Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24432 del 23/11/2016

Cassazione civile sez. II, 30/11/2016, (ud. 06/10/2016, dep. 30/11/2016), n.24432

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 15234-2012 proposto da:

CONDOMINIO VIA (OMISSIS) – (OMISSIS) – IN PERSONA DELL’AMM.RE E

LEGALE RAPP.TE P.T., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’Avv. DAVIDE CIVALLERO;

– ricorrente –

contro

M.C. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA DI PIETRALATA 320-D, presso lo studio dell’avvocato GIGLIOLA

MAZZA RICCI, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

MARIA TERESA SAPIENZA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1529/2011 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 24/11/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/10/2016 dal Consigliere Dott. LOMBARDO LUIGI GIOVANNI;

udito l’Avvocato Mazza Ricci Gigliola difensore della

controricorrente che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CAPASSO LUCIO che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. – In accoglimento del gravame proposto da M.C. avverso la sentenza del Tribunale di Torino, la locale Corte di Appello dichiarò cessata la materia del contendere in ordine alla legittimità della deliberazione dell’assemblea del condominio di via (OMISSIS) -impugnata dalla predetta – con la quale la società DEPAB s.a.s. era stata nominata amministratore del detto condominio e, a seguito di accertamento della soccombenza virtuale, condannò il condominio convenuto a rifondere all’attrice le spese dei due gradi del giudizio.

2. – Per la cassazione della sentenza di appello ricorre il condominio di via (OMISSIS) sulla base di tre motivi.

Resiste con controricorso M.C..

Il ricorrente ha depositato memoria ex art. 378 c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. – Preliminarmente va rigettata l’eccezione con la quale la resistente ha dedotto l’inammissibilità del ricorso per difetto di interesse.

Invero, seppure sia cessata la materia del contendere nel merito della causa, sussiste l’interesse del condomino a proporre ricorso avverso la sentenza di appello che ha accertato la soccombenza virtuale in ragione della condanna alle spese che ne è conseguita.

2. – Sempre in via preliminare, va anche rigettata l’eccezione con la quale l’intimata ha chiesto dichiararsi l’inammissibilità del ricorso e dei relativi motivi in ragione della loro genericità e non autosufficienza. Il ricorso, invero, contiene un’esposizione dei motivi e dei fatti di causa sufficientemente puntuale e completa, sicchè complessivamente risponde in modo idoneo al principio di autosufficienza del ricorso per cassazione.

3. – Superate le eccezioni di inammissibilità del ricorso, può passarsi all’esame dei motivi.

3.1. – Col primo e col secondo motivo di ricorso, che possono trattarsi unitariamente, si deduce la violazione e la falsa applicazione degli artt. 1129, 1105 e 1138 c.c., artt. 3, 41 e 42 Cost., e 85 Trattato istitutivo CEE, per avere la Corte di Appello ritenuto che il regolamento del condominio – nel prevedere all’art. 27, comma 4, che “l’amministratore dovrà essere un libero professionista iscritto al rispettivo albo e/o associazione, ordine o collegio di appartenenza” – potesse derogare alle norme di legge che regolano la nomina dell’amministratore, vietando che tale nomina fosse conferita ad una società di persone; si lamenta anche che la Corte territoriale abbia interpretato il regolamento condominiale nel senso che vietasse la nomina ad amministratore di una società di persone e che comunque – ferma tale interpretazione – non abbia ritenuto nullo il regolamento condominiale sul punto.

Le censure sono infondate.

Non sussiste alcuna violazione di legge nella previsione del regolamento condominiale che stabilisca le caratteristiche, i requisiti e i titoli che deve avere l’amministratore del condominio.

Invero, in tema di condominio negli edifici, l’art. 1138 c.c., comma 4, pur dichiarando espressamente non derogabile dal regolamento (tra le altre) la disposizione dell’art. 1129 c.c., la quale attribuisce all’assemblea la nomina dell’amministratore e stabilisce la durata dell’incarico (Sez. 2, Sentenza n. 13011 del 24/05/2013, Rv. 626458), non preclude però che il regolamento condominiale possa stabilire che la scelta dell’assemblea debba cadere su soggetti (persone fisiche o persone giuridiche) che presentino determinare caratteristiche, requisiti o titoli professionali.

Esente da vizi è l’interpretazione del regolamento condominiale sul punto.

3.3. – Col terzo motivo di ricorso, si deduce la violazione e la falsa applicazione degli artt. 1362 e segg. c.c., per non avere la Corte di Appello considerato che la società DEPAB s.a.s era composta da professionisti (un ragioniere, un architetto, un perito industriale), come tale perfettamente equiparabile alle persone fisiche.

Anche questa censura è infondata, non potendosi equiparare il conferimento dell’incarico di amministratore ad una società (sia pure di persone) col conferimento dell’incarico ad una persona fisica.

4. – Il ricorso deve pertanto essere rigettato, con conseguente condanna della parte ricorrente, risultata soccombente, al pagamento delle spese processuali, liquidate come in dispositivo.

PQM

La Corte Suprema di Cassazione rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese processuali, che liquida in Euro 1.200,00 (milleduecento), di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese forfettarie ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Seconda Sezione Civile, il 6 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 30 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA