Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24041 del 16/11/2011

Cassazione civile sez. VI, 16/11/2011, (ud. 20/10/2011, dep. 16/11/2011), n.24041

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 25571/2010 proposto da:

M.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DEI GRACCHI 187, presso lo studio dell’avvocato MAGNANO DI

SAN LIO Giovanni, che lo rappresenta e difende unitamente agli

avvocati EBERLE PATRIZIA, MAUCERI SALVATORE giusta mandato speciale

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

ITAS – ISTITUTO TRENTINO ALTO ADIGE PER ASSICURAZIONI MUTUA DI

ASSICURAZIONI SPA (OMISSIS), in persona del Presidente legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

LEONIDA BISSOLATI 76, presso lo studio dell’avvocato SPINELLI

GIORDANO Tommaso, che la rappresenta e difende unitamente

all’avvocato PORTO MAURO giusta procura speciale a margine del

controricorso;

– controricorrente –

e contro

A.R. (OMISSIS), NUOVA TIRRENIA ASSICURAZIONI

SPA (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 1121/2009 della CORTE D’APPELLO di CATANIA del

13/07/09 depositata il 07/08/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

20/10/2011 dal Consigliere Relatore Dott. RAFFAELE FRASCA;

udito l’Avvocato Nicola Rivellese (delega avvocato Tommaso Spinelli

Giordano), difensore della controricorrente che si riporta agli

scritti;

è presente il P.G. in persona del Dott. CARLO DESTRO che si riporta

alla relazione.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

quanto segue:

p. 1. M.M. ha proposto ricorso per cassazione contro l’ITAS-Istituto Trentino Alto-Adige per Assicurazioni, Società Mutua Assicurazioni, nonchè contro A.R. e la Nuova Tirrena Assicurazioni s.p.a. avverso la sentenza resa in grado di appello dalla Corte d’Appello di Catania il 7 agosto 2009.

Ha resistito soltanto l’ITAS. P. 2. Prestandosi il ricorso ad essere trattato con il procedimento di cui all’art. 380 bis c.p.c., E’ stata redatta relazione ai sensi di tale norma, che è stata notificata agli avvocati delle parti costituite e comunicata al Pubblico Ministero presso la Corte.

Parte ricorrente ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

quanto segue:

p. 1. Nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., sono state esposte le seguenti considerazioni:

“(…) 2. Il ricorso dev’essere trattato con il procedimento di cui all’art. 380 bis c.p.c., a norma del suo terzo comma, in quanto dev’essere ordinato – a norma dell’art. 375 c.p.c., n. 2 – il rinnovo della notificazione alla A. ed alla s.p.a. Nuova Tirrena Assicurazioni, atteso che le notificazioni del ricorso nei loro riguardi, siccome ha dedotto la resistente e ammette lo stesso ricorrente (che all’uopo ha instato di essere autorizzato al rinnovo), risultano effettuate presso i rispettivi difensori nel giudizio di primo grado, nonostante che essi siano rimasti contumaci nel giudizio di appello.

La rinnovazione dovrà farsi personalmente a dette parti.

Se del caso, il ricorrente, una volta ricevuta notificazione della presente relazione, potrà anche procedere spontaneamente al rinnovo della notificazione, in ossequio al principio della ragionevole durata del processo”.

p. 2. Nella sua memoria parte ricorrente conviene della necessità di un rinnovo della notificazione e fa presente di non avervi potuto procedere spontaneamente, in ragione della ristrettezza dei tempi fra il momento in cui ha ricevuto notificazione della relazione e l’odierna adunanza.

Il Collegio rileva, quindi, che deve senz’altro ordinarsi al ricorrente di procedere alla rinnovazione della notificazione alla A. ed alla s.p.a. Nuova Tirrena Assicurazioni. All’uopo si concede termine di giorni sessanta giorni da oggi/ovvero dalla comunicazione del deposito della presente, con obbligo di provvedere al deposito dell’atto notificato nel termine previsto dall’art. 371 bis c.p.c..

P.Q.M.

La Corte ordina al ricorrente di procedere alla rinnovazione della notificazione del ricorso a A.R. ed alla s.p.a. Nuova Tirrena Assicurazioni, unitamente a copia della presente ordinanza ovvero dando atto di essa in calce alla copia notificanda del ricorso. All’uopo si concede termine perentorio di giorni sessanta dalla comunicazione del deposito della presente, con obbligo di provvedere al successivo deposito dell’atto notificato nel termine previsto dall’art. 371 bis c.p.c..

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3, il 20 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 16 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA