Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2459 del 03/02/2010

Cassazione civile sez. trib., 03/02/2010, (ud. 05/11/2009, dep. 03/02/2010), n.2459

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 19194/2008 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope

legis;

– ricorrente –

contro

PLANET SRL in persona del proprio amministratore legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CICERONE 44, presso lo studio dell’avvocato LUCA PARDINI,

rappresentata e difesa dall’avvocato PARENTI Gianfrancesco, giusta

mandato a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 98/2007 della Commissione Tributaria Regionale

di FIRENZE dell’11.12.07, depositata il 29/01/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

05/11/2009 dal Consigliere Relatore Dott. LUIGI ALESSANDRO SCARANO.

E’ presente il P.G. in persona del Dott. RENATO FINOCCHI GHERSI.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 29/1/2008 la Commissione Tributaria Regionale della Toscana accoglieva il gravame interposto dalla contribuente società PLANET s.r.l. nei confronti della pronunzia della Commissione Tributaria Provinciale di Lucca di rigetto dell’impugnazione del silenzio rifiuto formatosi sull’istanza di rimborso di quanto versato in eccedenza in sede di registrazione del suo atto costitutivo a titolo di imposte ipotecarie e catastali.

Avverso la suindicata pronunzia del giudice dell’appello l’Agenzia delle entrate propone ora ricorso per cassazione, affidato a 2 motivi.

Resiste con controricorso la società Planet s.r.l..

E’ stata depositata in cancelleria relazione ex art. 380 bis c.p.c..

La relazione è stata comunicata al P.G. e notificata al difensore della parte costituita.

La ricorrente non ha presentato memoria nè vi è stata richiesta di audizione all’udienza in Camera di consiglio.

Il P.G. ha condiviso la relazione.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il 1^ motivo la ricorrente denunzia violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 347 del 1990, artt. 2 e 10, D.P.R. n. 131 del 1986, art. 50, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3.

Si duole che il giudice dell’appello abbia erroneamente ritenuto “che, pur nella diversità di natura delle imposte che gravano sui trasferimenti immobiliari, si debba avere un’unica base di calcolo, nell’assunto che è indubbio che un mutuo ipotecario gravante sull’immobile che la società si accolla, sia una passività dell’immobile”.

Pone quindi il quesito “se, nel caso di conferimenti immobiliari in società, la base imponibile delle imposte ipotecaria e catastale va determinata tenendo conto del valore degli immobili in sè considerati, restando preclusa la detrazione dal valore degli immobili degli oneri e delle passività, quali il mutuo garantito da ipoteca gravante sull’immobile conferito e accollato alla conferitaria, non trovando applicazione lo specifico criterio indicato dal D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, art. 50, comma 3, per l’imposta di registro”.

Il Collegio ritiene fondata la doglianza.

Risponde invero a principio consolidato in giurisprudenza di legittimità che nella determinazione della base imponibile delle imposte ipotecaria e catastale, l’attribuzione, prescritta dal D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 347, artt. 2 e 10, dello stesso valore assegnato ai fini dell’imposta di registro va intesa senza prescindere dalla diversità di oggetto propria di ogni singola imposta, con la conseguenza che, essendo dovute le imposte ipotecarie e catastali, a differenza dell’imposta di registro, in ordine a formalità che riguardano i singoli beni immobili, la base imponibile nel caso di conferimenti immobiliari in società va determinata tenendo conto del valore degli immobili in se considerati, restando preclusa la detrazione dal valore degli immobili degli oneri e delle passività, come il mutuo garantito da ipoteca gravante sull’immobile conferito, accollato alla conferitaria, senza che possa pertanto trovare applicazione lo specifico criterio indicato, per l’imposta di registro, dal D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, art. 50, comma 3 (v.= da ultimo, Cass., 12/5/2008, n. 11776, e già Cass., 3/7/2003, n. 10486).

Orbene, nell’affermare – evocando in particolare Cass., 30/8/2006, n. 18829, invero relativa alla diversa ipotesi del trasferimento di complesso aziendale comprendente beni immobili – che “il fatto che le imposte siano oggettivamente diverse … non modifica la norma per cui la base di calcolo resta la stessa, se il valore dell’immobile di riferimento è rappresentato dal suo oggettivo ed intrinseco valore al netto dei soli oneri reali gravanti su di esso”, il giudice dell’appello ha invero disatteso il suindicato principio.

Dell’impugnata sentenza, assorbito il 2^ motivo (con il quale la ricorrente denunzia omessa/apparente motivazione su punto decisivo della controversia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), s’impone pertanto la cassazione n relazione.

Non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la causa può essere decisa nel merito ex art. 384 c.p.c., comma 2, con il rigetto del ricorso introduttivo della contribuente.

Le ragioni della decisione costituiscono peraltro giusti motivi per disporsi la compensazione tra le parti delle spese dell’intero processo.

P.Q.M.

La Corte accoglie il 1 motivo di ricorso, assorbito il 2^. Cassa in relazione l’impugnata sentenza e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo della contribuente. Compensa integralmente tra le parti le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, il 5 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 3 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA