Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24412 del 30/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 30/11/2016, (ud. 08/11/2016, dep. 30/11/2016), n.24412

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – rel. Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 1355-2012 proposto da:

R.G., elettivamente domiciliato in ROMA VIALE DEL VIGNOLA

5, presso lo studio dell’avvocato LIVIA RANUZZI, rappresentato e

difeso dall’avvocato LUIGI QUERCIA giusta delega in calce;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI BARI in persona del

Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– controricorrente –

nonchè contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 131/2010 della COMM. TRIB. REG. di BARI,

depositata il 14/12/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

08/11/2016 dal Consigliere Dott. MARCO MARULLI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

IMMACOLATA ZENO che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. R.G. insorge avverso la sentenza in atti della CTR Puglia che, confermando la decisione di primo grado, ha ritenuto legittimo il silenzio-rifiuto opposto dal fisco avverso un’istanza di rimborso concernente un credito IVA non esposto in dichiarazione in quanto omessa e non tempestivamente chiesto in restituzione.

La CTR, motivando la conferma della decisione di primo grado, ha affermato che “il credito IVA riferito al periodo di imposta 1999 non è stato mai richiesto a rimborso e, che allo stato la domanda non è più proponibile”. In particolare, nessuna rilevanza è ascrivibile per il giudice d’appello all’istanza presentata dalla parte il 10.10.2003 ed intesa a conseguire il rimborso delle somme versate a seguito della comunicazione di irregolarità emessa dall’ufficio all’esito della liquidazione del mod. Unico 2001 in cui il predetto credito era stato portato in compensazione, in quanto essa “non è relativa al credito IVA”, ma appunto alla somma versata a seguito della predetta comunicazione, ed in ogni caso andrebbe dichiarato “prescritto” il diritto al rimborso per decorso del termine decadenziale di due anni.

Il mezzo azionato dalla parte si vale di un solo motivo, al quale ha replicato l’erario con controricorso.

Il collegio ha autorizzato l’adozione della motivazione semplificata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

2.1. Con l’unico motivo di ricorso, il R. lamenta l’erroneità dell’impugnato pronunciamento di secondo grado per violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 21, comma 2, in considerazione del fatto, che diversamente da quanto opinato dal decidente, benchè esso ricorrente avesse formulato tempestivamente l’istanza di rimborso della somma indebitamente versata a seguito dell’avviso di irregolarità di cui in premessa, la CTR “ha ritenuto legittimo il silenzio rifiuto dell’Agenzia delle Entrate al rimborso richiesto” rilevando la pretesa irritualità dell’istanza poichè a mente dell’art. 21, comma 2, innanzi citato, il diritto al rimborso si era estinto per decorso del termine decadenziale di due anni.

2.2. Il motivo è fondato.

2.3. Richiamati qui i recenti dicta delle SS.UU. 17757/16 e 17758/16 e ricordato perciò che “la neutralità dell’imposizione armonizzata sul valore aggiunto comporta che, pur in mancanza di dichiarazione annuale per il periodo di maturazione, l’eccedenza d’imposta, che risulti da dichiarazioni periodiche e regolari versamenti per un anno e sia dedotta entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto è sorto, va riconosciuta dal giudice tributario se il contribuente abbia rispettato tutti i requisiti sostanziali per la detrazione” – sicchè quand’anche qui fosse in discussione la rimborsabilità del credito IVA in caso di dichiarazione omessa, essa non sarebbe stato comunque denegabile, atteso che il credito era maturato nell’anno 1999 e la compensazione era stata effettuata nell’anno 2001 – va osservato che la specie in discorso attiene al diverso tema della rimborsabilità delle somme – che il contribuente, allegando appunto la sussistenza del credito in questione, assume indebitamente pretese – richieste dall’ufficio in esito alla liquidazione automatizzata della dichiarazione IVA per l’anno 2001, allorchè, raffrontando i dati esposti dal contribuente – che aveva compensato il debito di imposta con il credito maturato nell’anno 1999 – con quelli presenti nell’Anagrafe tributaria, l’ufficio aveva riscontrato l’omessa presentazione della dichiarazione per quell’anno ed aveva perciò disconosciuto l’operata compensazione, provvedendo ad inviare al contribuente l’avviso di irregolarità di cui al D.P.R. n. 633 del 1972, art. 54 – bis, comma 3, in ottemperanza al quale il contribuente aveva appunto provveduto a versare in data 4.4.2003 la somma dovuta, chiedendone poi il rimborso in data 10.10.2003.

2.4. Giudicando tardiva l’istanza in considerazione del decorso del termine biennale previsto dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 21, comma 2, la CTR, oltre ad essere smentita in punto di rimborsabilità del credito IVA non esposto in dichiarazione dal ricordato pronunciamento delle SS.UU., è incorsa peraltro in un vistoso errore di interpretazione, avendo applicato alla fattispecie de qua – che ha ad oggetto è il rimborso delle somme pagate in adesione all’avviso bonario – l’art. 21 anzidetto, che ha notoriamente un campo d’azione più limitato rispetto alla previsione recata dal D.P.R. n. 602 del 1973, art. 38, provvisto di portata generale ed applicabile a qualsiasi ipotesi di indebito correlato all’adempimento dell’obbligazione tributaria, qualunque ne sia la ragione e quindi riferibile ad errori connessi ai versamenti o all’an o al quantum del tributo.

Ne discende perciò che, ferma in ogni caso l’astratta rimborsabilità nella specie del credito IVA ancorchè non esposto in dichiarazione, l’istanza presentata dal contribuente per il rimborso delle somme versate in adesione all’avviso di irregolarità non poteva giudicarsi fuori temine, essendo intervenuta a distanza di poco più di sei mesi dalla data dell’effettuato pagamento ed è perciò errato il contrario convincimento espresso dal giudice territoriale.

3. Il ricorso va dunque accolto e la sentenza della CTR qui impugnata va conseguentemente cassata.

Non essendo peraltro necessari ulteriori accertamenti in fatto, la causa può essere decisa nel merito ai sensi dell’art. 382 c.p.c., comma 2, con l’accoglimento del ricorso introduttivo.

4. Le spese seguono la soccombenza quanto al presente giudizio, mentre possono essere compensate riguardo ai gradi di merito, atteso che alla chiarificazione della vicenda non sono risultate estranee le ricordate pronunce delle SS.UU. in materia di rimborsabilità del credito IVA non esposto in dichiarazione perchè omessa, intervenute in epoca successiva alla proposizione del ricorso introduttivo.

PQM

La Corte Suprema di Cassazione accoglie il ricorso, cassa l’impugnata sentenza e, decidendo nel merito, accoglie il ricorso introduttivo, ordina il rimborso delle somme chieste in restituzione oltre agli accessori di legge; condanna parte intimata al pagamento delle spese del presente giudizio che liquida in Euro 1200,00 per compensi, oltre al 15% per spese generali e agli accessori di legge, e compensa le spese dei giudizi di merito.

Cosi deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della 5 sezione civile, il 8 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 30 novembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA