Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24455 del 01/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 01/10/2019, (ud. 16/04/2019, dep. 01/10/2019), n.24455

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – rel. Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16712-2018 proposto da:

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso la

sede dell’AVVOCATURA dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso

dagli avvocati GIANDOMENICO CATALANO, LORELLA FRASCONA’;

– ricorrente –

contro

M.S., AGENZIA DELLE ENTRATE RISCOSSIONE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1461/2017 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 25/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 16/04/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTO

RIVERSO.

Fatto

RITENUTO

CHE:

la Corte d’appello di Catanzaro con la sentenza n. 1461/2017 ha rigettato l’appello dell’Inail confermando la statuizione di primo grado che aveva accolto l’opposizione proposta da M.S. avverso la cartella di pagamento emessa per il recupero della complessiva somma di Euro 811,78 dovuta all’INAIL, in relazione all’omesso pagamento di “sanzioni civili premi evasi” e di “interessi regolazioni premio” per gli anni ivi indicati.

A fondamento della sentenza la Corte confermava la prescrizione del credito portato dalla cartella opposta dal momento che il termine doveva ritenersi pacificamente quinquennale e che lo stesso credito non era stato fatto valere unitamente alla richiesta di pagamento dei premi costituenti il credito principale, ma era stato azionato separatamente con un’autonoma cartella esattoriale. La pretesa di considerare interrotto il termine prescrizionale relativo al credito concernente gli accessori con la notificazione della cartella di pagamento concernente esclusivamente i premi, secondo la Corte territoriale, non poteva essere condivisa.

Avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’Inail con due motivi; M.S. è rimasto intimato.

E’stata comunicata alle parti la proposta del giudice relatore unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1.- col primo motivo il ricorso deduce violazione ed errata applicazione degli artt. 2943,2144,2945 e 2953 c.c., della L. n. 335 del 1995, art. 3, comma 9, lett. b) e art. 10, e dell’art. 484 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte di merito affermato che il termine prescrizionale relativo al credito concernente gli accessori non potesse ritenersi interrotto dalla notificazione della cartella di pagamento concernente esclusivamente i premi.

2.- Con il secondo motivo viene dedotto l’omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per avere la Corte erroneamente affermato che l’Inail avesse intimato il pagamento degli accessori quando il relativo credito era già prescritto per l’inutile decorso del termine quinquennale di prescrizione, dal momento che la cartella relativa ai premi era stata invece impugnata davanti al tribunale di Vibo Valentia che ne aveva confermato l’esistenza con sentenza passata in giudicato, depositata nel fascicolo di parte Inail in appello.

La Corte non aveva tenuto quindi conto di un fatto decisivo del giudizio atteso che se un giudizio era pendente fra il 2003 e 2012 sull’accertamento dell’esistenza del debito contributivo contestato, era evidente che anche la prescrizione del credito per sanzioni ed interessi non potesse decorrere ed andava comunque considerata sospesa per la pendenza del giudizio relativo ai premi.

3.- Il primo motivo di ricorso, avente valore assorbente, è fondato.

Ed invero la prescrizione del credito per accessori relativi al credito previdenziale deve ritenersi interrotta dagli atti interrutivi concernenti la somma capitale relativa al credito principale. In tal senso le Sez. Unite di questa Corte con sentenza n. 5076 del 13/03/2015 hanno affermato infatti che “in materia previdenziale, le somme aggiuntive irrogate al contribuente per l’omesso o ritardato pagamento dei contributi o premi previdenziali sono sanzioni civili che, in ragione della loro legislativamente prevista automaticità, rimangono funzionalmente connesse all’omesso o ritardato pagamento dei contributi o premi previdenziali, sì che gli effetti degli atti interruttivi, posti in essere con riferimento a tale ultimo credito, si estendono, automaticamente, anche al credito per sanzioni civili”.

Tale statuizione deve essere estesa anche alle somme relative agli interessi per la natura unitaria del credito previdenziale, composto da capitale ed accessori; sicchè le cause d’interruzione della prescrizione relative al debito principale sono applicabili al debito accessorio relativo agli interessi.

4.- Il ricorso va quindi accolto in relazione al primo motivo, assorbito il secondo; la sentenza impugnata che non si è attenuta ai prefati principi deve essere quindi cassata, con rinvio alla medesima Corte d’Appello, in diversa composizione, la quale nella decisione della causa si atterrà al principio sopra formulato.

Ai sensi dell’art. 384 c.p.c. la stessa Corte d’appello provvederà anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Avuto riguardo all’esito del giudizio non sussistono i presupposti di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

accoglie il primo motivo di ricorso, assorbito il secondo; cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Catanzaro in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, all’adunanza camerale, il 16 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 1 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA