Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24548 del 02/10/2019

Cassazione civile sez. trib., 02/10/2019, (ud. 10/04/2019, dep. 02/10/2019), n.24548

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. CONDELLO Pasqualina – Consigliere –

Dott. GILOTTA Bruno – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 14427/2013 proposto da:

U.G.A., rappresentato e difeso dall’avv. Flaminia

Ferrucci del foro di Roma è domiciliato in Roma, viale Regina

Margherita 262-264 presso lo studio del precedente difensore avv.

Cataldo D’Andria;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del direttore pro tempore,

rappresentata dall’Avvocatura Generale dello Stato, con domicilio

legale in Roma, via dei Portoghesi, n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato;

– intimata –

per l’annullamento della sentenza n. 170/1/12 del Commissione

Tributaria Regionale della Basilicata emessa inter partes il

19.11.2019.

Fatto

RILEVATO

Che:

Con sentenza n. 170/1/12 la Commissione Tributaria Regionale della Basilicata, confermando quella di primo grado, ha rigettato l’impugnazione proposta da U.G.A. – agente di commercio – avverso il silenzio-rifiuto opposto dall’Agenzia delle Entrate di Potenza alla domanda di rimborso dell’I.R.A.P. che il contribuente aveva ritenuto indebitamente corrisposta negli anni 2004, 2005 e 2006.

L’Ufficio aveva resistito alle impugnazioni sulla base dell’entità dei beni strumentali dichiarati dal contribuente, costituiti nel 2004, fra l’altro da un’autovettura, nel 2005 da altre due vetture, nonchè di un ulteriore automezzo, oltre che di un computer.

Ricorre per la cassazione della sentenza il contribuente, deducendo la violazione della disciplina istitutiva dell’I.r.a.p., la violazione dei principi in tema di distribuzione dell’onere della prova e la violazione dei principi che regolano, a norma dell’art. 132 c.p.c. e del D.P.R. n. 546 del 1992, art. 36, il contenuto della sentenza.

Per la trattazione è stata fissata l’adunanza in Camera di consiglio del 10 aprile 2019, ai sensi dell’art. 375 c.p.c., u.c. e dell’art. 380 bis 1 c.p.c., il primo come modificato ed il secondo introdotto dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, conv. in L. 25 ottobre 2016, n. 197.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

Con il primo motivo il ricorrente deduce “illegittimità della pronuncia per violazione del D.Lgs. n. 447 del 1997, art. 2, in relazione all’art. 360 c.p.c.”. Sostiene che erroneamente la Commissione Tributaria Regionale avrebbe utilizzato la disciplina prevista per i c.d. contribuenti minimi per valutare l’incidenza dei beni strumentali e ritenuto la natura imprenditoriale della sua attività in base alla redazione, nella dichiarazione dei redditi, del quadro RF/RG.

Con il secondo motivo deduce “illegittimità della pronuncia per violazione dell’art. 2697 c.c. in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, nonchè per violazione del combinato disposto dell’art. 132 c.p.c., comma 1, n. 4, e del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36, comma, 2, n. 4, nonchè dell’art. 118 disp. att. c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4. Sostiene che la commissione Tributaria Regionale avrebbe disatteso ingiustificatamente la prova fornita a mezzo della puntuale indicazione dei beni strumentali utilizzati – e riconosciuta dalla Commissione Tributaria Provinciale – in ordine all’assenza dell’autonoma organizzazione.

I motivi sono strettamente connessi fra di loro e, riguardando entrambi il presupposto dell’imposizione tributaria, devono essere trattati congiuntamente.

A parte alcuni punti divaganti, che non hanno incidenza determinante sulla decisione, la motivazione si fonda sostanzialmente sull’entità e sulla qualità dei beni strumentali (3 vetture e un altro automezzo, di valore superiore a centomila Euro) ritenuti eccessivi rispetto al quel minimo indispensabile segnato dall’id quod plerumque accidit nell’esercizio dell’attività di un agente di commercio, e sulla rilevante entità dei ricavi dichiarati.

La decisione si pone in contrasto con l’orientamento – ormai consolidato – di questa Corte, secondo il quale, ai fini dell’imposizione dell’I.r.a.p., il requisito l’autonoma organizzazione non può essere desunta dal valore assoluto dei compensi e dei costi e dal loro reciproco rapporto percentuale, atteso che, da un lato, i compensi elevati possono essere sintomo del mero valore ponderale specifico dell’attività esercitata, e, dall’altro, le spese consistenti possono derivare da costi strettamente afferenti all’aspetto personale (spese alberghiere o di rappresentanza, assicurazione per i rischi professionali o il carburante utilizzato per il veicolo strumentale), costituendo, così, un mero elemento passivo dell’attività professionale, non funzionale allo sviluppo della produttività e non correlato all’implementazione dell’aspetto “organizzativo” (da ult., cass., 27898/2018); inoltre fornisce una motivazione solo apparente in ordine all’idoneità dei beni strumentali indicati dal contribuente (sostanzialmente quattro veicoli) a formare un apparato organizzativo capace di autonoma efficienza produttiva.

La sentenza va pertanto cassata e rimessa alla Commissione Tributaria Regionale perchè si adegui ai principi di diritto sopra enunciati ed espliciti le ragioni perchè i beni strumentali indicati dal contribuente superino il minimo indispensabile, in base all’id quod plerumque accidit, per l’esercizio dell’attività di agente di commercio concretamente esercitata.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione Tributaria Regionale della Basilicata, in diversa composizione, anche per la liquidazione delle spese del presente grado di giudizio.

Così deciso in Roma, il 10 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 2 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA