Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2458 del 31/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. L Num. 2458 Anno 2018
Presidente: MANNA ANTONIO
Relatore: NEGRI DELLA TORRE PAOLO

ORDINANZA

sul ricorso 427-2013 proposto da:
CRiSTIANINI

FEDERICO

C.F.

CRSFRC71L05G702I,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA NICOLA RICCIOTTI
11, presso lo studio dell’avvocato COSTANZA ACCIAI, che
lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato
UMBERTO CERRAI, giusta delega in atti;
– ricorrente contro

2017
4119

CPT CONSORZIO PISANO TRASPORTI S.R.L., già COMPAGNIA
PISANA TRASPORTI S.P.A., in persona del legale
rappresentante pro tempore, CTT NORD S.R.L., quale
avente causa della CPT S.P.A., in persona del legale
rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliati

Data pubblicazione: 31/01/2018

in ROMA, VIA L. G. FARAVELLI 22, presso l’Avvocato
ARTURO MARESCA, rappresentati e difesi dall’Avvocato
MICHELE MARIANI, giusta delega in atti;
– controricorrenti

avverso la sentenza n. 1255/2011 della CORTE D’APPELLO

Il P.M. ha depositato conclusioni scritte.

di FIRENZE, depositata il 20/12/2011 R.G.N. 489/2010;

R.G. 427/2013

Premesso
che con sentenza n. 1255/2011, depositata il 20 dicembre 2011, la Corte di appello di
Firenze ha confermato la sentenza di primo grado, con la quale il Tribunale di Pisa aveva
respinto la domanda di Federico Cristianini volta ad ottenere dalla datrice di lavoro CPT Compagnia Pisana Trasporti S.p.A. il risarcimento del c.d. “danno differenziale” subito a

che nei confronti di detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione il lavoratore con
due motivi;
che hanno resistito con controricorso, assistito da memoria, la CTT Nord S.r.l., avente
causa della CPT, e la CPT – Compagnia Pisana Trasporti S.p.A.;
che il Procuratore Generale ha depositato conclusioni scritte;

rilevato
che tra le parti è intervenuta conciliazione in sede sindacale, come da verbale in atti del
29/3/2014, in forza della quale il lavoratore ha rinunciato alle proprie domande, a fronte
di incentivo all’esodo, con accettazione della controparte e compensazione delle spese del
giudizio per cassazione pendente;

ritenuto
che deve, pertanto, essere dichiarata la cessazione della materia del contendere e la
compensazione fra le parti delle spese del presente giudizio

p.q.m.

La Corte dichiara cessata la materia del contendere; spese compensate.

Così deciso in Roma nell’adunanza camerale del 24 ottobre 2017.

seguito dell’infortunio occorsogli il 25/6/2002;

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA