Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24614 del 31/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Decr. Sez. 6 Num. 24614 Anno 2013
Presidente:
Relatore:

DECRETO

Ud.

sul ricorso 11747-2013 proposto da:
CALDANA GIOVANNI CLDGNN34H12L736M, BONATO ANNA
BNTNNA41L44L736D, elettivamente domiciliati in ROMA,
VIALE MAZZINI 13, presso lo studio dell’avvocato
PARLATORE ANDREA, che li rappresenta e difende
unitamente agli avvocati ACERBONI FRANCESCO, DI
FRANCIA CLAUDIO, giusta mandato a margine del
ricorso;
– ricorrenti contro
EREDI DI DAVANZO ADA ALMA, VISENTIN DINO, DAVANZO
ERMENEGILDA DVNRNG26E41F332F, DESTRO ANTONIO,
VISENTIN VALLJ VSNVLJ41L61L407J, VISENTIN LUCIANA
VSNLCN37A58L407X, VISENTIN MARIAGRAZIA;
– intimati

avverso la sentenza n. 589/2012 della CORTE D’APPELLO
di VENEZIA del 31.1.2011, depositata il 14/03/2012.

Data pubblicazione: 31/10/2013

R.G. 11747/2013

Il Presidente

che Bonato Anna Caldana Giovanni, assistiti dagli Avvocati Carlo Di
Francia e Andrea Parlatore, hanno proposto ricorso avverso la sentenza
della Corte d’Appello di Venezia n. 589/12 depositata il 14 marzo 2012,
nei confronti degli eredi di Davanzo Ada Alma;
che è stata depositata nella cancelleria della Corte dichiarazione di
rinunzia al ricorso sottoscritta dagli Avvocati Carlo Di Francia e Andrea
Parlatore, a tanto abilitati dalla procura a margine del ricorso;
che la dichiarazione di rinunzia presenta i requisiti richiesti dall’art.
390 c.p.c.;
P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio di cassazione; dispone che del
presente decreto sia data comunicazione ai difensori delle parti
ricorrenti e li avvisa che nel termine di giorni dieci dalla
comunicazione possono chiedere che sia fissata l’udienza.
Così deciso in Roma il 22 ottobre 2013

Il Presidente f.f.

Ritenuto:

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA