Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24403 del 09/09/2021

Cassazione civile sez. lav., 09/09/2021, (ud. 16/03/2021, dep. 09/09/2021), n.24403

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. MANCINO Rossana – rel. Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

Dott. BUFFA Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16000-2015 proposto da:

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144,

presso lo studio degli avvocati LUCIANA ROMEO, LUCIA PUGLISI, che lo

rappresentano e difendono;

– ricorrente –

contro

C.C.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1586/2014 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 17/06/2014 R.G.N. 3258/2011;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/03/2021 dal Consigliere Dott. ROSSANA MANCINO.

 

Fatto

RILEVATO E CONSIDERATO

CHE:

1. con sentenza n. 1586 del 2014, la Corte di Appello di Lecce, in riforma della sentenza di primo grado, ha riconosciuto il diritto dell’attuale intimato all’indennizzo in capitale corrispondente ad un’inabilità permanente del 9 per cento, con decorrenza maggio 2005;

2. avverso tale sentenza l’INAIL ha proposto ricorso, affidato a due motivi, con i quali, deducendo violazione dell’art. 115 c.p.c. e omesso esame di un fatto decisivo, si duole che la Corte di merito non abbia rigettato la domanda, sul presupposto dell’erogazione della prestazione, nella misura e con la decorrenza richiesta, in data antecedente al deposito del ricorso in primo grado, come del resto riconosciuto, nel ricorso medesimo, dall’attuale intimato, risultando erronea anche la regolazione delle spese, nel giudizio di primo grado, a carico dell’INAIL, benché parte totalmente vittoriosa, stante l’esito del giudizio;

3. C.C. non ha svolto attività difensiva;

4. il ricorso è da accogliere, per essere stata adeguatamente censurata la sentenza impugnata che, all’esito degli esami peritali, ha riconosciuto il beneficio non già nella misura azionata in giudizio (danno biologico pari al 25 per cento) sibbene nella diversa misura, del nove per cento, già riconosciuta ed erogata dall’INAIL ancor prima che la pretesa venisse azionata;

5. la sentenza impugnata va pertanto cassata e, per non essere necessari ulteriori accertamenti in fatto, la causa va decisa nel merito, con il rigetto dell’originaria domanda;

6. il peculiare oggetto del giudizio consiglia la compensazione delle spese dell’intero processo.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta la domanda di C.C.; spese compensate dell’intero processo.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 16 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 settembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA