Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24495 del 21/11/2011

Cassazione civile sez. lav., 21/11/2011, (ud. 27/10/2011, dep. 21/11/2011), n.24495

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – Consigliere –

Dott. MAISANO Giulio – rel. Consigliere –

Dott. FILABOZZI Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 15497-2007 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante prò tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, via DELLA Frezza 17, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati RICCIO

ALESSANDRO, VALENTE NICOLA, PATTERI ANTONELLA, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

C.G., C.T.M., nella qualità di

eredi di M.L., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

CARLO POMA 2, presso lo studio dell’avvocato ASSENNATO GIUSEPPE

SANTE, che li rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 140/2007 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 14/03/2007, r.g.n. 163/06;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

27/10/2011 dal Consigliere Dott. GIULIO MAISANO;

udito l’Avvocato LUIGI CALIULO per delega RICCIO ALESSANDRO;

udito l’Avvocato GIUSEPPE SANTE ASSENNATO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per: in via principale

inammissibilità, in subordine rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 9 gennaio 2006 il Tribunale dei Catania, in accoglimento della domanda proposta da C.G. e da C.T.M. nella qualità di eredi di M.L., ha dichiarato il diritto alla percezione della pensione dell’ex coniuge della M. dalla data del decesso di questi e non dalla notifica della sentenza del Tribunale che aveva statuito sulle quote del trattamento pensionistico di reversibilità spettante al coniuge divorziato ed al coniuge superstite. Con sentenza del 14 marzo 2007 la Corte d’Appello di Catania, in parziale riforma di tale sentenza di primo grado, in parziale accoglimento dell’appello incidentale degli eredi C., ha condannato l’I.N.P.S. a corrispondere a detti eredi la rivalutazione monetaria dalle rispettive scadenze e sino al soddisfo, confermando, nel resto la sentenza di primo grado.

Per quanto rileva in questa sede la Corte territoriale ha considerato che il giudice di primo grado aveva condannato l’I.N.P.S. al pagamento degli interessi legali, ma non anche della rivalutazione monetaria dovuta.

Avverso tale sentenza della Corte d’Appello di Catania propone ricorso per cassazione l’I.N.P.S. articolato su unico motivo.

Resistono con controricorso gli eredi C. che hanno presentato memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di ricorso si lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 1224 e 1225 c.c. e art. 1282 c.c., comma 1, della L. 30 dicembre 1991, n. 412, art. 16, comma 6, e della L. 11 agosto 1973, n. 533, art. 7, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3.

In particolare si deduce che gli interessi legali non possono decorrere dalla data di decorrenza della pensione stabilita al mese successivo al decesso del coniuge, in quanto l’I.N.P.S., in caso di concorrenza di coniuge divorziato e coniuge superstite, può liquidare la pensione solo all’esito della pronuncia giudiziale con la quale vengono determinate le quote di spettanza dei due coniugi, per cui solo dopo tale pronuncia si concluderebbe l’iter amministrativo da cui possono decorrere gli interessi legali in questione.

Il ricorso è inammissibile in quanto investe una questione sulla quale si è già formato il giudicato. Infatti la Corte territoriale, chiamata a pronunciarsi sull’appello incidentale con il quale si chiede la condanna dell’I.N.P.S. al pagamento della rivalutazione monetaria sul trattamento pensionistico spettante agli eredi C. in quanto gli interessi legali erano già stati riconosciuti con la sentenza di primo grado, ha esattamente limitato la propria pronuncia a detta rivalutazione monetaria osservando che il primo giudice aveva già condannato l’I.N.P.S. al pagamento degli interessi legali.

L’I.N.P.S. contesta con il proprio ricorso la decorrenza degli interessi, come confermato anche dal quesito di diritto formulato proprio con espresso riferimento agli interessi, questione sulla quale si è formato il giudicato in quanto, come esattamente affermato dalla Corte territoriale, sul punto si è pronunciato il giudice di primo grado con decisione che non è stata oggetto di appello.

Pertanto in questa sede non può evidentemente contestarsi la decorrenza degli accessori di legge conseguente alla decorrenza del trattamento pensionistico in questione, proprio perchè gli interessi legali, con la relativa decorrenza, hanno fatto oggetto di pronuncia non impugnata e conseguentemente passata in giudicato.

Le spese di giudizio, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione dichiara inammissibile il ricorso; Condanna il ricorrente al pagamento delle spese di giudizio liquidate in Euro 25,00 oltre Euro 1.800,00 per onorari, oltre IVA e CPA. Da distrarsi in favore dell’avv. G. Sante Assennato.

Così deciso in Roma, il 27 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA