Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24672 del 05/11/2020

Cassazione civile sez. VI, 05/11/2020, (ud. 27/10/2020, dep. 05/11/2020), n.24672

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FERRO Massimo – Presidente –

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare G. – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18777-2019 proposto da:

D.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE MANZONI 81,

presso lo studio dell’avvocato ANTONELLA CONSOLO, che lo rappresenta

e difende;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL

RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI PADOVA, in persona

del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende ope legis;

– resistente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di VENEZIA, depositato il

15/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 27/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

M.D., maliano, ricorre per cassazione contro il decreto del tribunale di Venezia che ne ha respinto la domanda di protezione internazionale;

il Ministero dell’Interno ha depositato un semplice atto di costituzione per l’eventuale partecipazione all’udienza di discussione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

col primo mezzo (violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3) il ricorrente censura la decisione per non avere il tribunale compiuto lo scrutinio di credibilità soggettiva alla luce dei parametri di legge e adempiuto al dovere di cooperazione istruttoria;

col secondo mezzo (violazione e falsa applicazione del t.u. imm., art. 5, e del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32) censura la decisione per non avere adeguatamente valutato le gravi ragioni di ordine umanitario e la condizione di vulnerabilità personale ai fini della protezione umanitaria;

il ricorso, i cui motivi possono essere esaminati congiuntamente perchè connessi, è inammissibile;

non avendo il ricorrente proposto censure avverso i capi della decisione relativi al rigetto delle domande di protezione cd. “maggiore” (rifugio e sussidiaria), l’unico profilo che in effetti residua, e al quale devesi ritenere asservita anche la prima doglianza, è quello della protezione umanitaria;

sennonchè in proposito il tribunale ha ritenuto la domanda deficitaria sul piano dell’allegazione;

ha difatti stabilito che “non sono state allegate circostanze alla stregua delle quali poter ritenere che il ricorrente si sia allontanato da una condizione di vulnerabilità effettiva sotto il profilo specifico della violazione o dell’impedimento all’esercizio di diritti umani inalienabili (..)”;

contro codesta affermazione, che per prima sorregge il diniego per difetto di allegazione, non è formulata una coerente censura, giacchè al ricorrente si imponeva innanzi tutto di precisare in qual modo e in quali termini l’onere di allegazione fosse stato adempiuto; ne consegue che il ricorso si rivela inammissibile; esso in ultima analisi non è aderente alla primaria ratio della decisione nel punto, che ancora unicamente rileva, della protezione umanitaria.

PQM

La corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 27 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 novembre 2020

 

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA