Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24346 del 18/11/2011

Cassazione civile sez. lav., 18/11/2011, (ud. 15/06/2011, dep. 18/11/2011), n.24346

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido – Presidente –

Dott. STILE Paolo – Consigliere –

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Consigliere –

Dott. MAISANO Giulio – rel. Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 34996-2006 proposto da:

COMUNE DI MILANO, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, LARGO TEMISTOCLE SOLERA 7/10, presso lo studio

dell’avvocato PIROCCHI FRANCESCO, che lo rappresenta e difende

unitamente agli avvocati SURANO MARIA RITA, SAVASTA ELENA, giusta

delega in atti;

– ricorrente –

contro

C.M., M.P., L.M., Z.

G., domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA

DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi

dall’avvocato SULLAM ISACCO, giusta delega in atti;

– controricorrenti –

e contro

B.L.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 852/2005 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 16/12/2005, r.g.n. 1450/04;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

15/06/2011 dal Consigliere Dott. GIULIO MAISANO;

udito l’Avvocato PIROCCHI FRANCESCO;

udito l’Avvocato ARTURO SALERNI per delega ISACCO SULLAM;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FEDELI MASSIMO, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 23 marzo 2005 la Corte d’Appello di Milano ha confermato la sentenza del Tribunale di Milano del 24 settembre 2003 che ha condannato il Comune di Milano al pagamento in favore di Z.G., M.P., B.L., C. M. e L.M., di una ulteriore retribuzione corrispondente all’aliquota giornaliera, oltre alla normale retribuzione, in relazione alla giornata del 2 giugno 2002 festività coincidente con la domenica. La Corte territoriale, rigettando l’appello proposto dal Comune di Milano, ha considerato che la L. n. 260 del 1949, art. 5, comma 3 prevede espressamente l’ulteriore retribuzione in questione per i salariati retribuiti in misura fissa, e tale norma è indifferente ad ogni previsione normativa intervenuta con contrattazione collettiva successiva.

Ricorre per Cassazione il Comune di Milano con due motivi. Replicano i lavoratori con controricorso. I controricorrenti hanno presentato memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo si lamenta violazione dell’art. 360 c.p.c., n. 3 deducendosi che con legge interpretativa L. 23 dicembre 2005, n. 266 è stato espressamente riconosciuto inapplicabile, ai sensi del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, art. 69, comma 1, la L. 27 maggio 1949, n. 260, art. 5, comma 3 in materia di retribuzione nelle festività civili nazionali ricadenti di domenica.

Con il secondo motivo si deduce violazione dell’art. 360 c.p.c., n. 5 per omessa o insufficiente motivazione. In particolare si deduce che la Corte d’Appello non avrebbe affatto considerato che l’indennità in questione costituirebbe un incremento retributivo, materia disciplinata esclusivamente dalla contrattazione collettiva, con l’esclusione della possibilità di una previsione in materia da parte di fonti diverse.

Il ricorso è fondato. Deve infatti rilevarsi che successivamente alla pubblicazione della sentenza impugnata è intervenuta la L. 23 dicembre 2005, n. 266, art. 1, comma 224 (legge finanziaria 2006), secondo il quale “tra le disposizioni riconosciute inapplicabili dal D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, art. 69, comma 1, secondo periodo, a seguito della stipulazione dei contratti collettivi del quadriennio 1994/1997 è ricompresa la L. 27 maggio 1949, n. 260, art. 5, comma 3, come sostituito dalla L. 31 marzo 1954, n. 90, art. 1, in materia di retribuzione nelle festività civili nazionali ricadenti di domenica. E’ fatta salva l’esecuzione dei giudicati formatisi alla data di entrata in vigore della presente legge”. Sulla base di questa disciplina, che costituisce vera e propria norma di interpretazione autentica, deve escludersi l’applicabilità del detto art. 5, comma 3, ai dipendenti in causa. Ne consegue che per la giornata del due giugno 2002 ricadente di domenica, non sussiste il diritto dei dipendenti all’attribuzione, oltre alla normale retribuzione, di un’ulteriore aliquota giornaliera (v. anche Cass. 17.6.09 n. 14048 e Cass. 19 marzo 2010 n. 6736). Va inoltre considerato che secondo l’orientamento ormai consolidato di questa Corte, a partire dalla sentenza selle sezioni unite civili 26 ottobre 1995 n. 11117 (quindi seguita dalla giurisprudenza successiva: cfr., ad es. Cass. sentt.

nn. 17764/04, 2918/04, 12142/03 e 10309/02), al quale il collegio aderisce, il compenso aggiuntivo, previsto dalla seconda parte della L. 27 maggio 1949, n. 260, art. 5, comma 3, come modificato dalla L. 31 marzo 1954, n. 90, si riferisce alle giornate di festività nazionali cadenti di domenica non lavorate e spetta al lavoratore “retribuito in misura fissa” senza distinzione nell’ambito delle categorie previste dall’art. 2095 c.c. (Cass. 3 gennaio 2011 n. 30).

Il ricorso deve essere, pertanto, accolto e l’impugnata sentenza deve essere cassata.

Non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 1 la domanda dei dipendenti sopra indicati deve essere rigettata.

La circostanza che la norma di interpretazione autentica sia intervenuta successivamente alla sentenza di secondo grado costituisce giusto motivo di compensazione delle spese dell’intero giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa l’impugnata sentenza e, provvedendo nel merito, rigetta la domanda, compensando le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, il 15 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA