Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2469 del 31/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 2469 Anno 2018
Presidente: DORONZO ADRIANA
Relatore: DI PAOLA LUIGI

rec, L

ORDINANZA
sul ricorso n. 11139-2017 proposto da:
DI NATALE ANGELO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA LIMA
20, presso lo studio dell’avvocato VINCENZO IACOVINO, che lo
rappresenta e difende;

– ricorrente contro
RAI – RADIOTELEVISIONE ITALIANA SPA, 06382641006, in persona
del legale rappresentante, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO 25-B,
presso lo studio dell’avvocato ROBERTO PESSI, che la rappresenta e
difende unitamente all’avvocato MAURIZIO SANTORI;

– controricorrente avverso la sentenza n. 23348/2016 della CORTE SUPREMA DI
CASSAZIONE di ROMA, depositata il 16/11/2016;

Data pubblicazione: 31/01/2018

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata
del 05/12/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI DI PAOLA.
Rilevato che:
la sentenza impugnata ha rigettato il ricorso avverso la decisione di appello
che aveva ritenuto legittimo il licenziamento intimato ad Angelo Di Natale;

c.p.c., il lavoratore, affidato a quattro motivi;
la RAI ha resistito con controricorso;
è stata depositata la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.,
ritualmente comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in
camera di consiglio;
la difesa del lavoratore ha depositato memoria in data 27 novembre 2017, ex
art. 380 bis, comma 2, c.p.c., insistendo per raccoglimento del ricorso;
la difesa della RAI ha depositato memoria in data 24 novembre 2017, ex art.
380 bis, comma 2, c.p.c., insistendo per il rigetto del ricorso.
Considerato che:
il Collegio ha deliberato di adottare la motivazione semplificata;
Angelo Di Natale – denunciando errore di percezione da parte della Corte – ha
censurato la ritenuta, in sentenza, mancata produzione del cnlg (di cui è invece
affermata, in ricorso, la presenza agli atti), applicabile ai giornalisti
professionisti dipendenti RAI, nonché il mancato esame delle censure di cui ai
quattro motivi contenuti nell’originario ricorso per cassazione e l’errata
percezione del contenuto del ricorso stesso.
Ritenuto che:
l’errore di fatto revocatorio deve essere decisivo (cfr. Cass. n. 24334/2014:
“l’errore di fatto idoneo a legittimare la revocazione non soltanto deve essere la
conseguenza di una falsa percezione di quanto emerge direttamente dagli atti,
concretatasi in una svista materiale o in un errore di percezione, ma deve anche

2

avverso tale decisione ha proposto ricorso per revocazione, ex art. 391 bis

avere carattere decisivo, nel senso di costituire il motivo essenziale e
determinante della pronuncia impugnata per revocazione”);
nella sentenza impugnata è stato giudicato fondato il motivo di doglianza
formulato nel controricorso, incentrato sulla violazione dell’art. 366, comma 1, n.
4, c.p.c., sul rilievo – contenuto a p. 4 della sentenza – che la formulazione delle

confuso di plurime violazioni di legge e vizi motivazionali”;
l’effettuato esame degli aspetti salienti relativi ai punti ricavabili dalla “pur carente
formulazione dei primi tre motivi di ricorso”, nel cui ambito è inserita la
constatazione di mancata produzione del cnlg, si pone, pertanto, in chiave
meramente rafforzativa di una statuizione già, comunque, sufficiente a sorreggere
la decisione;
nella predetta sentenza è poi stato ritenuto infondato il quarto ed ultimo motivo,
compiutamente illustrato nella parte introduttiva della sentenza stessa (cfr., in
particolare, il seguente passo: “Osserva che il licenziamento è stato irrogato dal
direttore Risorse Umane in violazione dell’articolo 6 del CNLG, in assenza di
proposta del direttore di testata, il quale non è stato neppure sentito ex art. 50 del
CNI,G”), onde non vi è in radice l’errore di percezione, che presuppone una
svista resa palese dal raffronto tra sentenza ed atti di causa;
comunque, a giustificazione del rigetto del predetto motivo è stata posta in
evidenza, quanto alla procedura prevista per l’intimazione del licenziamento, la
ritenuta – ad opera del giudice di secondo grado – operatività dell’art. 7 St.lav.,
non investita di apposita censura;
il ricorso va così dichiarato inammissibile;
le spese del giudizio seguono la soccombenza;
ai sensi dell’art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, va dato atto
della non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del
ricorrente, ammesso al gratuito patrocinio (cfr. Cass. n. 7368/2017),

3

censure da 1 a 3 era stata effettuata “mediante affastellamento commisto e

dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per
il ricorso, a norma del comma 1-bis, dello stesso art. 13

PQM
dichiara inammissibile il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle
spese di lite, che liquida in E 200,00 per esborsi, 3.000,00 per compensi

accessori di legge.
Ai sensi dell’art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, dà atto della
non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente,
dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per
il ricorso, a norma del comma 1-bis, dello stesso art. 13.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del 5 dicembre 2017.

Il Presidente

professionali, oltre rimborso spese forfettarie nella misura del 15°/0 ed

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA