Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24456 del 30/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 5 Num. 24456 Anno 2013
Presidente: PIVETTI MARCO
Relatore: MELONI MARINA

SENTENZA
sul ricorso 32107-2007 proposto da:
ACSM SPA in persona del Direttore Generale e legale
rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato
in ROMA VIA CIPRO 4/V, presso lo studio dell’avvocato
CIPOLLA GIUSEPPE MARIA, che lo rappresenta e difende
con procura speciale del Not. Dr. FRANCESCO PERONESE
in COMO rep. n. 156346 del 12/12/2007;
– ricorrente contro

AGENZIA DELLE DOGANE in persona del Direttore pro
tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI
PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

Data pubblicazione: 30/10/2013

STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;
– controricorrente

avverso la sentenza n. 131/2006 della COMM.TRIB.REG.
di MILANO, depositata il 31/01/2007;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica

MELONI;
udito per il ricorrente l’Avvocato CIPOLLA che ha
chiesto l’accoglimento e deposita note di udienza;
udito per il controricorrente l’Avvocato CAPUTI
IAMBRENGHI che ha chiesto il rigetto;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. PASQUALE FIMIANI che ha concluso per
la cessazione con decisione nel merito.

udienza del 26/02/2013 dal Consigliere Dott. MARINA

Svolgimento del processo
La ditta ACSM spa INCORPORANTE DELLA Tecnogas srl
ha pagato la rata di acconto dell’accisa relativa

quell’anno in data 28 dicembre 2001 anziché in data
27 dicembre 2001.
L’agenzia delle Dogane – Ufficio tecnico di Finanza
di Como ha notificato in data 17/3/2003 avviso di
liquidazione con pagamento di indennità di mora ed
interessi per il ritardato versamento di un giorno
della rata di acconto del mese di dicembre da
pagarsi entro il 27/12/2001.
La società, avvalendosi della sanatoria prevista
dall’art.9 bis legge 289/02, effettuava il
versamento della somma dovuta e comunicava
all’ufficio l’avvenuta regolarizzazione. Con
provvedimento notificato in data 17/12/2003

al gas metano dovuta per il mese di dicembre di

l’Ufficio Tecnico Finanza di Como comunicava il
diniego di condono in quanto l’art. 9 bis legge
289/2002 era applicabile solo alle imposte gestite
dalla Agenzia delle Entrate.
Avverso il provvedimento di diniego del condono
dell’Ufficio la società ACSM spa presentava ricorso

1

C-

alla

Tributaria

Commissione

provinciale di Como chiedendone l’annullamento.
La Commissione tributaria provinciale di Como con
sentenza nr.55/05/04 accoglieva il ricorso.
Su ricorso in appello proposto dalla Agenzia delle

Lombardia con sentenza nr.131/36/06 depositata in
data 31/1/2007, riformava la sentenza di primo
grado e riteneva escluso dal condono tutta la
materia impositiva sottratta alla competenza
dell’Agenzia delle Entrate. Avverso la sentenza
della Commissione Tributaria regionale della
Lombardia ha proposto ricorso per cassazione l’ACSM
spa con sei motivi ed ha resistito l’Agenzia delle
Dogane con controricorso e memoria.
MOTIVI DELLA DECISIONE
l. Con il primo motivo di ricorso la ricorrente
ACSM spa lamenta vizio di motivazione della

Dogane, la Commissione tributaria regionale della

sentenza ex art. 360 nr.5 cpc in quanto la CTR
non ha motivato in ordine alla circostanza che
il condono di cui intendeva avvalersi la
società contribuente era previsto solo per la
materia impositiva di competenza dell’Agenzia
delle Entrate in quanto il limite temporale
del 31 ottobre 2002, previsto dall’art. 9 bis
2

r

legge

quale data ultima

289/2002

per accedere al condono di cui sopra, attiene
solo ai tributi gestiti dall’Agenzia delle
Entrate.
2. Con il secondo motivo di ricorso la ricorrente

applicazione dell’art. 9 bis

legge 289/2002

ed art. 3 Cost in riferimento all’art. 360 n.3
cpc in quanto il giudice di appello ha
ritenuto escluso dal condono tutta la materia
impositiva sottratta alla competenza
dell’Agenzia delle Entrate.
3. I

due motivi

di

ricorso da

trattare

congiuntamente, in quanto connessi, sono
infondati. In ordine al primo motivo è agevole
osservarne l’inammissibilità posto che (Sez.
5, Ordinanza n. 2805 del 05/02/2011) “il
motivo di ricorso con cui – ai sensi dell’art.
360, n. 5 cod. proc. civ. così come modificato
dall’art. 2 del d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40
si

denuncia

omessa,

insufficiente

o

contraddittoria motivazione, deve
specificamente indicare il “fatto” controverso
o decisivo in relazione al quale la
motivazione si assume carente, dovendosi
intendere per “fatto” non una “questione” o un

3

violazione e falsa

ACSM spa lamenta

”punto”

della

sentenza,

ma un

fatto vero e proprio e, quindi, un fatto
principale, ex art. 2697 cod. civ., (cioè un
fatto costitutivo, modificativo, impeditivo o
estintivo) od anche un fatto secondario (cioè

fatto principale), purché controverso e
decisivo.”
4. Quanto al secondo motivo di ricorso,occorre
precisare che correttamente la CTR ha ritenuto
logicamente escluso, sulla base del tenore
letterale dell’art.9 bis

predetto che si

riferisce alle dichiarazioni presentate entro
il 31 ottobre 2002,

ogni altro tributo che

non sia soggetto a tale scadenza e quindi
tutti quei tributi, come le accise, sottratti
alla competenza dell’Agenzia delle Entrate.
5. Con il terzo motivo la ricorrente ACSM spa
lamenta

violazione e falsa applicazione

dell’art. 112 cpc in riferimento all’art. 360

un fatto dedotto in funzione di prova di un

n.3 cpc in quanto il giudice di appello non si
è pronunciato sulle censure espressamente
riproposte dalla società nell’atto di appello
e rimaste assorbite in primo grado nella
sentenza emessa dalla CTR. Il motivo è
infondato e deve essere respinto. Infatti

4

9-7\-/

l’obbligo

di

esame

e

di

motivazione del giudice non implica risposta
ad ogni singola eccezione specie se la domanda
non espressamente esaminata risulta
incompatibile con l’impostazione logica e

stato affermato che (Sez. 2, Sentenza n. 20311
del 04/10/2011) “per integrare gli estremi del
vizio di omessa pronuncia non basta la
mancanza di un’espressa statuizione del
giudice, ma è necessario che sia stato
completamente omesso il provvedimento che si
palesa indispensabile alla soluzione del caso
concreto: ciò non si verifica quando la
decisione adottata comporti la reiezione della
pretesa fatta valere dalla parte, anche se
manchi in proposito una specifica
argomentazione, dovendo ravvisarsi una
statuizione implicita di rigetto quando la
pretesa avanzata col capo di domanda non

giuridica della pronuncia. A tale proposito è

espressamente esaminato risulti incompatibile
con l’impostazione logico-giuridica della
pronuncia.”
6. In via subordinata la società ricorrente
lamenta con il quarto motivo di ricorso, in
caso venga negata la possibilità di fruire del

5

e

condono

di

all’art.

cui

9

bis

1.289/02, violazione e falsa applicazione
dell’art.28 e 158 1. 388/2000 e dell’art. 3 l.
212/2000 in riferimento all’art. 360 n.3 cpc
in quanto la CTR ha ritenuto che la

secondo la quale i pagamenti da effettuarsi
entro la fine del mese erano anticipati al
giorno 27, era applicabile dal l gennaio 2001
secondo quanto disposto dall’art. 158, non
tenendo conto che l’art.3 legge 212/2000
dispone che le modificazioni relative ai
tributi periodici si applicano solo a partire
dal periodo di imposta successivo a quello in
corso all’entrata in vigore delle disposizioni
relative.
7. Il motivo proposto è infondato e deve essere
respinto. Infatti l’art. 28 comma 6 legge 23
dicembre 2000 nr.388 ha introdotto per tutti i
prodotti soggetti ad accisa, dunque anche per

disciplina dell’art. 28 comma 6 1.388/2000,

il gas metano, un nuovo termine di scadenza,
con modifica normativa a carattere definitivo
e non transitoria, sicchè i pagamenti che
dovevano essere effettuati entro la fine del
mese sono anticipati al giorno 27 e ciò dal 1
gennaio dell’anno 2001 secondo l’art. 158

6

J/\-

legge

nr. 388. L’art. 3

23/12/2000

legge 27 luglio 2000 nr. 212 non è quindi
applicabile alla fattispecie in quanto norma a
carattere generale stante la natura
derogatoria di norma speciale dell’art. 158

la data di entrata in vigore della norma.
8. Infine con il quinto motivo la ricorrente
ACSM spa lamenta

violazione e falsa

applicazione dell’art. 13 D.L.gs. 471/1997 e
dell’art.3 comma 1 D.L.gs 472/1997 Testo unico
accise ed in riferimento all’art. 360 n.3 cpc
in quanto la CTR ha ritenuto applicabile la
sanzione del 30% prevista dall’art. art. 13
D.L.gs. 471/1997 per il ritardato pagamento
della rata di acconto ex art. 28 coma 6
1.388/2000 (secondo la quale i pagamenti da
effettuarsi entro la fine del mese erano
anticipati al giorno 27) mentre per tutte le
accise già è prevista l’applicazione di una

sopra menzionato che fissa nel l gennaio 2001

indennità di mora e degli interessi in caso
di tardivo versamento ex art. 3 comma 4 Testo
unico accise.
9. Il motivo è infondato e deve essere respinto.
L’art.13 D.L.gs 471/97 prevede la sanzione
amministrativa del 30% di ogni importo non

7

\T\Ì

non

versato per chi

esegue

in

tutto o in parte alle prescritte scadenze i
versamenti in acconto, periodici, a conguaglio
o a saldo dell’imposta risultante dalla
dichiarazione. Pertanto l’inosservanza

correttamente sanzionata ex art. 13 D.L.gs
471/97, applicabile ad ogni ipotesi di mancato
pagamento di un tributo o di una sua frazione
nel termine previsto mentre l’applicazione
dell’indennità di mora e degli interessi
richiesti dall’Ufficio assolve alla diversa
funzione risarcitoria e costituisce un
accessorio naturale e necessario del tributo
che non esclude quindi l’applicabilità della
sanzione. Tale è l’orientamento della Corte
come anche recentemente ribadito nella
seguente ordinanza n. 8553 del 14/04/2011 V
sezione: “In tema di sanzioni amministrative
tributarie, il d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 471

dell’obbligo di cui sopra è stata

detta una disciplina destinata a valere, in
generale, per tutti i tributi, integrata dalle
disposizioni normative speciali di imposta
(con riferimento alle accise, il d.lgs. 26
ottobre 1995, n. 504), con la conseguenza che,
nel caso di omesso pagamento dell’imposta di

8

JA’

trovano

consumo sul gas

applicazione sia l’art. 13 del d.lgs. n. 471
cit., che prevede il pagamento di una somma a
titolo di sanzione amministrativa, sia l’art.
3, n. 4, del d.lgs. n. 504 cit., nel testo

un’indennità di mora dovuta per il ritardato
pagamento, trattandosi di norme pienamente
compatibili, che non realizzano un cumulo di
sanzioni, in ragione della loro diversità
funzionale, afflittiva (con riferimento alla
sanzione amministrativa) e reintegrativa del
patrimonio leso (con riguardo all’indennità di
mora).
10.

Con il sesto motivo la ricorrente ACSM
spa lamenta violazione e falsa applicazione

dell’art.8 D.L.gs. 546/92 ed art.6 D.lgs.
472/1997 e 10 dello Statuto in riferimento
all’art. 360 n.3 cpc in guanto la CTR ha
ritenuto applicabile la sanzione nonostante le

vigente “ratione temporis”, che prevede

obiettive condizioni di incertezza
sull’entrata in vigore dell’art. 28 coma 6
legge 388/2000 e la speciale causa di non
punibilità in materia di violazioni
amministrative tributarie in caso di obiettive
condizioni di incertezza sull’ambito di

9

k9rt

delle

applicazione
disposizioni.

Il motivo è infondato in quanto la CTR ha
correttamente escluso ogni incertezza
sull’entrata in vigore dell’art. 28 comma 6
legge 388/2000 e ritenuto non applicabile la
speciale causa di non punibilità in materia di
violazioni amministrative tributarie. A tale
proposito questa Corte ha più volte chiarito (
vedi per tutte V sezione nr. 8825/2012) che
per “incertezza normativa oggettiva
tributaria” deve intendersi “l’impossibilità,
esistente in sè ed accertata dal giudice,
d’individuare con sicurezza ed univocamente,
al termine di un procedimento interpretativo
metodicamente corretto, la norma giuridica
sotto la quale effettuare la sussunzione di un
caso di specie; pertanto costituisce una
situazione diversa rispetto alla soggettiva
ignoranza incolpevole del diritto. Tanto
premesso il contribuente nel caso di specie
non ha evidenziato alcun fatto generatore di
obiettiva incertezza normativa essendosi
limitato

ad

affidare

“incertezza obiettiva”

la

prova

della

alla mancanza di

istruzioni da parte dell’Agenzia delle Dogane

10

11.

ESENTE DA REG I ST.h ZIO
AI SENSI DEL D.}».R. 2fir4iI9036
N. 131 TA3. ALL. i4. – N. 5
MATERIA TRIBUTARIA
23 dicembre 2002

che solo in data

ha diramato un comunicato stampa in ordine
alla nuova normativa ed alla produzione di una

copia di rivista specializzata non contenente
istruzioni corrette.
Per quanto sopra deve essere respinto il
ricorso proposto. La novità della questione
giustifica la compensazione delle spese di
giudizio.
P.Q.M.
Rigetta il ricorso e compensa tra le parti le spese
di giudizio.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio della
V sezione civile il 26/2/2013
Il consigliere estensore

Il Presidente

12.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA