Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24494 del 30/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 1 Num. 24494 Anno 2013
Presidente: CARNEVALE CORRADO
Relatore: DIDONE ANTONIO

SENTENZA

sul ricorso 21833-2009, proposto da:
LUPPI LUIGI (C.F. LPPLGU62T10G947T), in proprio e
nella qualità di amministratore unico della OLIT
S.P.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAllA

Data pubblicazione: 30/10/2013

D’ARA COELI l (C/0 STUDIO LEGALE CARDIA), presso
l’avvocato ILARIA SCATENA, rappresentato e difeso
2013
1429

dall’avvocato DEFILIPPI CLAUDIO, giusta procura in
calce al ricorso;
– ricorrente contro

1

FALLIMENTO OLIIT S.P.A., in persona del Curatore
dott. VALTER BULLIO, elettivamente domiciliato in
• ROMA, VIALE MAZZINI 88, presso l’avvocato BARBERIS
GIORGIO, che lo rappresenta e difende unitamente
all’avvocato TABELLINI CARLO, giusta procura in

controricorrente

avverso la sentenza n. 1391/2008 della CORTE
D’APPELLO di TORINO, depositata il 07/10/2008;
udita la relazione della causa svolta nella
pubblica udienza del 02/10/2013 dal Consigliere
Dott. ANTONIO DIDONE;
udito, per il controricorrente, l’Avvocato BARBERIS
GIORGIO che ha chiesto il rigetto del ricorso;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. LUCIO CAPASSO che ha concluso per il
rigetto del primo motivo, assorbito il secondo.

calce al controricorso;

2

Ritenuto in fatto e in diritto
1.- Con sentenza del 12.12.2007 – notificata il 12.3.2008
il Tribunale di Ivrea ha rigettato l’opposizione
proposta

da

Luigi

Luppi,

in

proprio

e

quale

amministratore della s.p.a. Olit, contro la sentenza
dichiarativa di fallimento della predetta società
(pronunciata il 19.10.2004 su istanza del P.M.) e la
Corte di appello di Torino, con la sentenza impugnata
(depositata il 7.10.2008) ; ha dichiarato inammissibile
l’appello proposto dal Luppi nella predetta qualità ,
perché presentato nelle forme del reclamo secondo il
nuovo testo dell’art. 18 1. fall. ) con ricorso tardivo
perché depositato 1’11.4.2008 e notificato il 3.5.2008.
Contro la sentenza di appello la società fallita e il
Luppi hanno proposto ricorso per cassazione affidato a
due motivi.
Resiste con controricorso la curatela fallimentare
intimata.
2.1.- Con il primo motivo di ricorso i ricorrenti
denunciano violazione di norme di diritto.
Formulano, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c., applicabile
ratione temporis, il seguente quesito:
<

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA