Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24353 del 30/09/2019

Cassazione civile sez. I, 30/09/2019, (ud. 10/05/2019, dep. 30/09/2019), n.24353

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – rel. Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 15036/2015 proposto da:

M.A., nella qualità di erede di T.S.,

rappresentata e difesa dall’avv. Carlo Congedo, elettivamente

domiciliata presso il suo studio, in Galatina (Lecce), Corte Tanza

n. 5;

– ricorrente e c/ricorrente a ric. inc.le –

contro

Unicredit Spa, elettivamente domiciliato in Roma Via Bertoloni 44

presso lo studio dell’avvocato Formaro Antonio che lo rappresenta e

difende;

– controricorrente ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 316/2014 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 09/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

10/05/2019 dal Dott. FEDERICO GUIDO.

Fatto

IN FATTO E DIRITTO

Preso atto della recente ordinanza n. 27680/2018 con la quale questa sezione ha disposto la trasmissione al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, sulla questione di massima di particolare importanza, riguardante le modalità di formulazione dell’eccezione di prescrizione estintiva, sollevata dalla banca nel giudizio proposto dal correntista per la restituzione di somme indebitamente versate nel corso del rapporto di conto corrente assistito da apertra di credito;

Ritenuta la necessità di attendere l’esito della decisione delle Sezioni Unite.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 10 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 settembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA