Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24690 del 03/10/2019

Cassazione civile sez. trib., 03/10/2019, (ud. 15/05/2019, dep. 03/10/2019), n.24690

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. LEUZZI Salvatore – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 16637/2014 R.G. proposto da:

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, in persona del Direttore p.t., con domicilio

eletto presso gli uffici della predetta Avvocatura, in Roma, via dei

Portoghesi, n. 12;

– ricorrente – controricorrente in via incidentale –

contro

Associazione Italian Culinary Institute for foreigners, in persona

del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dall’Avv.

Mario Garavoglia e dall’Avv. Claudio Lucisano e dall’avv. Sonia

Vulcano, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultima

in Roma, via Crescenzio, n. 91;

– controricorrente – ricorrente in via incidentale –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del

Piemonte depositata il 17 dicembre 2013, n. 214/36/13.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 15 maggio

2019 dal Cons. Salvatore Leuzzi.

Fatto

RILEVATO

che:

L’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione, affidato a un solo motivo, avverso un capo della sentenza in epigrafe, che ha riconosciuto la detraibilità dell’IVA con riferimento a operazioni pur qualificate come oggettivamente inesistenti e documentate attraverso fatture emesse da G. s.r.l., confermando, per il resto, le riprese a tassazione eseguite dall’Ufficio;

La contribuente ha avanzato, a sua volta, ricorso articolato su tre motivi.

L’Agenzia delle Entrate in data 23 marzo 2018 ha presentato istanza di estinzione del giudizio per cessata materia del contendere per avere la contribuente aderito alla definizione delle liti fiscali pendenti ai sensi del D.L. n. 50 del 2017, art. 11, conv. in L. n. 96 del 2017, provvedendo al pagamento della somma dovuta per il perfezionamento della definizione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– Sussistono, quindi, i presupposti per l’estinzione del giudizio per definizione agevolata del giudizio con spese a carico della parte che le ha anticipate ai sensi del D.L. n. 50 del 2017, art. 11.

PQM

La Corte dichiara estinto il giudizio per definizione agevolata ai sensi del D.L. n. 50 del 2017, art. 11, conv. in L. n. 96 del 2017.

Spese a carico della parte che le ha anticipate.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Tributaria della Suprema Corte di Cassazione, il 15 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 3 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA