Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24301 del 28/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 24301 Anno 2013
Presidente: CICALA MARIO
Relatore: COSENTINO ANTONELLO

ORDINANZA
sul ricorso 30722-2011 proposto da:
AGENZIA DEL TERRITORIO 80416110585 in persona del
Direttore Generale pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,
VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA
GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende, ope
legis;

– ricorrente contro
GIRARDI MATILDE, FEDERICI LILIA, GIRARDI ROSSELLA,
GIRARDI RODOLFO;

– intimati avverso la sentenza n. 226/33/2010 della Commissione Tributaria
Regionale di NAPOLI, depositata il 26/10/2010;

Data pubblicazione: 28/10/2013

,

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
25/09/2013 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONELLO
COSENTINO.
E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. RAFFAELE

rilevato che, ai sensi dell’art. 380 bis cod. proc. civ., è stata depositata in
cancelleria la relazione di seguito integralmente trascritta:
« L’Agenzia del Territorio ricorre per cassazione avverso la sentenza con
cui la Commissione Tributaria Regionale della Campania ha rigettato
l’appello dell’Ufficio avverso la sentenza della Commissione Tributaria
Provinciale di Napoli.
La pronuncia di primo grado aveva accolto il ricorso dei sig.ri Matile Girardi,
Rodolfo Girardi, Rossella Girardi e Lilia Federici avverso l’avviso di
classamento con cui l’ Agenzia del Territorio, sollecitata dal Comune di Napoli,
aveva provveduto a variare il classamento di un’unità immobiliare di loro
pertinenza.
I contribuenti non si sono costituiti.
Il ricorso deve essere rigettato
La Commissione Tributaria Regionale ha annullato l’avviso di classamento, tra
l’altro, per la ritenuta genericità e insufficienza della motivazione dell’avviso
impugnato.
Questa statuizione forma oggetto del motivo di ricorso con cui l’Agenzia,
richiamando l’articolo 7 1. 212/00, censura la sentenza gravata per violazione e
falsa applicazione della disciplina della motivazione degli atti catastali.
Il motivo va disatteso, perché l’assunto della difesa erariale secondo cui, in
relazione agli immobile urbani a destinazione ordinaria, l’avviso di
classamento catastale sarebbe sufficientemente motivato con la mera
indicazione dei dati tecnici (categoria, classe, consistenza e rendita) contrasta
col principio recentemente espresso da questa Corte (si veda l’ ordinanza n.
19956 del 14 novembre 2012, che fa seguito alla sentenza n. 9629 del 13
giugno 2012) – che “La motivazione del provvedimento di riclassamento di un
immobile già munito di rendita catastale deve esplicitare se il nuovo
classamento sia stato adottato, ai sensi del comma 336 dell’articolo 1 1.
311/04, in ragione di trasformazioni edilizie subite dall’unità immobiliare,
recando, in tal caso, l’analitica indicazione di tali trasformazioni; oppure se
il nuovo classamento sia stato adottato, ai sensi del comma 335 dell’articolo 1
l. 311/04, nell’ambito di una revisione dei parametri catastali della microzona
in cui l’immobile è situato, giustificata dal significativo scostamento del
rapporto tra valore di mercato e valore catastale in tale microzona rispetto
all’analogo rapporto nell’ insieme delle microzone comunali, recando, in tal
caso, la specifica menzione dei suddetti rapporti e del relativo scostamento;
oppure, ancora, se il nuovo classamento sia stato adottato ai sensi del comma
58 dell’articolo 3 1. 662/96 in ragione della constatata manifesta
incongruenza tra il precedente classamento dell’unità immobiliare e il
Ric. 2011 n. 30722 sez. MT – ud. 25-09-2013
-2-

CENICCOLA.

p/

che i contribuenti non si sono costituiti in questa sede;
che la relazione è stata comunicata al Pubblico Ministero e notificata alla
ricorrente;
che non sono state depositate memorie difensive.
Considerato che il Collegio, a seguito della discussione in camera di consiglio,
condivide la proposta del relatore;
che pertanto, riaffermati i principi sopra richiamati, il ricorso va rigettato;
che non vi è luogo a regolazione di spese, in considerazione della mancata
costituzione degli intimati.

P.Q.M.

Ric. 2011 n. 30722 sez. MT – ud. 25-09-2013
-3-

classamento di fabbricati similari aventi caratteristiche analoghe, recando,
in tal caso, la specifica individuazione di tali fabbricati, del loro classamento
e delle caratteristiche analoghe che li renderebbero similari all’unità
immobiliare oggetto di riclassamento.”
Ciò perché, come si chiarisce nella motivazione
della suddetta ordinanza, la
revisione della classificazione di un immobile – sia che essa sia stata avviata ai
sensi del comma 335 dell’articolo 1 della legge 311/2004, sia che essa sia stata
avviata ai sensi del comma 336 dello stesso articolo, sia che essa sia stata
avviata ai sensi del comma 58 dell’articolo 3 della legge 662/96 – deve in ogni
caso essere motivata in termini che esplicitino in maniera intellegibile le
specifiche giustificazioni della riclassificazione concretamente operata, nel
rispetto del disposto dell’articolo 7 della legge 212/00, laddove prescrive che
negli atti dell’amministrazione finanziaria vengano indicati “i presupposti di
fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione
dell’amministrazione”. Proprio la molteplicità delle possibili causali che
possono in concreto esser poste alla base di un atto di riclassarnento, infatti,
impone che la motivazione di un tale atto dia conto della causale concreta per
la quale quello specifico atto è stato adottato, cosicché il contribuente sia
messo in grado di comprenderla e di valutare le sue opportunità di difesa. La
motivazione dell’atto di riclassamento, in sostanza, non può risolversi in un
generico elenco di causali astratte, prive di riferimenti specifici alla fattispecie
concreta e non univocamente collegate al parametro normativo richiamato
nell’atto stesso.
Il rigetto della doglianza della ricorrente avverso la statuizione della
Commissione Tributaria Regionale relativa alla illegittimità dell’atto di
riclassamento per l’ inadeguatezza della relativa motivazione elide l’ interesse
della stessa ricorrente ad una pronuncia sugli altri motivi di ricorso, perché il
difetto di motivazione dell’atto dell’Ufficio costituisce ragione
autonomamente sufficiente a sorreggere la pronuncia di annullamento di tale
atto contenuta nella sentenza gravata.
Si propone il rigetto del ricorso..>>

La Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma il 25 settembre 2013.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA