Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24506 del 21/11/2011

Cassazione civile sez. II, 21/11/2011, (ud. 18/10/2011, dep. 21/11/2011), n.24506

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente –

Dott. GOLDONI Umberto – rel. Consigliere –

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Consigliere –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.G. (OMISSIS), Titolare della Ditta “IL

MOBILE DI MURABITO GIOVANNI”, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

M. DIONIGI 43, presso Io studio dell’avvocato PUGLISI GIUSEPPE,

rappresentato e difeso dall’avvocato SUDANO RICCARDO;

– ricorrente –

contro

GIESSEGI IND MOBILI SPA (OMISSIS) in persona

dell’Amministratore unico Ing. M.G., elettivamente

domiciliato in ROMA, VIALE ANGELICO 38, presso lo studio

dell’avvocato DEL VECCHIO ANDREA, rappresentato e difeso

dall’avvocato FORMICA GIANFRANCO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 521/2005 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 17/09/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/10/2011 dal Consigliere Dott. UMBERTO GOLDONI;

udito l’Avvocato DEL VECCHIO Andrea con delega depositata in udienza

dell’Avvocato FORMICA Gianfranco, difensore del resistente che ha

chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

DESTRO Carlo che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto del 1994, M.G., titolare della ditta individuale “il mobile” proponeva opposizione avverso il decreto ingiuntivo, emesso dal Presidente del tribunale di Macerata, chiesto ed ottenuto da Mobilclass spa, per L. 213.854.357, nei suoi confronti in base a una fattura relativa ad una fornitura di mobili, asserendo che la stessa era stata prontamente contestata.

Si costituiva la convenuta contestando la tesi attorea; in esito alla compiuta istruzione, dopo che si era costituita in giudizio la Giessegi Industria Mobili spa, incorporante della Mobilclass,con sentenza del 2003, il tribunale di Macerata respingeva l’opposizione e regolava le spese.

Proponeva appello il M., cui resisteva la controparte, deducendo, in rito, l’inammissibilità dell’impugnazione per inesistenza della notifica al procuratore costituito.

Con sentenza in data 22.6/17.9.2005, la Corte di appello di Ancona, rilevato che l’appellata era rappresentata dall’avv. D.S. E. e che la notifica dell’appello era stata effettuata a mani dell’avv. D.S.M., e che tra i due professionisti non sussisteva alcun collegamento, dichiarava inammissibile l’impugnazione per inesistenza della notifica.

Per la cassazione di tale sentenza ricorre, sulla base di un solo motivo, il M.; resiste con controricorso la Società.

Entrambe le parti hanno presentato memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo in cui il presente ricorso si articola, si lamenta violazione dell’art. 330 oltre che degli artt. 156 e 160 c.p.c., assumendosi che E. e D.S.M., entrambi avvocati, sono padre e figlio ed hanno lo studio in comune presso il domicilio eletto dalla cliente del primo; essendo stato l’atto di appello notificato a tale domicilio, ed essendosi costituita la parte, l’atto aveva raggiunto il suo scopo e pertanto la declaratoria di inammissibilità dell’appello non aveva ragion d’essere.

La tesi del ricorrente si basa su di una giurisprudenza formatasi in relazione all’ipotesi di atto indirizzato al procuratore della controparte e notificato a soggetto diverso, che sia in rapporto di colleganza o di altro genere con quello, sì da lasciar presumere l’esistenza di un collegamento tra i soggetti e quindi la sussistenza di un vizio di nullità, sanabile in caso di avvenuta costituzione.

Questa Corte è perfettamente al corrente di tale condiviso indirizzo giurisprudenziale, ma deve rilevare che lo stesso non si applica al caso di specie, in cui l’atto di appello è stato indirizzato ad un legale diverso dal procuratore costituito della Società.

Ora, il vizio che affligge l’atto non risiede nella notifica effettuata a mani di soggetto rinvenuto presso lo studio ove era stato eletto domicilio, sia esso il padre o comunque una persona di famiglia del legale, ma invece nella identificazione del destinatario;

il procuratore della società era l’avv. D.S.E., mentre l’atto era stato intestato, quale destinatario, all’avvocato D. S.M., persona diversa dal legale che era il procuratore della Società.

In questa erronea identificazione del soggetto cui l’atto era indirizzato consiste il vizio verificatosi nella specie, vizio che comporta l’inesistenza dell’atto, come tale non sanabile, atteso che la erronea identificazione del soggetto cui l’atto era rivolto non può trovare sanatoria ed è quindi ininfluente il riferimento alla identità del domicilio, al rapporto di parentela o alla prospettata comunanza dello studio legale, sede del domicilio eletto.

La errata identificazione del soggetto cui, per legge, l’atto doveva essere diretto, è vizio insanabile in quanto comporta l’inesistenza dell’atto stesso per la indicazione in esso, quale destinatario, di persona diversa dal procuratore costituito della parte appellata.

La successiva fase di notifica è pertanto assolutamente ininfluente e, con essa il richiamo alla giurisprudenza ampiamente citata in ricorso.

La soluzione adottata esime dall’esaminare la questione della ammissibilità della produzione effettuata dai ricorrenti.

In ragione di tanto, il ricorso deve essere respinto.

Le spese seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

la Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese che liquida in Euro 3.700,00, di cui Euro 3.500,00 per onorari, oltre agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 18 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA