Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24231 del 28/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 24231 Anno 2013
Presidente: LA TERZA MAURA
Relatore: GARRI FABRIZIA

Data pubblicazione: 28/10/2013

ORDINANZA
sul ricorso 6401-2011 proposto da:
BRUNO NICOLO’ BRNNCL60E21L331J, CUCCO ROSA MARIA
CCCRMR66D44G273A,

FERRUZZA MARIA LUCIA

FRRMLC61L57F205R, POLIZZI COSTANZA
PLZCTN64R48H501G, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA
PIAVE 52, presso lo studio dell’avvocato CARCIONE RENATO,
che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato SCIORTINO
TERESA MARIA giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrenti contro
ASSESSORATO BENI CULTURALI ED ABIENTALI E
P.I.DELLA REGIONE SICILIA, in persona dell’Assessore pro
tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

o,

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

contron’corrente

avverso la sentenza n. 25/2010 della CORTE D’APPELLO di

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
03/10/2013 dal Consigliere Relatore Dott. FABRIZIA GARRI;
è presente il P.G. in persona del Dott. GIULIO ROMANO che ha
concluso per l’estinzione del ricorso per rinuncia.
Fatto e diritto
La controversia riguarda l’inquadramento dei vincitori del concorso
per dirigente tecnico (da inquadrare, secondo il bando, nella VIII^
qualifica funzionale) bandito nel marzo 2000, prima della
riorganizzazione del personale della Regione Sicilia, attuata con legge
regionale n. 10 del 15 maggio 2000 in conformità del D. Lgs. n. 29 del
1993 e la cui assunzione è avvenuta successivamente all’approvazione
di tale legge, che aveva modificato l’inquadramento del personale e
istituito la nuova qualifica dirigenziale, articolata in due fasce e in una
terza transitoria ad esaurimento.
In particolare, mentre la Regione aveva inquadrato i vincitori del concorso, tra i quali gli attuali ricorrenti, nella nuova categoria D, relativa
al personale non dirigenziale, i dipendenti pretendono l’inquadramento
nella nuova terza fascia dirigenziale, alla stregua di quanto previsto
dall’art. 6 delle citata legge regionale.
I giudici di merito, aditi nei due gradi, hanno dato torto ai ricorrenti, da
ultimo con la sentenza depositata il 16 marzo 2010, con la quale la
Corte d’appello di Palermo ha ritenuto corretto l’inquadramento
effettuato, che non poteva ritenersi vincolato alle previsioni del bando,
Ric. 2011 rt. 06401 sez. ML – ud. 03-10-2013
-2-

PALERMO del 14/01/2010, depositata il 16/03/2010;

stante la diversità del sistema di classificazione medio tempore introdotto
ed essendo esclusa l’applicazione analogica della disposizione
transitoria di cui all’art. 6 della legge regionale n. 10/2000, siccome
espressamente limitata al personale in servizio al momento di entrata
in vigore della legge stessa.

la cassazione della sentenza indicata.
Resiste alle domande l’assessorato competente della Regione con
rituale controricorso.
Tanto premesso si rileva che con atto del 9.9.2013, notificato alla parte
intimata il 16 settembre successivo, i ricorrenti hanno dichiarato di
rinunciare al ricorso per Cassazione ed hanno chiesto che le spese del
giudizio venissero compensate.
Ne segue che essendo venuto meno l’interesse della parte ricorrente ad
ottenere la decisione della controversia il ricorso va dichiarato
inammissibile.
Negli atti non si rinviene infatti una formale accettazione da parte
dell’intimato della rinuncia che è stata sottoscritta per accettazione solo
per quanto concerne la richiesta di compensazione delle spese.
Anche per tale ragione, oltre che per la natura particolarmente
controversa della questione di merito risolta dalle sezioni unite solo nel
2012 con le sentenze nn.16728/12 a 16734/12 e dunque
successivamente al deposito del ricorso in Cassazione, giustifica la
compensazione tra le parti delle spese del presente giudizio.
PQM
LA CORTE
Dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuto difetto di interesse
alla decisione. Compensa le spese del giudizio.
Così deciso in Roma il 3.10.2013

Costanza Polizzi e gli altri litisconsorti ricorrono, con nove motivi, per

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA