Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24332 del 09/09/2021

Cassazione civile sez. I, 09/09/2021, (ud. 15/12/2020, dep. 09/09/2021), n.24332

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente –

Dott. VANNUCCI Marco – Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – Consigliere –

Dott. GENTILI Andrea – rel. Consigliere –

Dott. AMATORE Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16477/2019 proposto da:

U.D., elettivamente domiciliato in contrà Santo Stefano,

n. 15, presso lo studio dell’avv. Michele CAROTTA, del foro di

Vicenza, che lo rappresenta e difende, giusta procura speciale

asseritamente allegata al ricorso introduttivo del giudizio;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’interno, in persona del Ministro pro tempore,

Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione

internazionale di Verona, Sezione di Treviso, domiciliato in Roma,

via dei Portoghesi n. 12, presso la Avvocatura generale dello Stato,

che lo rappresenta e difende per legge;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di VENEZIA, depositato il 18/4/2019;

Udita relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 15

dicembre 2020 da Dott. GENTILI Andrea.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Con decreto n. 3385/2019, depositato il 18 aprile 2019, il Tribunale di Venezia ha rigettato il ricorso presentato da U.D. con il quale questi aveva impugnato il provvedimento del 14 novembre 2017, a lui notificato il successivo 30 gennaio 2018, avente ad oggetto il mancato riconoscimento, da parte del Ministero dell’Interno – Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Verona – Sezione di Vicenza, del suo diritto allo status di rifugiato ovvero, in subordine, del diritto alla protezione sussidiaria ovvero quello al rilascio di un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

2. Avverso il suddetto provvedimento il ricorrente ha proposto ricorso per cassazione, affidandolo a quattro motivi di impugnazione.

3. Con atto del 22 agosto 2019 si è costituito in giudizio il Ministero dell’Interno, rappresentato e difeso per legge dall’Avvocatura generale dello Stato, esclusivamente per resistere all’accoglimento dei ricorso all’udienza di discussione del medesimo.

4. Il ricorso è stato fissato per l’odierna adunanza in camera di consiglio ai sensi dell’art. 375 c.p.c., u.c. e art. 380-bis1 c.p.c.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il ricorrente denunzia, sotto la specie del vizio di cui all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5: a) con il primo motivo di ricorso la nullità ed erroneità del decreto impugnato per violazione e falsa applicazione dei principi che regolano l’onere della prova in materia di riconoscimento dello status di rifugiato, avendo il Tribunale di Venezia omesso di assolvere al dovere di cooperazione e di integrazione probatoria che gli è imposto alla luce della normativa, anche internazionale e comunitaria, e della giurisprudenza, anche di legittimità; b) con il secondo motivo è stata dedotta la nullità del decreto impugnato per avere il Tribunale di Venezia utilizzato criteri erronei ed illegittimi ai fini della valutazione della attendibilità delle dichiarazioni del richiedente, non essendosi dato carico il giudicante di ancorare i criteri adottati alla concreta realtà a lui sottoposta; c) con il terzo motivo è stata lamentata la nullità della sentenza impugnata per la erronea valutazione del contesto di provenienza del ricorrente e per la erroneità ed insufficienza dei criteri interpretativi utilizzati dai Tribunale per rigettare la domanda di protezione internazionale; d) infine con il quarto motivo di censura è stato lamentato il difetto di motivazione del provvedimento impugnato, trattandosi di motivazione fondata su argomenti aprioristici dal contenuto dimostrativo solo apparente.

2. Il Collegio rileva preliminarmente che il ricorso presentato da U.D. è radicalmente inammissibile, difettando il requisito della prova dell’avvenuto rilascio della procura speciale in favore del professionista che ha rappresentato il ricorrente di fronte a questa Corte di cassazione.

Si rileva, infatti, che, sebbene detto professionista dichiari nella intestazione dell’atto da lui redatto nell’interesse del ricorrente di essere portatore di mandato con procura speciale per il giudizio innanzi a questa Corte, di tale documento non vi è traccia nei fascicolo processuale.

Tale mancanza, essendo prescritto dall’art. 365 c.p.c., a pena di inammissibilità del ricorso, che questo sia sottoscritto da un avvocato munito di procura speciale, non può che importare la inammissibilità del ricorso.

3. Nulla per le spese, stante la sostanziale mancanza di attività difensiva da parte del Ministero dell’Interno.

4. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, deve darsi atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso per cassazione, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis ove dovuto (Corte di cassazione, Sezioni unite civili, n. 5314 del 2020).

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso;

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso per cassazione, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis ove dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Prima civile della Corte di cassazione, il 15 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 9 settembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA