Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24398 del 16/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 16/10/2017, (ud. 12/09/2017, dep.16/10/2017),  n. 24398

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 21462-2016 proposto da:

Avv. A.I.C., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE

VATICANO 84, presso lo studio dell’avvocato TOMMASINA MAZZONE,

rappresentata e difesa da se stessa;

– ricorrente –

contro

COMUNIONE GENERALE BENI COMPLESSO RESIDENZIALE MESSINA DUE,

elettivamente domiciliata in ROMA, V.LE G. MAZZINI 88, presso lo

studio dell’avvocato FRANCESCA FEDELE, rappresentata e difesa

dall’avvocato ALESSANDRA CRINO’;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 430/2015 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

depositata il 02/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/09/2017 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA;

Fatto

RILEVATO

che l’avv. A.M.C. ha proposto ricorso per cassazione contro la sentenza 6.7.2015 della Corte d’Appello di Messina con cui è stato respinto il gravame contro la pronuncia di primo grado (n. 2272/08 del locale Tribunale) che aveva a sua volta respinto la sua domanda di pagamento di compensi professionali nei confronti della Comunione Generale dei beni del Complesso Monte Santo Messina 2;

rilevato che il relatore ha formulato proposta di inammissibilità ex art. 327 c.p.c.;

vista la memoria depositata dalla ricorrente;

Diritto

RITENUTO

che con riferimento al tema della tempestività del ricorso non appaiono ricorrere le condizioni di cui all’art. 375 c.p.c., per la trattazione in camera di consiglio.

PQM

 

rimette il ricorso alla udienza pubblica davanti alla seconda sezione civile.

Così deciso in Roma, il 12 settembre 2017.

Depositato in Cancelleria il 16 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA