Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24316 del 16/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 16/10/2017, (ud. 26/04/2017, dep.16/10/2017),  n. 24316

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MATERA Lina – Presidente –

Dott. MANNA Felice – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19768-2013 proposto da:

P.R., ((OMISSIS)), in proprio e quale Liquidatore della

Società SAMOA – Società in Accomandita Semplice di B.C.

S.a.s. in Liquidazione, c.f. (OMISSIS)) elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA S. GIROLAMO EMILIANI 19, presso lo studio dell’avvocato

FRANCESCHINO D’APICE, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

G.C., quale erede di D.R.,

PE.TE.AN. in proprio e quale erede di C.B.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 3321/2012 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 21/06/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

26/04/2’917 dal Consigliere Dott. MANNA FELICE.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte:

Letti gli atti;

rilevato che la notificazione a mezzo del servizio postale del ricorso a Pe.Te.An. non risulta essersi perfezionata, in quanto parte ricorrente non ha depositato il relativo avviso di ricevimento;

che, pertanto, ai sensi dell’art. 291 c.p.c., va disposta l’integrazione del contraddittorio mediante la rinnovazione della notificazione stessa (cfr. Cass. S.U. n. 14124/10), che dovrà avvenire entro il termine di cui in dispositivo salvo parte ricorrente non dimostri, depositando l’avviso di ricevimento, che già la prima notificazione sia andata a buon fine.

PQM

 

La Corte ordina l’integrazione del contraddittorio mediante la rinnovazione della notificazione del ricorso a Pe.Te.An., entro il termine di gg. 90 dalla comunicazione della presente ordinanza, e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della seconda sezione civile della Corte Suprema di Cassazione, il 26 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 16 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA