Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24727 del 14/09/2021

Cassazione civile sez. I, 14/09/2021, (ud. 14/06/2021, dep. 14/09/2021), n.24727

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10722/2020 proposto da:

D.N.E., e S.L., quali genitori del minore S.E.;

S.S., e So.Li., quali zie paterne del minore;

S.N.A., quale nonno paterno del minore; D.B.A., e

D.N.D.F., quali nonni materni del minore; tutti

elettivamente domiciliati in Roma, Via Luigi Settembrini n. 28,

presso lo studio dell’avvocato Morcavallo Francesco, che li

rappresenta e difende, giusta procura in calce alla memoria di

nomina e costituzione di nuovo difensore;

– ricorrenti –

contro

Procura Generale presso la Corte di Appello di Venezia, Procura

Generale presso la Corte di Cassazione, Z.P.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1/2020 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

pubblicata il 24/02/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

14/06/2021 dal Cons. Dott. TRICOMI LAURA.

 

Fatto

RITENUTO

che:

Con ricorso ex lege n. 184/1983 de14/8/2014 il Pubblico ministero presso il Tribunale per i Minorenni di Venezia aveva chiesto la verifica della capacità genitoriali per la tutela del minore S.E. (nato il (OMISSIS)), figlio di D.N.E. e di S.L., che dalla nascita presentava sindrome da astinenza prenatale. Era stato disposto il collocamento della madre e del bambino in comunità terapeutica; i genitori avevano chiesto di potersi prendere cura del minore con possibile collocamento presso i nonni materni, che già si occupavano della sorellina di E., nata da una precedente relazione di D.N.E..

Nel (OMISSIS) D.N.E. era stata allontanata dalla comunità perché positiva agli oppiacei. Dal (OMISSIS) in poi E. era vissuto presso una famiglia collocataria.

Il nonno paterno aveva chiesto l’affidamento del minore; a ciò si era aggiunta la disponibilità dichiarata dall’e sorelle di S.L.. Anche i nonni materni avevano chiesto l’affidamento del minore.

Con sentenza n. 120/2018, il Tribunale per i minorenni, ritenuti tutti i familiari non adeguati, aveva dichiarato lo stato di adottabilità del minore, confermando la sospensione dei genitori; aveva affidato il minore ai Servizi Sociali con mantenimento del bambino presso la famiglia collocataria; aveva mantenuto i rapporti solo con i nonni materni e con il nonno paterno, con facoltà di sospenderli se disturbanti o pregiudizievoli per il minore.

La Corte di appello di Venezia, con la sentenza impugnata in epigrafe indicata, ha confermato la decisione di primo grado.

Propongono unico ricorso per cassazione con due mezzi D.N.E. e S.L. (genitori di E.), S.S. e So.Li. (zie paterne di E.), S.N.A. (nonno paterno di E.), D.B.A. e D.N.F. (nonni materni di E.). Il Tutore Avvocato Z.P. è rimasto intimato.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1.1. Con il primo motivo si denuncia la violazione della L. n. 184 del 1983, artt. 1, 8 e 11, essendo stata dichiarata l’adottabilità del minore in presenza di soluzioni alternative allo stato degli atti e dell’istruttoria, per la conservazione del diritto del medesimo di crescere ed essere educato in seno alla propria famiglia, in conseguenza dello stato di tossicodipendenza dei genitori, seppure in presenza di parenti disponibili ad accogliere il bambino, di cui taluni già accudenti il medesimo (anche in ausilio e supporto alla famiglia affidataria) peraltro pure in assenza di un adeguato progetto di sviluppo e supporto della genitorialità.

1.2. Con il secondo motivo si denuncia la manifesta illogicità della motivazione in relazione al contrasto irriducibile tra affermazioni inconciliabili; invalidità della sentenza per violazione dell’art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4, art. 118 disp. att. c.p.c. e art. 156 c.p.c., comma 2, ove, da un lato viene dichiarato lo stato di adottabilità del minore e dall’altro viene confermata la mera sospensione della responsabilità genitoriale e non viene disposta, per contro, la decadenza. I ricorrenti lamentano l’incomprensibilità nella valutazione degli elementi portanti la decisione.

2.1. I motivi, da trattare congiuntamente perché connessi, sono fondati e vanno accolti.

2.2. Vengono all’attenzione di questa Corte profili di violazione di legge e di illogicità della motivazione diretti a censurare l’inosservanza, nell’impugnata decisione, del principio cardine cui si ispira l’istituto della dichiarazione dello stato di abbandono e della dichiarazione di adottabilità.

2.3. In merito all’accertamento dello stato di abbandono, giova ricordare che, come già affermato da questa Corte, “La situazione di abbandono, che ai sensi della L. n. 184 del 1983, art. 8, è presupposto necessario per la dichiarazione dello stato di adottabilità del minore, comportando il sacrificio dell’esigenza primaria di crescita in seno alla famiglia biologica, è configurabile non solo nei casi di materiale abbandono del minore, ma ogniqualvolta si accerti l’inadeguatezza dei genitori naturali a garantirgli il normale sviluppo psico-fisico, così da far considerare la rescissione del legame familiare come strumento adatto ad evitare al minore un più grave pregiudizio ed assicurargli assistenza e stabilità affettiva, dovendosi considerare “situazione di abbandono”, oltre al rifiuto intenzionale e irrevocabile dell’adempimento dei doveri genitoriali, anche una situazione di fatto obiettiva del minore, che, a prescindere dagli intendimenti dei genitori, impedisca o ponga in pericolo il suo sano sviluppo psicofisico, per il non transitorio difetto di quell’assistenza materiale e morale necessaria a tal fine” (Cass. n. 1838 del 26/01/2011; v. anche Cass. n. 5580 del 04/05/2000; Cass. n. 4503 del 28/03/2002): invero, poiché “il ricorso alla dichiarazione di adottabilità costituisce solo una “soluzione estrema”, essendo il diritto del minore a crescere ed essere educato nella propria famiglia d’origine, quale ambiente più idoneo al suo armonico sviluppo psicofisico, tutelato in via prioritaria dalla L. n. 184 del 1983, art. 1, il giudice di merito deve operare un giudizio prognostico teso, in primo luogo, a verificare l’effettiva ed attuale possibilità di recupero delle capacità e competenze genitoriali, con riferimento sia alle condizioni di lavoro, reddituali ed abitative, senza però che esse assumano valenza discriminatoria, sia a quelle psichiche, da valutarsi, se del caso, mediante specifica indagine peritale, estendendo detta verifica anche al nucleo familiare, di cui occorre accertare la concreta possibilità di supportare i genitori e di sviluppare rapporti con il minore, avvalendosi dell’intervento dei servizi territoriali.” (Cass. n. 7559 del 27/03/2018; in tema Cass. n. 18563 del 29710/2012).

Ne consegue che il giudice di merito deve, prioritariamente, verificare se possa essere utilmente fornito un intervento di sostegno diretto a rimuovere situazioni di difficoltà o disagio familiare, e, solo ove risulti impossibile, quand’anche in base ad un criterio di grande probabilità, prevedere il recupero delle capacità genitoriali entro tempi compatibili con la necessità del minore di vivere in uno stabile contesto familiare, è legittimo e corretto l’accertamento dello stato di abbandono (Cass. n. 6137 del 26/03/2015); ciò a maggior ragione se si considera che la valutazione dello stato di adottabilità non può fondarsi di per sé su anomalie non gravi del carattere e della personalità dei genitori, comprese eventuali condizioni patologiche di natura mentale, che non compromettano la capacità di allevare ed educare i figli senza danni irreversibili per il relativo sviluppo ed equilibrio psichico (Cass. n. 18563 del 29/10/2012; cfr. anche Cass. n. 20954 del 22/08/2018).

A ciò va aggiunto, in merito al possibile apporto delle figure vicarie interfamiliari, trattandosi di tema decisivo nel caso di specie, che se è vero che “Lo stato di abbandono dei minori non può essere escluso in conseguenza della disponibilità a prendersi cura di loro, manifestata da parenti entro il quarto grado, quando non sussistano rapporti significativi pregressi tra loro ed i bambini, e neppure possano individuarsi potenzialità di recupero dei rapporti, non traumatiche per i minori, in tempi compatibili con lo sviluppo equilibrato della loro personalità” (Cass. n. 9021 del 11/04/2018), pur tuttavia la seria disponibilità a prendersi cura del minore manifestata dai parenti entro il quarto grado (nella specie, i nonni) che abbiano instaurato e coltivato rapporti significativi con il bambino, può valere ad integrare il presupposto giuridico per escludere lo stato di abbandono, ove concretamente accertata e verificata (Cass. n. 23979 del 24/11/2015; v. in tema affine, anche Cass. n. 28257 del 04/11/2019).

2.4. La Corte del merito, nella specie, non ha fatto corretta applicazione degli esposti principi.

2.5. Innanzi tutto, va osservato che l’affermazione della Corte di appello, secondo la quale “E’ un fatto che la procedura sia stata condizionata da una scelta compiuta alcuni anni or sono quando E. – affidato ai Servizi Sociali e non potendo rimanere con la madre – fu collocato al di fuori della famiglia di origine. Sulla scelta influì la posizione all’epoca assunta dai nonni materni, collocatari di St.” (fol. 15 della sent.), sembra quasi sancire in via prioritaria ed assorbente l’irreversibilità della condizione di affido etero-familiare del minore e la necessarietà della dichiarazione dello stato di abbandono, come conseguenza della posizione assunta dai nonni materni inizialmente non disponibili all’accoglienza, ritenuta immotivatamente come irretrattabile. Tale assunto non può essere condiviso perché non è congruente con la funzione propria dell’affidamento familiare che è istituto inteso come misura offerta ad un bambino che versa in difficoltà, determinate dalla malattia di un genitore, isolamento sociale, trascuratezza, fenomeni di violenza fisica e psichica, relazioni disfunzionali, e quindi in casi che, temporaneamente possono ostacolare la funzione educativa e la convivenza tra genitore e figlio; è destinato a rimuovere queste situazioni di difficoltà e di disagio familiare connesse all’esercizio della responsabilità genitoriale e si pone in funzione strumentale alla tutela, riconosciuta con carattere prioritario dall’ordinamento, del diritto del minore a crescere nella propria famiglia di origine (Cass. n. 1837 del 26/1/2011); anzi, l’affermazione della Corte di merito si pone in palese ed inequivoco conflitto con i principi teste’ enunciati e vizia tutto il ragionamento svolto, con evidenti ricadute sulla logicità e comprensibilità della statuizione conclusiva.

2.6. A ciò va aggiunto che la Corte territoriale ha riconosciuto l’esistenza della condizione di abbandono del minore, sul presupposto dell’essere l’inadeguatezza genitoriale della madre e del padre troppo profonda e non recuperabile nei tempi scanditi dalla crescita del piccolo e non ipotizzabile il soccorso della famiglia allargata, valorizzando i seguenti elementi: per quanto riguarda la madre, la condizione di tossicodipendenza, ancora non risolta ed addirittura negata, e lo scarso trasporto affettivo verso il figlio; per quanto riguarda il padre – la mancanza di attività lavorativa, le ricadute nella tossicodipendenza e l’incapacità di comprendere le tappe evolutive del bambino e di costruire un progetto di vita con lui, pur conservando con lo stesso un rapporto affettuoso ed empatico; per quanto riguarda i nonni materni, ai quali è già affidata St., la prima figlia di D.N.E., l’ambivalente rapporto tra i nonni e la madre – della quale a volte rifiutano lo stile di vita ed altre volte ritengono che abbia un ruolo nella crescita del minore – e la problematicità dello stesso, pur dando atto che il minore ha un buon rapporto con i nonni ed è a proprio agio nella loro casa, che questi hanno continuato ad intrattenere i rapporti con E. anche dopo la sua collocazione presso una famiglia affidataria; per quanto riguarda il nonno paterno, l’età avanzata, la sua difficoltà personale a comprendere le ragioni della dichiarazione dello stato di adottabilità del minore ed il rifiuto ad accordarsi personalmente con la famiglia affidataria per incontrare il minore, la non consapevolezza dell’impegno che richiederebbe l’accudimento del bambino; per quanto riguarda le zie paterne S. e Lu., la disponibilità ad essere solo di supporto al padre.

2.7. Nessuno di tali elementi, però, ad avviso di questo Collegio, appare idoneo, se esaminato nella necessaria ed imprescindibile correlazione con gli altri, a giustificare, sufficientemente ed adeguatamente, lo stato di abbandono; risulta, peraltro, assolutamente carente la considerazione della (pur reiteratamente dedotta) mancata assistenza prestata al nucleo familiare allargato per aiutarli, nel recupero della genitorialità.

Inoltre, nulla è detto di specifico e concreto sul minore, se non che sta bene con gli affidatari, circostanzà sicuramente meritevole di attenzione e valutazione, ma certo non esaustiva per la decisione da adottare; la valutazione delle figure vicarie interfamiliari, nonni e zie, è svolta in termini molto generici – tanto più se si considera la ampia platea di familiari disponibili a collaborare — ed astratti, considerando i potenziali rischi di una confusione tra il ruolo di nonni e quello di genitori, le possibili incertezze di un contesto condizionato da genitori inadeguati, il probabile trauma del bambino nel separarsi dagli affidatari, senza alcuna esposizione e valutazione dei rapporti esistenti in concreto con i nonni e le zie, senza illustrare in che modo questi siano stati supportati nel coltivare la relazione parentale nel corso del periodo dell’affidamento etero-familiare, alla luce delle finalità – prima illustrate – che l’utilizzo di questo istituto imponeva di perseguire; non viene considerato il rapporto con la sorella St., collocata presso i nonni materni, se non per dire genericamente che il legame va mantenuto (fol. 21 della sent. imp.).

Trattasi, sostanzialmente, di elementi astratti e generici, che potrebbero verosimilmente essere riscontrati, in tutto o in parte, in molte coppie genitoriali ed in molte famiglie colpite dal dramma della tossicodipendenza, senza, per questo, integrare lo stato di abbandono previsto dalla L. n. 184 del 1983, art. 8 (Cass. n. 20954 del 22/08/2018).

2.8. Alla stregua delle fin qui esposte considerazioni, dunque, ed in accoglimento dei motivi in esame, va rimesso al giudice di rinvio, come in prosieguo individuato, di procedere ad un nuovo esame circa la configurabilità dello stato di abbandono morale e materiale del minore S.E. (costituente il presupposto dell’eventuale stato di sua adottabilità): esame da effettuarsi acquisendo ulteriori, diversi e più recenti elementi di valutazione rispetto a quelli di cui si è detto, soprattutto in relazione al contesto familiare allargato, che possano configurarsi come fattori concreti idonei ad integrare la fattispecie, piuttosto che elementi affatto anodini al fine di giustificare una legittima cancellazione dei legami familiari del minore, con lesione dei diritti fondamentali dello stesso costituzionalmente tutelati (anche mediante la norma interposta dell’art. 8 Cedu).

3. In conclusione, il ricorso va accolto; la sentenza impugnata va cassata nei sensi di cui in motivazione e rinviata alla Corte di appello di Venezia in diversa composizione per il riesame e la statuizione sulle spese anche del presente grado alla luce dei principi espressi.

Va disposto che in caso di diffusione della presente ordinanza siano omesse le generalità delle parti e dei soggetti in essa menzionati, a norma del D.Lgs. n. 196 del 2003, art. 52.

PQM

– Accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa alla Corte di appello di Venezia, diversamente composta, anche per le spese di questo grado del giudizio;

Dispone che in caso di diffusione della presente ordinanza siano omesse le generalità delle parti e dei soggetti in essa menzionati, a norma del D.Lgs. n. 196 del 2003, art. 52.

Così deciso in Roma, il 14 giugno 2021.

Depositato in Cancelleria il 14 settembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA