Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24057 del 23/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 24057 Anno 2013
Presidente: DI PALMA SALVATORE
Relatore: SCALDAFERRI ANDREA

ORDINANZA
sul regolamento di competenza d’ufficio proposto dal Tribunale di
Brindisi con ordinanza n. R.G. 104/2012 del 13/11/2012, depositata il
14/11/2012 nel procedimento pendente tra:
BUZZI UNICEM SPA, in persona dell’Amministratore delegato,
elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZALE CLODI0,22, presso
lo studio dell’avvocato CASSIANO ANTONIO, rappresentata e
difesa dagli avvocati PIERO CAIRE, FRANCO BAZZI;

– ricorrente CALCESTRUZZI ALTAMURA DI ALTAMURA MICHELE & C
SAS;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
09/07/2013 dal Consigliere Relatore Dott. ANDREA
SCALDAFERRI;

Data pubblicazione: 23/10/2013

frV

è presente il P.G. in persona del Dott. ANTONIETTA CARESTIA
che ha concluso come da relazione.

In fatto e in diritto
Rilevato che il Tribunale di Bari, adito da Buzzi Unicem s.p.a. per la

Altamura Michele & c., con decreto del 7 maggio 2012 dichiarava la
propria incompetenza per territorio, ritenendo competente il Tribunale
di Brindisi avendo la società trasferito la propria sede in Ostuni il 26
aprile 2011;
che, ricevuti gli atti, il Tribunale di Brindisi ha richiesto d’ufficio il
regolamento di competenza rilevando che, ai sensi dell’art.9 comma 2
L.fall., il trasferimento della sede in Ostuni era avvenuto nell’anno
precedente l’istanza di fallimento;
che Buzzi Unicem s.p.a. ha depositato memoria adesiva all’istanza di
regolamento, ed in tal senso si è espresso anche il Procuratore
Generale nelle sue conclusioni scritte;
ritenuto che l’istanza di regolamento è fondata, atteso che: a)dagli atti
risulta che la s.a.s. Calcestruzzi Altamura ha trasferito la propria sede
legale da Altamura a Ostuni il 26 aprile 2011, quindi nell’anno
antecedente il deposito dell’istanza di fallimento presso il Tribunale di
Bari, avvenuto il 24 gennaio 2012; b)che l’art.9 comma 2 1.fall. (come
modificato dalla legge n.5/2006) stabilisce l’irrilevanza, ai fini della
competenza, del trasferimento della sede dell’impresa avvenuto entro
l’anno anteriore alla istanza di fallimento;
che pertanto si impone l’annullamento del decreto emesso dal
Tribunale di Bari e la declaratoria della competenza di quest’ultimo,
dinanzi al quale vanno rimesse le parti.
P. Q.M.
Ric. 2012 n. 26942 sez. M1 – ud. 09-07-2013
-2-

dichiarazione di fallimento della s.a.s. Calcestruzzi Altamura di

La Corte dichiara la competenza del Tribunale di Bari, dinanzi al quale
rimette le parti annullando il decreto impugnato.

Roma, 9 luglio 2013

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA