Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24331 del 03/11/2020

Cassazione civile sez. I, 03/11/2020, (ud. 13/10/2020, dep. 03/11/2020), n.24331

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16376/2019 proposto da:

I.G., rappresentato e difeso dall’avv. Massimo

Gilardoni, (Pec: massimo.gilardoni.brescia.pecavvocati.it) giusta

procura speciale spillata in calce al ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, domiciliato in Roma, via dei Portoghesi 12,

presso l’Avvocatura generale dello Stato che lo rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BRESCIA, depositato il

04/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

13/10/2020 dal Cons. Dott. TERRUSI FRANCESCO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

I.G., (OMISSIS), ha proposto ricorso per cassazione contro il decreto del tribunale di Brescia che ha respinto la domanda di protezione internazionale;

il ministero dell’Interno ha replicato con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

la difesa del ricorrente ha premesso che la decisione impugnata era stata comunicata a mezzo Pec al procuratore costituito; ha omesso di specificare quando ciò sia avvenuto; a sua volta il ricorso per cassazione risulta notificato il 7.5.2019, a fronte del provvedimento depositato il 4-4-2019;

l’affermazione che la decisione era stata comunicata è decisiva, poichè invece il medesimo difensore ha prodotto in questa sede la sola copia del provvedimento nella versione non comunicata; tale copia non può considerarsi conforme poichè per l’appunto mancante dell’attestazione di avvenuta comunicazione;

stante il fine acceleratorio sotteso alla previsione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35-bis, anche in tema di protezione internazionale rileva la necessità di deposito della decisione comunicata al ricorrente gli a mezzo Pec, nel suo testo integrale, a cura della cancelleria, onde potersi così apprezzare la tempestività del ricorso per cassazione a fronte del termine breve stabilito dalla legge (v. Cass. Sez. U n. 8312-19);

l’omissione induce quindi a dichiarare il ricorso inammissibile.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in Euro 2.100,00, oltre le spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 13 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 3 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA