Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24485 del 30/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 30/11/2016, (ud. 21/10/2016, dep. 30/11/2016), n.24485

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 667-2014 proposto da:

GAITOIL di FERRARA A. & C. S.N.C. C.F. 00102330610, in persona

del legale rappresentante p.t., elettivamente domiciliata in ROMA,

alla piazza CAVOUR presso la CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dall’avvocato CLAUDIO CIANCIO giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrenti –

contro

FALLIMENTO della (OMISSIS) S.R.L.

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALI di TORRE ANNUNZIATA, emesso il

07/11/2013 e depositato l’8/11/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

21/10/2016 dal consigliere relatore, dott.ssa MAGDA CRISTIANO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

E’ stata depositata la seguente relazione:

la sottoscritta relatrice, rilevato:

1) che Gaffoil di Ferrara A. & C. s.n.c. impugna con ricorso per cassazione, affidato a due motivi, il decreto 20.12.013 del Tribunale di Torre Annunziata che ha dichiarato improcedibile, per difetto di valida procura alle liti, l’opposizione L. Fall., ex art. 98 da essa proposta per ottenere l’ammissione allo stato passivo del Fallimento della (OMISSIS) s.r.l. del credito vantato per forniture di carburante;

2) che il Fallimento intimato non ha svolto attività difensiva;

3) che il secondo motivo del ricorso, con il quale la ricorrente, deducendo violazione dell’art. 182 c.p.c., comma 2, lamenta che il tribunale non le abbia assegnato un termine per il rilascio o l’integrazione della procura, appare manifestamente fondato;

4) che non v’è dubbio, infatti, che anche nel giudizio di opposizione allo stato passivo operi l’art. 182 c.p.c., il cui comma 2, nel testo attuale (applicabile ratione temporis) impone al giudice di promuovere la sanatoria con effetto “ex tune”, dei difetti di rappresentanza della parte, ivi compresi i vizi relativi alla procura, senza il limite delle preclusioni processuali (Cass. nn. 24068/013, 28337/011; Cass. SS.U1J. n. 9217/010);

propone di concludere per l’accoglimento del ricorso, con decisione che potrebbe essere assunta in camera di consiglio ai sensi degli arti. 375, 380 bis c.p.c.

Il collegio ha esaminato gli atti, ha letto la relazione e ne condivide le conclusioni.

Il decreto impugnato va pertanto cassato, con rinvio della causa al Tribunale di Torre Annunziata, in diversa composizione, che regolerà anche le spese di questo giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il secondo motivo di ricorso, assorbito il primo; cassa il decreto impugnato e rinvia al Tribunale di Torre Annunziata in diversa composizione, anche per le spese.

Così deciso in Roma, il 21 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 30 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA