Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24507 del 30/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 24507 Anno 2013
Presidente: SEGRETO ANTONIO
Relatore: AMBROSIO ANNAMARIA

ORDINANZA
sul ricorso 11273-2012 proposto da:
DI FABIO MARIA PIA, DI FABIO SALVATORE, elettivamente
domiciliati in ROMA, VIA MUZIO CLEMENTI 68, presso lo studio
dell’avvocato FEDELI CRISTIANA, rappresentati e difesi
dall’avvocato MORELLI GRETA giusta procura speciale in calce al
ricorso;

– ricorrenti contro
SOCIETA’ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE COOP. A R.L.
0032016237, in persona del procuratore, elettivamente domiciliato in
ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 38, presso lo studio dell’avvocato
COLETTI PIERFILIPPO, che lo rappresenta e difende giusta procura
speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

c9&)(

Data pubblicazione: 30/10/2013

contro
SANTARELLI MARIAGRAZIA;
«

intimata

avverso la sentenza n. 6357/2011 della CORTE SUPREMA DI

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
10/10/2013 dal Consigliere Relatore Dott. ANNAMARIA
AMBROSIO;
udito l’Avvocato Stafania Coletti (delega Pierfilippo Coletti) difensore
della controricorrente che si riporta alla memoria;
è presente il P.G. in persona del Dott. PIERFELICE PRATIS che
conferma la relazione.

Ric. 2012 n.
-2-

0-10-2013

CASSAZIONE di ROMA del 27/01/2011, depositata il 21/03/2011;

Svolgimento del processo e motivi della decisione
E’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione:
« 1. Nel giudizio avente ad oggetto convalida di offerta reale della soc. Cattolica
di Assicurazione e il risarcimento danni subiti da Maria Pia e Salvatore Di Fabio a
seguito della morte in data 11.07.1969 di Teresa Longo, rispettiva madre e moglie,
nell’incidente stradale in cui era coinvolto anche Tullio Santerelli (ora deceduto),

ricorso di Maria Pia e Salvatore Di Fabio, confermando la sentenza della Corte di
appello di Perugia che — decidendo in sede di rinvio dalla Cassazione— aveva
determinato, per quanto qui interessa, il danno patrimoniale subito dai Di Fabio
per mancato apporto di reddito e per mancato apporto di lavoro domestico,
disponendo altresì la detrazione degli acconti versati dalla compagnia di
assicurazione.
2. Avverso detta decisione hanno proposto ricorso per revocazione con atto
inviato il 5 maggio 2012 Maria Pia e Salvatore Di Fabio.
La Cattolica di Assicurazioni coop. a r.l. ha resistito con controricorso.
Nessuna attività difensiva è stata svolta dall’altra intimata, Maria Grazia
Santarelli, quale erede di Tullio Santarelli.
3. Parte ricorrente lamenta l’errore revocatorio con riferimento al rigetto del
terzo e quarto motivo di cassazione, assumendo:
3.1. quanto al terzo motivo di ricorso per cassazione (concernente i criteri di
imputazione degli acconti ricevuti dagli odierni resistenti) che «la Corte di Cassazione

… non si è avveduta che anche gli acconti sul danno morale vanno scorporati della quota
capitale, della quota di rivalutazione e della quota di interessi, al fine di operare le detrazioni»
(pag. 14 del ricorso per revocazione); in particolare la Cassazione — ribadendo che
il criterio di detrazione degli acconti seguito nella sentenza impugnato era corretto
— non avrebbe considerato che «la Corte di appello di Perugia, pur enunciato il _principio,

non ne ha fatto concreta applicazione…» (pag. 12) e che «se la Suprema Corte non fosse

Rel.

sio

3

con sentenza n. 6357 in data 21 marzo 2011 la Corte di cassazione ha rigettato il

incorsa nell’errore di percezione qui rappresentato avrebbe … rilevato la contraddittorietà in cui
era incorsa la Corte di appello di Perugia …»(ancora pag. 14);
3.2. quanto al quarto motivo (concernente la rideterminazione del danno
patrimoniale derivante dal mancato conferimento alla famiglia di quota del reddito
della defunta e dal mancato apporto della sua attiva partecipazione di moglie e
madre alla conduzione famigliare), che la Corte di cassazione — rilevando che la

alle indicazioni della sentenza n. 1384 del 1993 (di cassazione con rinvio) sfuggiva
a qualsiasi censura in sede di legittimità — abbia omesso di considerare due
circostanze (in tesi) dirimenti, e precisamente che la posizione reddituale di
Salvatore Di Fabio e i benefici assistenziali di cui ha goduto la figlia Maria Pia
avrebbero dovuto rimanere estranee all’indagine del giudice del rinvio; in
particolare l’errore revocatorio consisterebbe nel fatto che la Corte di cassazione

«non si è avveduta di tali circostanze, di cui, appunto, i Di Fabio contestavano sostanzialmente
la rilevanza e ammissibilità ai fini della rideterminazione del danno risarcibile … » (pag. 16)
4. Il ricorso, da trattarsi in camera di consiglio, in applicazione degli artt. 380 bis
e 391 bis cod. proc. civ., non appare destinato a superare il preventivo vaglio di
ammissibilità.
4.1. In punto di diritto si rammenta che costituisce errore di fatto deducibile, ai
sensi dell’art. 395 n. 4 cod. proc. civ., come motivo di revocazione della sentenza,
quello che si verifica in presenza non già di sviste di giudizio, ma della percezione,
in contrasto con gli atti e le risultanze di causa, di una falsa realtà documentale, in
conseguenza della quale il giudice si sia indotto ad affermare l’esistenza di un fatto
o di una dichiarazione che, invece, incontrastabilmente non risulta dai documenti
di causa (exp/inimis Cass. 20 febbraio 2006, n. 3652; Cass. 11 aprile 2001, n. 5369).
In particolare l’errore di fatto previsto dall’art. 395, n. 4, cod. proc. civ. — idoneo a
costituire motivo di revocazione delle sentenze di Cassazione ai sensi dell’art. 391

bis cod. proc. civ. — deve consistere, al pari dell’errore revocatorio imputabile al
giudice di merito, nell’affermazione o supposizione dell’esistenza o inesistenza di

motivazione del giudice del rinvio, siccome attinente a indagine di fatto e aderente

un fatto la cui verità risulti invece, in modo indiscutibile, esclusa o accertata in

base al tenore degli atti o dei documenti di causa; deve essere decisivo, nel senso
che deve esistere un necessario nesso di causalità tra l’erronea supposizione e la
decisione resa; non deve cadere su un punto controverso sul quale la Corte si sia
pronunciata; deve infine presentare i caratteri della evidenza ed obiettività (Cass.
28 febbraio 2007, n. 4640).

semplice e concreta rilevabilità, senza che la sua constatazione necessiti di
argomentazioni induttive o di indagini ermeneutiche, e non può consistere, per
converso, in un preteso, inesatto apprezzamento delle risultanze processuali
ovvero in una critica del ragionamento del giudice sul piano logico – giuridico.
4.2. Ciò premesso, si osserva che nel caso all’esame entrambi i pretesi vizi
revocatori esulano dall’ambito di cui all’art. 391 bis cod. proc. civ. in comb. disp.
con l’art. 395 n. 4 cod. proc. civ., postulando — nella stessa prospettazione di parte
ricorrente — presunti

erro res in iudicando.

Invero le censure investono la

formulazione del giudizio sul piano logico-giuridico, postulando l’esistenza di un
errore sui contenuti della sentenza di appello (in sede di rinvio) e/o sulle tesi
difensive della parte, che non costituiscono fatti: errori di tal fatta — se e in quanto
dovessero essere sussistenti – si configurerebbero necessariamente non come un
errori percettivi, ma come un errori di giudizio, investendo per la loro natura
l’attività valutativa e interpretativa del giudice.
5. In definitiva il ricorso appare esclusivamente funzionale a sollecitare
l’ennesimo (il sesto) grado di giudizio.»
A seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella Camera di consiglio, il
Collegio – esaminati i rilievi contenuti nella memoria di parte ricorrente che non
hanno evidenziato profili tali da condurre ad una decisione diversa da quella
prospettata nella relazione e letta, altresì, la memoria di parte resistente – ha
condiviso i motivi in fatto ed in diritto esposti nella relazione stessa.
In conclusione il ricorso va dichiarato inammissibile .

5

L’errore revocatorio deve, pertanto, apparire di assoluta immediatezza e di

Le spese del presente procedimento, liquidate come in dispositivo alla stregua
dei parametri di cui al D.M. n. 140/2012, seguono la soccombenza.
P.Q.M.
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna parte ricorrente al
rimborso delle spese processuali, liquidate in favore della resistente in C 2.800,00
(di cui C 200,00 per esborsi) oltre accessori come per legge.

IL PRESENTE
dott. AntS

Segreto

Roma 10 ottobre 2013

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA