Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24055 del 12/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 12/10/2017, (ud. 23/06/2017, dep.12/10/2017),  n. 24055

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 2648-2015 proposto da:

M.E.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR presso la CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

ROSSELLA SCIAVI;

– ricorrente –

contro

CREDITO VALTELLINESE SOC COOP, in persona del procuratore speciale,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PREFETTI, 17, presso lo

studio dell’avvocato DOMENICO RICCIA, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato MICHELE MAZZA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2548/2014 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 02/07/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/06/2017 dal Consigliere Dott. MASSIMO FALABELLA.

Fatto

OSSERVA

In data 26 ottobre 2006 Marano Grazia vendeva a M.E.A. la sua quota di proprietà di un appartamento sito in (OMISSIS) e con il medesimo atto M.L., marito di Ma.Gr., vendeva al cognato M.E.A. l’altra quota dei predetti immobili: la vendita veniva conclusa per il prezzo complessivo di Euro 45.000,00.

Con citazione del marzo 2008 Credito Valtellinese soc. coop. conveniva in giudizio avanti al Tribunale di Sondrio la venditrice Ma. e l’acquirente M.E.A. per sentire dichiarare inefficace la compravendita a norma dell’art. 2901 c.c..

Il 24 gennaio 2011 il Tribunale di Sondrio accoglieva la domanda dell’istituto di credito.

La sentenza era impugnata da M. e, nella resistenza del Credito Valtellinese, la Corte di appello di Milano in data 25 giugno 2014 respingeva il gravame.

Contro tale pronuncia M.E.A. ha proposto un ricorso per cassazione basato su tre motivi.

Il Credito Valtellinese si è difeso con controricorso.

Il primo motivo denuncia nullità della sentenza per omessa pronuncia sulla domanda di nullità della sentenza di primo grado.

Il secondo motivo lamenta violazione e falsa applicazione dell’art.

2901 c.c..

Il terzo motivo censura la sentenza impugnata per violazione e falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., dell’art. 232 c.p.c. e dell’art. 2727 c.c..

Avendo il relatore individuato una ipotesi di inammissibilità del ricorso per tardività dello stesso, si è fatto luogo alla fissazione dell’adunanza della Corte per la trattazione della causa in camera di consiglio.

Il Collegio, a norma dell’art. 380 bis c.p.c., comma 3, ritiene che non si ravvisi una evidenza decisoria tale da permettere la definizione del ricorso presso la c.d. sezione filtro, sicchè esso deve essere avviato alla discussione in pubblica udienza presso la sezione prima, tabellarmente competente.

PQM

 

La Corte:

dispone la rimessione del ricorso alla pubblica udienza della sezione prima.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile, il 23 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 12 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA