Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24218 del 13/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 13/10/2017, (ud. 20/06/2017, dep.13/10/2017),  n. 24218

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BALESTRIERI Federico – Presidente –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16668-2012 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA VIALE

MAZZINI 134 presso lo studio dell’avvocato FIORILLO LUIGI che la

rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

D.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 4143/2010 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 12/07/2011 R.G.N. 2993/06;

Fatto

RILEVATO

– che con sentenza del 12 luglio 2011, la Corte d’Appello di Napoli, in parziale riforma della decisione resa dal Tribunale di Napoli, accoglieva la domanda proposta da D.A. nei confronti di Poste Italiane S.p.A., avente ad oggetto la declaratoria di nullità del contratto a termine concluso tra le parti, relativamente al periodo 17.8/30.9.2000, per “necessità di espletamento del servizio in concomitanza di assenze per ferie” nonchè “in funzione di punte di più intensa attività stagionale” ai sensi dell’art. 8 del CCNL del 26.11.1994, sancendo la conversione a tempo indeterminato del rapporto, la riammissione in servizio e la spettanza del risarcimento del danno relativo dalla data della notifica del ricorso introduttivo;

– che la decisione della Corte territoriale discende dall’aver questa ritenuto infondata l’eccezione concernete l’intervenuta risoluzione del rapporto per mutuo consenso; soggetta la fattispecie alla disciplina di cui al D.Lgs. n. 368 del 2001 da assumersi violata per la mancata prova del nesso causale tra l’assunzione a termine e l’esigenza invocata; ripristinato il rapporto e dovuto il risarcimento in misura pari alle retribuzioni maturate dalla data della messa in mora della Società datrice;

– che per la cassazione di tale decisione ricorre la Società, affidando l’impugnazione a tre motivi, in relazione alla quale l’intimato non ha svolto alcuna attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO

– che con il primo motivo, la Società ricorrente, nel denunciare la violazione e falsa applicazione dell’art. 1372,1175,1375,2697,1427 e 1431 c.c. e art. 100 c.p.c. in una con il vizio di motivazione, lamenta la non conformità a diritto e l’incongruità logica della pronunzia di rigetto dell’eccezione di risoluzione del rapporto per mutuo consenso, tempestivamente formulata;

– che con il secondo motivo, denunciando il vizio di motivazione in una con la violazione e falsa applicazione degli artt. 8 del CCNL 26.11.1994, L. n. 56 del 1987, art. 23 e art. 1362 c.c., la Società ricorrente deduce la non conformità a diritto e l’incongruità logica della pronunzia della Corte territoriale formulata alla stregua di un errato parametro normativo;

– che il terzo motivo, è inteso a censurare l’erroneità della pronunzia della Corte territoriale in ordine alle conseguenze sanzionatorie della dichiarata nullità del termine con riguardo allo ius superveniens di cui alla L. n. 183 del 2010, art. 32;

– che il primo motivo deve ritenersi palesemente infondato alla luce del consolidato orientamento di questa Corte di recente ribadito dalle sezioni unite di questa Corte con la sentenza 27.10.2016, n. 21691, secondo cui la mancata impugnazione della clausola appositiva del termine viene considerata indicativa della volontà di estinguere il rapporto di lavoro tra le parti a condizione che la durata di tale comportamento omissivo sia particolarmente rilevante e che concorra con altri elementi parimenti significativi della predetta volontà abdicativa, così che la stessa risulti in modo univoco, valutazione questa rimessa al giudice del merito e, se, come nel caso di specie, congruamente motivata, avendo la Corte territoriale rilevato la mancata allegazione di elementi ulteriori, sottratta al sindacato del giudice di legittimità;

– che, di contro, il secondo motivo risulta fondato, essendo palese l’inapplicabilità alla fattispecie dedotta in giudizio del parametro normativo cui fa riferimento la Corte territoriale;

– che, il terzo motivo resta assorbito, dovendosi ritenere, alla stregua dell’esatto parametro normativo dato dall’art. 8 del CCNL 26.11.1994, la piena legittimità dell’assunzione a termine del lavoratore, essendo sufficiente, ai fini della validità della causale invocata, che l’assunzione medesima sia intervenuta nel periodo assunto a riferimento dalla norma predetta;

che, dunque, rigettato il primo motivo, va accolto il secondo, restando assorbito il terzo, l’impugnata sentenza cassata e la controversia decisa nel merito ex art. 384 c.p.c. con pronunzia in ordine alle spese da liquidarsi secondo il criterio della soccombenza, come da dispositivo.

PQM

 

La Corte accoglie il secondo motivo, rigettato il primo e assorbito il terzo, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta la domanda di D.A. e condanna il medesimo a rimborsare alla Società ricorrente le spese di lite, che liquida, per il 1^ grado, in Euro 1.300,00 complessive e per il 2^ grado, in Euro 1.500,00 complessive ed Euro 200,00 per compensi nonchè Euro 4.000,00 per compensi, oltre spese generali al 15% ed altri accessori di legge per il presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 20 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 13 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA