Equitalia Sud
s.p.a. e del Comune di Aversa il preavviso di fermo amministrativo su autovettura
Toyota, contestando le cartelle di pagamento per una serie di infrazioni del C.d.S. ha chiesto regolamento di ufficio, sollevando conflitto di competenza avverso il

declinato la propria competenza sul presupposto che la stessa appartenesse al
Tribunale, quale giudice dell’esecuzione.
Il Tribunale — ritenuto che la causa dovesse essere qualificata come
opposizione all’esecuzione non ancora iniziata, ai sensi dell’art. 615 co. 1 cod.
proc. civ., in quanto si contestava il fondamento del credito azionato — ha
osservato che la fattispecie è regolata dalla legge 689 del 1981, art. 22 bis e art. 205
co.3 legge 285 del 1992, che attribuiscono la competenza per materia al giudice di
pace.
Il P.G. ha concluso per il rigetto nella sua requisitoria scritta.
Motivi della decisione
Ritiene il Collegio che l’istanza di regolamento di ufficio sia infondata alla luce
di principi ripetutamente espressi dalle SS.UU. di questa Corte (sentenze 20
giugno 2012, n. 10147; 06 aprile 2012, n. 5575; 12 ottobre 2011, n. 20931) secondo
cui:
a) il preavviso di fermo amministrativo rappresenta un atto autonomamente
impugnabile anche se riguardante obbligazioni di natura extratributaria,
trattandosi, in ogni caso, di atto funzionale a portare a conoscenza dell’obbligato
una determinata pretesa dell’Amministrazione, rispetto alla quale sorge, ex art. 100
cod. proc. civ., l’interesse alla tutela giurisdizionale per il controllo della legittimità
sostanziale della pretesa;
b) in materia di fermo, la giurisdizione si ripartisce tra giudice ordinario e
tributario a seconda della natura del credito azionato con la conseguenza per la

Rel. dott. A. A

ì

2

provvedimento del Giudice di pace di Marano, previamente adito, che aveva

quale, ove venga opposta una misura cautelare accedente ad una pretesa a
sanzione per violazione del Codice della Strada, va dichiarata la giurisdizione del
giudice ordinario, attesa la natura extratributaria del credito azionato;
c) nell’ambito, poi, della giurisdizione ordinaria, la natura propriamente
esecutiva del provvedimento (come dell’afferente preavviso), di “iscrizione di
ipoteca” e/o di “fermo di beni mobili registrati” esclude la competenza del giudice

In altri termini, una volta ritenuto che il preavviso è atto esecutivo,
l’opposizione allo stesso va qualificata come opposizione ad esecuzione già
iniziata, con la conseguenza che la competenza (per la fase sommaria) è regolata
dal comma 2 dell’art. 615 cod. proc. civ., per cui l’atto andava indirizzato al
Tribunale, in qualità di giudice dell’esecuzione. Correttamente, dunque, il Giudice
di pace di Marano aveva declinato la propria competenza in favore di quella ratione
rnateriae del Tribunale di Napoli, sez. distaccata di Marano (oggi Napoli Nord).
In definitiva va dichiarata la competenza del Tribunale di Napoli Nord.
Nulla deve disporsi in ordine alle spese del giudizio di legittimità non avendo le
parti svolto attività difensiva.
P.Q.M.
La Corte rigetta l’istanza di regolamento d’ufficio e dichiara la competenza del
Tribunale di Napoli Nord innanzi al quale rimette le parti.
Romal Q ottobre 2013

di pace, appartenendo la stessa unicamente al Tribunale.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA