Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24651 del 31/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 24651 Anno 2013
Presidente: FINOCCHIARO MARIO
Relatore: BARRECA GIUSEPPINA LUCIANA

ORDINANZA
sul ricorso 30489-2011 proposto da:
CONSORZIO DI MARSIA 80246550588 in persona del legale
rapprentante il Presidente pro tempore, elettivamente domiciliato in
ROMA, VIA VALENTINO MAZZOLA 38, presso lo studio
dell’avvocato PENNACCHIO CLAUDIO, rappresentato e difeso
dall’avvocato PRIMERANO GIULIO CESARE giusta procura a
margine del ricorso;
– ricorrente contro

BARBATO ANTONIO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA
SPALATO, 11, presso lo studio dell’avvocato PETRONI
GIOVANNI, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato
ATTILIO MACCHIA giusta procura speciale in calce al controricorso;
– controricorrente –

Data pubblicazione: 31/10/2013

avverso la sentenza n. 812/2010 della CORTE D’APPELLO di
L’AQUILA, depositata il 27/10/2010;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
09/10/2013 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPINA LUCIANA
BARRECA;

Premesso in fatto
E’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione:
“con la decisione ora impugnata per cassazione la Corte d’Appello dell’Aquila
ha rigettato l’appello proposto dal Consorzio di Marsia avverso la sentenza del
Tribunale di Avezzano pubblicata il 27 dicembre 2006, che aveva accolto
l’opposizione, qualificata come opposizione all’esecuzione ed agli atti
esecutivi, proposta da Antonio Barbato avverso l’atto di precetto ed il
pignoramento mobiliare intrapreso ai suoi danni dal Consorzio di Marsia.
Il ricorso per cassazione è svolto con un unico motivo, col quale si deduce il
vizio di violazione, falsa applicazione ed erronea interpretazione di nonne di
diritto, individuando il thema decidendum nei seguenti termini:<

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA