Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24338 del 03/11/2020

Cassazione civile sez. VI, 03/11/2020, (ud. 25/09/2020, dep. 03/11/2020), n.24338

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 19937-2019 proposto da:

C.F., (in proprio) C.A., C.A.R.,

elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi

dall’avvocato CARILE FRANCO;

– ricorrenti –

contro

COMUNE di MAFALDA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 51/1/2019 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE del MOLISE, depositata l’08/01/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 25/09/2020 dal Consigliere Relatore Dott. RUSSO

RITA.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

I contribuenti hanno impugnato l’avviso di accertamento per l’IMU deducendo che i loro terreni hanno un valore inferiore a quello indicato dal Comune di Mafalda. La CTR con sentenza dell’8 gennaio

2019 ha respinto la tesi degli odierni ricorrenti ritenendo che legittimamente il Comune ha deliberato sui valori del terreno in oggetto.

Avverso la predetta sentenza propongono ricorso per cassazione i contribuenti affidandosi a due motivi.

Non si è costituito il Comune. La notifica del ricorso per cassazione è stata eseguita al Comune utilizzando una PEC che non è stata tratta dal REGINDE, ma il contribuente deduce che la notifica è regolare perchè sarebbe lo stesso Comune ad aver indicato questo indirizzo di posta elettronica come indirizzo cui indirizzare le notifiche.

Ciò posto, la causa non si presenta di immediata evidenza decisoria e pertanto va rimessa alla sezione ordinaria per la fissazione della pubblica udienza.

P.Q.M.

Rinvia la causa a nuovo ruolo, disponendone la trasmissione alla sezione ordinaria (quinta) per trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, il 25 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 3 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA