Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24386 del 16/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 16/10/2017, (ud. 07/06/2017, dep.16/10/2017),  n. 24386

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8448-2016 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

F.F.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1525/24/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di VENEZIA, depositata il 07/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 07/06/2017 dal Consigliere Dott. PAOLA VELLA.

Fatto

RILEVATO

che:

1. con riguardo ad avviso di accertamento per Iva, Irap, Irpef, Add. Reg., Add.Com. dell’anno d’imposta 2008 il cui annullamento è stato confermato dal giudice d’appello a causa del mancato rispetto del principio – ritenuto generale – del contraddittorio cd. preventivo o endoprocedimentale, con unico motivo di ricorso, l’amministrazione ricorrente deduce la “violazione e falsa applicazione della L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7” poichè, in mancanza di accessi, ispezioni o verifiche, il rispetto del contraddittorio preventivo avrebbe semmai potuto riguardare solo l’Iva, in quanto tributo armonizzato, per il quale avrebbero però dovuto verificarsi in concreto la lesione del diritto di difesa del contribuente;

2. all’esito della camera di consiglio, il Collegio ha disposto adottarsi la motivazione in forma semplificata.

Diritto

CONSIDERATO

che:

3. il ricorso è fondato, poichè la decisione impugnata non è in linea con i principi elaborati da questa Corte in tema di contraddittorio endoprocedimentale, in base ai quali:

3.1. per i tributi cd. “non armonizzati” (Irpef, Irap) il termine dilatorio di 60 giorni previsto dalla L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7, si applica solo ai casi espressamente contemplati di accesso, ispezione o verifica nei locali del contribuente, e non anche agli accertamenti cd. “a tavolino”, effettuati cioè in Ufficio, in base a notizie e documenti acquisiti presso terzi o fornite dal contribuente mediante questionari o colloqui – come risulta avvenuto nel caso di specie – in tal senso militando sia il dato testuale della norma che le peculiarità delle verifiche in loco (Cass. SU 24823/15, 18184/13; Sez. Trib. 5632/15, 16036/15, 15744/16, 24199/16, 24368/16);

3.2. per i tributi cd. “armonizzati” (Iva), invece, “la violazione dell’obbligo del contraddittorio endoprocedimentale da parte dell’Amministrazione comporta in ogni caso, anche in campo tributario, l’invalidità dell’atto, purchè, in giudizio, il contribuente assolva l’onere di enunciare in concreto le ragioni che avrebbe potuto far valere, qualora il contraddittorio fosse stato tempestivamente attivato, e l’opposizione di dette ragioni (valutate con riferimento al momento del mancato contraddittorio), si riveli non puramente pretestuosa e tale da configurare, in relazione al canone generale di correttezza e buona fede ed al principio di lealtà processuale, sviamento dello strumento difensivo rispetto alla finalità di corretta tutela dell’interesse sostanziale, per le quali è stato predisposto” (Cass. SU 24823/15 cit.; cfr. Cass. sez. 6-5, 15744/16);

4. la sentenza va quindi cassata con rinvio per nuovo esame, alla luce dei criteri sopra indicati – e segnatamente, con riguardo all’Iva, per la verifica dell’assolvimento dell’onere del contribuente di enunciare le ragioni che avrebbe potuto far valere in sede di contraddittorio preventivo, ai fini del riscontro di una effettiva e concreta lesione del diritto di difesa – oltre che per l’esame delle ulteriori questioni rimaste assorbite.

PQM

 

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione tributaria regionale del Veneto, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 7 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 16 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA